Leader filantropi uniti contro i matrimoni precoci - FreedomUnited.org

Leader filantropi uniti contro i matrimoni precoci

  • Edizione del
    21 Novembre 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Attivisti contro la schiavitù, matrimonio forzato
Banner eroe

Michelle Obama, Amal Clooney e Melinda French Gates hanno recentemente visitato il Malawi e il Sud Africa annunciando al BBC il loro obiettivo è quello di porre fine ai matrimoni precoci entro una generazione, attraverso la collaborazione tra le loro fondazioni.

Hanno incontrato ragazze colpite dal problema, tra cui Lucy, che si è opposta al desiderio di suo padre di sposare un uomo più anziano all'età di 14 anni – ed è così sfuggita al matrimonio forzato da bambina, che è riconosciuto come una forma di schiavitù moderna.

Invece, Lucy è diventata la prima ragazza nel suo villaggio ad andare all’università e ora sostiene altre ragazze in Malawi vulnerabili a essere costrette a sposarsi, per continuare a studiare.

I lenti progressi di una questione globale

Il matrimonio precoce persiste in tutto il mondo. Più di 650 milioni di ragazze e donne vive oggi si sposano prima dei 18 anni, e più di 12 milioni di ragazze ogni anno si aggiungono a quel numero quando si sposano con cerimonie legali e tradizionali. Anche quando esistono barriere legali, le barriere culturali rendono difficile il cambiamento. Secondo l’ONU, al ritmo attuale dei progressi, ci vorranno 300 anni per sradicare i matrimoni precoci in tutto il mondo.

“È una questione che potrà essere risolta domani. Se tutti i leader mondiali si unissero e ne facessero una priorità, non ci vorrebbero 300 anni. Potrebbe accadere in meno di una generazione”. - Michelle Obama

Più un bambino è piccolo, meno controllo ha per dare il suo libero consenso al matrimonio e più possono essere vulnerabili alla schiavitù.

Triplice collaborazione contro i matrimoni precoci

L'anno scorso le tre donne hanno annunciato la collaborazione delle loro organizzazioni, che agiscono tutte da prospettive diverse, ma correlate. La fondazione Girls Opportunity Alliance di Michelle Obama si concentra sull'aumento dell'accesso delle ragazze all'istruzione, qualcosa che è ostacolato dai matrimoni tra adolescenti. Il programma Waging Justice for Women di Amal Clooney offre assistenza legale sotto forma di sensibilizzazione e creazione di cliniche legali per insegnare alle donne i loro diritti. Infine, i progetti sostenuti da Melinda French Gates si concentrano sul miglioramento dell’assistenza sanitaria, compreso l’aiuto alle ragazze che hanno complicazioni dovute al fatto di diventare madri in giovane età. Considerando la sovrapposizione delle loro missioni per difendere i diritti delle donne e migliorare il loro sostentamento, è nata una coalizione.

“Bisogna formare alleanze e lottare contro questo tipo di ingiustizie con la determinazione necessaria per vincere una guerra”. –Amal Clooney

Freedom United ritiene che, contrastando i matrimoni precoci nei paesi in cui le ragazze sono vulnerabili alla schiavitù, possiamo contribuire a porre fine ai matrimoni forzati e alla schiavitù. Puoi saperne di più sul matrimonio precoce forzato e sostieni la lotta contro questa ingiustizia firmando il nostro impegno. Unisciti a noi qui!

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e della gestione della rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più