Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Le aziende del cioccolato devono affrontare nuove accuse di schiavitù infantile

  • Edizione del
    19 Febbraio 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù minorile, tratta di esseri umani, catena di approvvigionamento
Banner eroe

Sfruttati nelle piantagioni di cacao in Costa d'Avorio, otto sopravvissuti maliani allo sfruttamento dei minori e al traffico di esseri umani hanno lanciato una nuova class action legale federale negli Stati Uniti contro i giganti dell'industria del cioccolato, Nestlé, Cargill, Barry Callebaut, Mars, Olam, Hershey e Mondelēz. Questa è l'ultima azione di una lunga battaglia legale per la giustizia nei tribunali statunitensi.

I querelanti chiedono un risarcimento per "arricchimento ingiusto, supervisione negligente e inflizione intenzionale di disagio emotivo", nonché danni derivanti dal loro lavoro forzato.

Nella rivendicazione legale, gli otto sopravvissuti affermano di essere stati trafficati dal Mali alla Costa d'Avorio con il presupposto che sarebbero stati pagati per il loro lavoro. Ma una volta arrivati, hanno lavorato per diversi anni o più senza pagare né documenti di viaggio, né informazioni su quando avrebbero potuto lasciare la piantagione.

Il caso clinico mostra anche che venivano nutriti a malapena mentre lavoravano per lunghe ore e spesso tenuti soli o isolati da altri bambini che parlavano lo stesso dialetto.

Le esperienze di questi otto sopravvissuti non sono uniche nel settore del cacao. L'industria della raccolta del cacao in Ghana e Costa d'Avorio ha problemi strutturali di vecchia data che vanno dalla schiavitù dei bambini alla deforestazione e alla povertà generazionale.

Nel 2001 è stato istituito il protocollo Harkin-Engel come meccanismo volontario per aiutare a contrastare la schiavitù dei bambini nel cacao.

I leader dell'industria del cioccolato hanno promesso sotto il protocollo Harkin-Engel quasi 20 anni fa di ridurre sostanzialmente le peggiori forme di lavoro minorile, inclusa la schiavitù infantile, nell'industria del cacao, ma non sono riusciti a raggiungere tale obiettivo.

Freedom United ha condotto una campagna sulla questione dello sfruttamento dei minori al rilascio del recente rapporto sul protocollo Harkin-Engel esortare le aziende ad affrontare lo sfruttamento dei minori all'interno delle loro catene di approvvigionamento.

Questa è la prima volta che una class action di questo tipo è stata intentata contro l'industria del cacao negli Stati Uniti. Il caso è stato presentato ai sensi del Trafficking Victims Protection Reauthorization Act del 2017. Nel 2005 è stata presentata un'azione collettiva per conto di sei ex bambini schiavi contro Nestlé e Cargill ai sensi dello Statuto sugli atti illeciti alieni. Il caso è ancora pendente e ora è arrivato alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Molte grandi aziende affermano di non essere a conoscenza di questo tipo di violazioni all'interno delle loro catene di approvvigionamento e di non possedere direttamente alcune delle piantagioni in questione.

Tuttavia, un punto chiave in questa causa è che le aziende potrebbero "trarre profitto consapevolmente" da questi sfruttamenti e che dovrebbero essere a conoscenza dell'abuso sistemico all'interno delle loro catene di fornitura mentre conducono affari.

Il guardiano è stato in grado di ottenere commenti dalle aziende che devono affrontare questa causa:

In una dichiarazione, Cargill ha dichiarato: “Siamo a conoscenza del deposito e sebbene al momento non possiamo commentare le specifiche di questo caso, [l'azienda vuole] per rafforzare che non abbiamo alcuna tolleranza per il lavoro minorile nella produzione di cacao. Bambini appartenere a scuola. Meritano condizioni di vita sicure e accesso a una buona alimentazione ".

Nestlé ha affermato che la causa "non promuove l'obiettivo condiviso di porre fine al lavoro minorile nell'industria del cacao" e ha aggiunto che "il lavoro minorile è inaccettabile e va contro tutto ciò che rappresentiamo. Nestlé ha politiche esplicite contro di esso ed è incrollabile nella nostra dedizione per porvi fine. Rimaniamo impegnati a combattere il lavoro minorile all'interno della filiera del cacao e ad affrontarne le cause profonde come parte del as Nestlé Cocoa Plan e attraverso sforzi di collaborazione.”

Rimani aggiornato sulle ultime notizie sullo sfruttamento dei minori nell'industria del cacao di aderendo alla nostra campagna e chiedendo alle aziende di porre fine agli abusi sui minori all'interno delle loro catene di approvvigionamento.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Everald
Everald
anni fa, 3

É um grande assurdo

Sophia
Sophia
anni fa, 3

Giustizia per i bambini Saluto all'azione intrapresa i bambini dovrebbero essere a scuola.

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più