Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Freedom United sul lavoro sessuale e costruzione di resilienza alla tratta

  • Edizione del
    23 Agosto 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Frodi
Banner eroe

Il direttore esecutivo di Freedom United, Joanna Ewart-James, spiega perché Freedom United sostiene la piena depenalizzazione del lavoro sessuale come mezzo per costruire la resilienza alla tratta e come Freedom United è uscita dal recinto. Questo articolo è stato originariamente pubblicato in democrazia aperta.

 

Le recinzioni non sono posti comodi, ma quando si tratta di lavoro sessuale le organizzazioni anti-tratta si stanno arrampicando per un trespolo. A loro piace lassù perché impedisce loro di essere risucchiati in una discussione politica di vecchia data, in cui una parte dichiara che tutta la prostituzione (mai lavoro sessuale) è sfruttamento e quindi tratta, mentre l'altra sostiene che la prostituzione è lavoro. Questa divisione si estende anche alle proposte politiche. Una parte spinge verso una forma di criminalizzazione addolcita da riferimenti 'nordici'. L'altro sostiene che le lavoratrici del sesso ei diritti delle lavoratrici del sesso dovrebbero essere protetti, anche dalla tratta, e che la criminalizzazione fa male piuttosto che aiutare. Questo non è l'unico dibattito polarizzante all'interno dei circoli anti-tratta, ma è particolarmente rumoroso. Molte persone stanno facendo del loro meglio per starne fuori.

In questo ambiente politico acceso, la recinzione sembra uno spazio sicuro da cui guardare il dibattito senza rischiare partnership, alleati, finanziamenti e sostenitori. Molti sostenitori della recinzione sono organizzazioni incentrate sui diritti umani per le quali la depenalizzazione del lavoro sessuale sarebbe una scelta naturale, ma per un motivo o per l'altro non si sentono a proprio agio nel prendere una posizione pubblica. Alcuni grandi nomi hanno preso posizione. Sia Amnesty International che Human Rights Watch hanno sostenuto con forza il motivo per cui la depenalizzazione dell'industria del sesso proteggerebbe i diritti umani e creerebbe resilienza alla tratta a scopo di sfruttamento sessuale, ed entrambe le organizzazioni sono state pesantemente criticate per averlo fatto. Le loro esperienze hanno rafforzato le tendenze esistenti all'interno dei circoli dei diritti umani per evitare di prendere una posizione pubblica sul sesso commerciale, poiché altre organizzazioni non vogliono che accada loro la stessa cosa.

Parte della sfida per cambiare questa dinamica è il grado in cui il sesso commerciale domina la conversazione contro la tratta. La conseguenza di ciò è stata che, per lungo tempo, il traffico in altri settori è stato gravemente trascurato. Quel disinteresse ha creato involontariamente uno spazio protetto per i nuovi entranti. Man mano che apparivano sempre più organizzazioni anti-tratta, il lavoro si divideva in gran parte tra quelle che si concentravano sul traffico sessuale attraverso una lente di prostituzione e quelle che si concentravano sul traffico non legato al sesso - un modo per operare senza pestare i piedi. Usare il loro focus programmatico come scusa per tenere i paraocchi ha mantenuto la pace, ma le prostitute e la loro capacità di combattere lo sfruttamento e la tratta ne hanno risentito.

Facendo i nostri primi passi fuori dal recinto

Nel caso della mia organizzazione, Freedom United, la nostra mancanza di coinvolgimento nei dibattiti sullo sfruttamento sessuale è diventata il proverbiale "elefante nella stanza" mentre cercavamo di presentare ai nostri sostenitori un quadro accurato e completo della schiavitù moderna di oggi. Stavamo producendo campagne e contenuti che affrontavano i modi apparentemente infiniti in cui le persone possono essere sfruttate e abusate, ma non ci siamo occupati in modo specifico di dibattiti sullo sfruttamento nel sesso commerciale. Si è deciso di porre rimedio a questo squilibrio. L'inizio di questo viaggio è stata anche l'occasione per allontanarci ancora di più da progetti che trovavamo dubbi, ad esempio rifiutando inviti a partecipare a film sensazionalistici sulla tratta a scopo di sfruttamento sessuale.

Il nostro primo passo è stato quello di istruirci su come i diritti delle lavoratrici del sesso siano essenziali per i sistemi resilienti contro la tratta a scopo di sfruttamento sessuale. A tal fine, Freedom United ha intervistato rappresentanti di entrambi Empower Foundation in Thailandia e il collettivo inglese delle prostitute nel 2020 al fine di comprendere meglio come le organizzazioni guidate da prostitute siano state escluse dagli spazi anti-tratta e perché le "incursioni e i soccorsi" della polizia siano dannosi.

Non molto tempo dopo questo evento, Freedom United iniziò una campagna incentrata su Pornhub. Il nostro obiettivo non era chiuderlo e criminalizzare l'industria del porno, come volevano alcuni attivisti, ma introdurre invece cambiamenti che avrebbero aiutato le vittime della tratta, affrontando le legittime preoccupazioni della pirateria sollevate da attori adulti e prostitute. Questo era un terreno politico delicato. Abbiamo redatto con cura il materiale della nostra campagna per chiarire che stavamo chiedendo a Pornhub di attuare misure per prevenire lo sfruttamento delle vittime della tratta attraverso misure come la verifica dell'età e del consenso, e quindi di affrontare alcuni orribili esempi di abuso sessuale sul loro sito. Fondamentalmente, questa campagna ha anche cercato di affrontare le critiche di vecchia data delle lavoratrici del sesso nel settore riguardo alla mancanza di una regolamentazione efficace. Mindgeek, la società controllante di Pornhub, aveva “destabilizzato e monopolizzato” l'industria, favorendo così forme di pirateria che avevano un grave impatto sul sostentamento degli artisti.

Entrare nella mischia politica

Questa campagna di Pornhub ha reso impossibile per Freedom United eludere le discussioni su atteggiamenti e approcci al sesso commerciale. Allo stesso tempo, Pornhub era anche preso di mira da un'organizzazione chiamata "Traffickinghub", a sua volta collegata al gruppo fondamentalista Exodus Cry. Il loro obiettivo era quello di fermare la pornografia e il lavoro sessuale senza alcun riguardo per come ciò avrebbe ulteriormente stigmatizzato le lavoratrici del sesso. Questo ha creato sfide di messaggistica. Avevamo paura che l'attenta formulazione e il linguaggio della nostra campagna si perdessero tra il rumore generato da Exodus Cry, e questo ci ha costretto a impegnarci maggiormente per differenziare chiaramente Freedom United dalle campagne di "domanda finale" guidate da organizzazioni anti-tratta che hanno favorito soluzioni carcerarie .

Abbiamo ulteriormente chiarito la nostra posizione sul lavoro sessuale in a sottomissione ad una consultazione pubblica organizzata dal governo scozzese sul tema della 'Equally Safe: sfidare la domanda di prostituzione degli uomini'. A nostro avviso, abbiamo concluso che le prove disponibili suggerivano che la parziale criminalizzazione del lavoro sessuale, il cosiddetto "modello nordico", non sarebbe efficace nella prevenzione della tratta di esseri umani. Con questa osservazione Freedom United ha effettivamente dimostrato di aver deciso che non valeva più la pena di mantenere una posizione indecisa per salvare le relazioni.

Una volta fuori dal recinto, abbiamo scoperto che era necessario prendere una posizione pubblica ancora più forte. Nel dicembre 2020 l'International Slavery Museum di Liverpool, in Inghilterra, ha annunciato la mostra "ArtXFreedom" per documentare visivamente l'opposizione al traffico sessuale. Questa mostra è stata prodotta in collaborazione con Traffickinghub ed Exodus Cry e presentava immagini disumanizzanti che includevano l'immagine di una donna nuda con del nastro adesivo sulla bocca e commenti offensivi incollati sul suo corpo. Queste immagini erano direttamente contrarie alle linee guida sui contenuti sviluppate da Freedom United per la nostra campagna inaugurale, La mia storia, la mia dignità, che invita sia i media che le altre organizzazioni non profit ad adottare linee guida per contribuire a porre fine al sensazionalismo spesso utilizzato quando si descrive la tratta.

Date le circostanze, Freedom United si è sentita obbligata a unirsi a molti altri in parlare pubblicamente contro la mostra Traffickinghub. In risposta a questa critica, il National Museums Liverpool ha rapidamente ritirato la mostra. Molte organizzazioni sono riluttanti a chiamare in causa altre organizzazioni che lavorano nello stesso campo, ma questa mostra è stata davvero dannosa sia per le vittime della tratta che per le prostitute, quindi abbiamo deciso che era importante prendere una posizione pubblica chiara.

Cosa ne pensano i nostri sostenitori?

Era importante per noi scoprire dove si trovavano i sostenitori di Freedom United sul tema della depenalizzazione del lavoro sessuale in questo frangente, dal momento che sono cruciali per la nostra teoria del cambiamento del movimento sociale. Abbiamo quindi condotto un sondaggio che includeva la domanda "Vorresti vedere Freedom United lavorare sulla lotta al traffico sessuale attraverso la depenalizzazione del lavoro sessuale?" Due terzi dei nostri intervistati hanno risposto "Sì". Sapevamo che avremmo rischiato di perdere alcuni dei nostri sostenitori parlando a favore della depenalizzazione, ma il sondaggio ha suggerito che la maggioranza sarebbe rimasta con noi.

Come parte di questo esercizio, abbiamo anche cercato di organizzare un dibattito dal vivo sul modo migliore per affrontare il traffico sessuale tra i sostenitori della depenalizzazione e i sostenitori del modello nordico (domanda finale). Abbiamo invitato diversi oratori da entrambe le parti dell'argomento a partecipare, ma solo i sostenitori della depenalizzazione erano interessati a partecipare. I sostenitori della "richiesta finale" hanno rifiutato o ignorato i nostri inviti. Di conseguenza, il nostro webinar ha presentato principalmente voci che si sono espresse a favore della depenalizzazione come soluzione più efficace. Questa mancanza di equilibrio è stata rapidamente colta dagli attivisti della domanda finale. Anche le persone che abbiamo invitato (e che hanno scelto di non rispondere) hanno trovato da sole a firmare una lettera aperta di Nordic Model Now! esprimendo le loro “gravissime preoccupazioni per il webinar”, a cui anche Freedom United prontamente risposto.

Ora che Freedom United aveva consolidato la nostra posizione, avevamo anche bisogno di sviluppare e condividere informazioni e materiali della campagna che spiegassero gli approcci e perché sosteniamo la depenalizzazione. Volevamo dimostrare che ci saremmo impegnati attivamente con le organizzazioni di prostitute e le loro preoccupazioni. Un modo in cui lo abbiamo fatto finora è stato quello di presentare prove ai recenti dibattiti del municipio in Ontario, Canada, per contrastare gli sforzi per criminalizzare i saloni di massaggio come una strategia efficace per affrontare il traffico sessuale. A tal fine, abbiamo creato un hub di risorse che ha riunito il lavoro di Freedom United su tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Questa risorsa in crescita include una spiegazione del perché sosteniamo la depenalizzazione, Pagine di domande e risposte, miti comuni e un avvertimento al movimento anti-tratta sul traffico di pianto dove non è stato ancora dimostrato.

I finanziamenti fanno girare il mondo?

Freedom United ha un grande vantaggio organizzativo rispetto a molti dei nostri colleghi: abbiamo fonti di finanziamento indipendenti che non influenzano né esplicitamente né implicitamente il nostro lavoro. Questo ci consente di tracciare un percorso indipendente quando si tratta di affrontare la tratta di esseri umani. Tale libertà è rara. Il movimento per i diritti umani non è inondato di finanziamenti, e le preferenze e le esigenze dei finanziatori sono probabilmente uno dei fattori più significativi che tengono le organizzazioni sul recinto del lavoro sessuale. I timori di perdere entrate future spesso sfociano nell'autocensura e ci sono momenti in cui non prendere una posizione sul lavoro sessuale è definito come un requisito esplicito per il supporto.

I finanziamenti del governo degli Stati Uniti, uno degli attori più influenti nello spazio anti-tratta, sono accompagnati da una famigerata clausola che impedisce direttamente alle organizzazioni beneficiarie di svolgere attività che "promuovono o sostengono la legalizzazione o la pratica della prostituzione o del traffico sessuale". Allo stesso modo, l'Anti-Prostitution Pledge richiede alle organizzazioni di avere una politica esplicita contro il lavoro sessuale e la tratta e di accettare di non utilizzare fondi privati ​​per sostenere le prostitute. Questo è stato contestato con successo dalle organizzazioni no profit statunitensi che hanno ricevuto fondi federali per combattere l'HIV/AIDS nel 2013 come violazione dei diritti del Primo Emendamento alla libertà di parola. Tuttavia, anche in questo programma la Corte Suprema degli Stati Uniti ha recentemente stabilito che questo tipo di restrizioni potrebbe ancora essere imposto ai beneficiari residenti all'estero, una decisione che non è di buon auspicio per le organizzazioni che ricevono finanziamenti anti-tratta pronte a contestare la clausola.

Questo crea un grande dilemma. Il vantaggio di parlare pubblicamente a sostegno dei diritti delle lavoratrici del sesso come strategia di resilienza alla tratta vale il probabile costo della perdita di fondi? L'obiettivo deve, o meglio dovrebbe essere, promuovere progressi verso la fine della tratta e combattere le misure che la minano. Qui sta una sfida: perseguire un approccio che affronti le opinioni popolari nella speranza che le prove cambino gli atteggiamenti (e alla fine raggiungano finanziatori e politiche di finanziamento); ma pur perseguendo quel cambiamento, mantenendo risorse sufficienti per essere in grado di farlo.

Ora è il momento di parlare del lavoro sessuale

Le organizzazioni anti-tratta devono essere preparate a costruire ponti quando scelgono di entrare nella mischia e parlare a favore della depenalizzazione. La polarizzazione ha comprensibilmente causato una mentalità "noi" e "loro", poiché alcune organizzazioni anti-tratta continuano a impedire attivamente il perseguimento dei diritti delle prostitute, esponendole a un rischio maggiore di violenza, abusi e tratta.

Tuttavia, non è necessario che questo sia un dibattito polarizzante. L'evidenza è chiara che la piena depenalizzazione del lavoro sessuale costruisce la resilienza alla tratta sia aumentando il potere negoziale delle lavoratrici del sesso sulle condizioni di lavoro sia creando spazio per segnalare preoccupazioni e invitando gli altri a renderne conto senza timore di sanzioni. Freedom United sta costruendo alleanze con organizzazioni che sono disposte a prendere posizione e a trovare modi per creare spazi sicuri in cui individui e organizzazioni possano esplorare unendosi a noi. Gli attivisti per i diritti umani spesso dichiarano che "il silenzio è accettazione". Per le organizzazioni anti-tratta "basate sui diritti" che restano in disparte, ora è il momento di parlare.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Carlo Pigden
Carlo Pigden
anni fa, 2

Da neozelandese posso dire che almeno in alcuni casi la legalizzazione della prostituzione funziona abbastanza bene. Quindi sono favorevole. Legalizzare e regolamentare, come con qualsiasi altra attività.

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più