Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Nestlé e Cargill affrontano la Corte Suprema per accuse di schiavitù infantile

  • Edizione del
    Dicembre 4, 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù minorile, legge e politica, catena di approvvigionamento
Banner eroe

La Corte Suprema degli Stati Uniti questa settimana ha ascoltato le argomentazioni in un caso di lunga data contro i giganti alimentari Nestlé e Cargill per le accuse che hanno consapevolmente consentito ai bambini lavoro forzato nelle loro catene di approvvigionamento.

Il caso, che va avanti da oltre 15 anni, riguarda sei cittadini adulti del Mali che affermano di essere stati portati da bambini a lavorare in schiavitù moderna nelle fattorie di cacao della Costa d'Avorio.

Per due volte archiviato, il caso è stato ripreso dalla Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Nono Circuito.

Secondo i querelanti, Cargill e Nestlé "aiutarono e incoraggiarono" il loro lavoro forzato acquistando consapevolmente fave di cacao dalle fattorie che le sfruttavano.

Nestlé e Cargill negano qualsiasi illecito e affermano di aver adottato misure per combattere la schiavitù infantile, ma martedì le argomentazioni dei loro avvocati sono state accolte con scetticismo sia dai giudici liberali che da quelli conservatori. 

Se la Corte Suprema si schierasse con le società, rischierebbe di limitare ulteriormente la capacità delle vittime di abusi dei diritti umani di intraprendere azioni legali attraverso una legge nota come Alien Tort Statute.

La loro decisione finale è prevista per giugno.

ABC News relazioni:

"Molte delle tue argomentazioni portano a risultati che sono piuttosto difficili da accettare", ha detto all'avvocato Neal Katyal, il giudice conservatore Samuel Alito, che stava discutendo a nome di Nestlé e Cargill. I tre giudici liberali della corte erano particolarmente critici nei confronti della posizione di Katyal, con il giudice Sonia Sotomayor che a un certo punto ha detto che "mi sbalordisce".

 [...]

Il caso riguarda una legge emanata dal primo Congresso nel 1789, lo Statuto per gli atti illeciti stranieri, che consente ai cittadini stranieri di citare in giudizio nei tribunali statunitensi per violazioni dei diritti umani. Ai giudici viene chiesto di decidere se consente o meno azioni legali contro le società americane.

Negli ultimi mesi si è assistito a una rinnovata attenzione internazionale al tema della schiavitù infantile nelle filiere del cacao.

Una versione trapelata di un ottobre rapporto dell'Università di Chicago ha rivelato che, nonostante decenni di promesse aziendali per affrontare la questione, il lavoro minorile è complessivamente aumentato nella produzione di cacao.

Freedom United si è unita ad altre ONG suonare l'allarme sugli sforzi del governo e dell'industria per annacquare i risultati finali, aggiungendo che a causa della pandemia COVID-19 l'incidenza del lavoro minorile è quasi certamente aumentata ulteriormente.

Quasi 15,000 hanno aggiunto il loro nome alla campagna di Freedom United da quando è stata lanciata il mese scorso—unisciti a loro oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più