Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

ONU: le sanzioni alla Libia ora coprono la violenza sessuale

  • Edizione del
    5 Novembre 2018
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani, diritto e politica
Banner eroe

Questo lunedì il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione per espandere le sanzioni contro i trafficanti in Libia.

I Paesi Bassi hanno guidato la risoluzione e funzionari olandesi hanno spiegato che gli autori di violenze sessuali e di genere possono ora essere sanzionati dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

Campagna correlata: Appello per chiudere i mercati degli schiavi libici.

"Le sanzioni impongono ai paesi di congelare i beni dei trafficanti e di imporre loro divieti di viaggio", ha affermato il ministro degli Esteri olandese Stef Blok.

L'azione delle Nazioni Unite contro i trafficanti di esseri umani in Libia è stata sollecitata da una protesta globale per i rapporti della CNN secondo cui i migranti africani venivano venduti al miglior offerente per il lavoro forzato.

CNN relazioni:

"Significa che quegli autori di violenza sessuale, ad esempio nei campi profughi che violentano le donne rifugiate ... sarà possibile sanzionarli, quindi pensiamo che sia un importante passo avanti", Karel JG van Oosterom, ambasciatore dei Paesi Bassi negli Stati Uniti Nations, ha detto lunedì mattina ai giornalisti fuori dalle camere del Consiglio di sicurezza.

La Russia e la Cina si sono astenute sulla risoluzione. L'ambasciatore russo delle Nazioni Unite Vassily Nebenzia ha detto che i paesi che stavano spingendo la risoluzione volevano ottenere punti politici a casa.

"Questo è populismo distillato nella sua forma più pura", ha detto Nebenzia.

Sei mesi fa, il Consiglio di sicurezza per la prima volta ha imposto sanzioni a sei persone accusate di tratta di esseri umani.

Blok ha aggiunto che la risoluzione delle Nazioni Unite invita anche gli Stati membri a riferire sui passi che stanno compiendo per attuare le sanzioni contro i sei trafficanti di esseri umani.

"L'imposizione di sanzioni invia un segnale, ma dobbiamo anche garantire un'attuazione efficace", ha affermato.

Il coordinatore politico delle Nazioni Unite del Regno Unito, Stephen Hickey, ha affermato che le sanzioni sono solo una parte della soluzione.

“Le sanzioni rimangono uno strumento importante per questo Consiglio e il nostro lavoro per sostenere il governo di accordo nazionale e stabilizzare la Libia. Tuttavia, possono essere solo una parte della soluzione, che richiede una piena riconciliazione politica ", ha affermato Hickey.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più