I lavoratori domestici keniani chiedono protezione dallo sfruttamento

I lavoratori domestici kenioti chiedono protezione dallo sfruttamento e dagli abusi nei paesi del Golfo

  • Edizione del
    27 Giugno 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Attivisti contro la schiavitù, schiavitù domestica
Banner eroe

Un caso legale intentato da un gruppo di quasi una dozzina di ex lavoratrici domestiche keniote che lavoravano negli stati del Golfo sostiene che il governo keniota non sia riuscito a proteggerli dalla schiavitù moderna e dal traffico di esseri umani.

Il gruppo di ex lavoratrici domestiche che ha presentato il caso, presentato dai gruppi per i diritti kenioti nel febbraio di quest'anno, sostiene che il governo keniota non ha indagato sui casi di morte e abusi che sono stati portati alla loro attenzione.

Lavoro a che prezzo?

Il governo keniota ha intensificato gli sforzi negli ultimi anni per garantire opportunità di lavoro ai suoi cittadini nel Golfo. Ma questo è avvenuto a scapito della garanzia di solide protezioni contro lo sfruttamento e l'abuso per i suoi cittadini. Per i lavoratori domestici in particolare, le protezioni dallo sfruttamento sono molto necessarie data la natura del lavoro, che in gran parte si svolge a porte chiuse nelle abitazioni private.

Viaggiare all'estero per assicurarsi un lavoro è spesso l'unica scelta disponibile per i cittadini kenioti che sono colpiti dagli alti tassi di disoccupazione nel paese e lottano per sbarcare il lunario.

L'Arabia Saudita è un'importante fonte di rimesse in Kenya. Secondo quanto riferito, i lavoratori migranti nel paese del Medio Oriente sono stati inviati in modo approssimativo £ 237m alle loro famiglie in Kenya l'anno scorso.

Invece di essere regolato dalle leggi nazionali sul lavoro come gli altri lavoratori, il famigerato sistema di sponsorizzazione della Kafala regola il rapporto tra i lavoratori domestici migranti e i loro datori di lavoro. Secondo questo sistema, presente in molti stati del Golfo, il diritto dei lavoratori domestici migranti a vivere e lavorare nel paese è legato al loro datore di lavoro. Ciò significa che i datori di lavoro possono minacciare i lavoratori di perdere il lavoro e quindi di diventare privi di documenti se denunciano gli abusi alle autorità. 

Come risultato di questo inevitabile squilibrio di potere determinato dal sistema della kafala, i datori di lavoro abusivi sono in grado di sfruttare i lavoratori migranti nelle loro case, sapendo che questi lavoratori hanno scarso ricorso alla giustizia.

I lavoratori domestici migranti stanno morendo

Anche i lavoratori domestici migranti keniani stanno morendo in Arabia Saudita, con 89 morti di lavoratori domestici registrati nel paese tra il 2020 e il 2021. Di conseguenza, i gruppi per i diritti criticano il governo keniano per non aver fatto abbastanza per affrontare le accuse di maltrattamenti da parte dei lavoratori domestici keniani in Arabia Saudita. il Golfo. Chiedono inoltre al governo keniota di fare di più per proteggere i suoi cittadini dal sistema kafala.

John Mwariri è un avvocato di Kituo cha Sheria, un'organizzazione di assistenza legale in Kenya che sta portando avanti il ​​caso contro il governo keniota per conto del gruppo di ex lavoratori domestici. Ha detto: “Questa è una questione di grave interesse pubblico […] Molti dei nostri cittadini kenioti hanno subito abusi e stanno morendo lì. C’è urgente bisogno di protezione”.

Una delle donne che portano il caso è Purity Mbogo. Nel 2020 ha sentito parlare di un potenziale ruolo di insegnante in Qatar, solo per scoprire che l'agenzia di reclutamento con cui lavorava ha finito per assegnarla a un ruolo di domestica in Arabia Saudita.

Caroline Kimeu a riporta il Guardian:

Nella sua testimonianza scritta alla corte, vista dal Guardian, Mbogo afferma che il suo telefono e il suo passaporto sono stati confiscati all'arrivo, lasciandola incapace di comunicare con la sua famiglia per mesi. Dice di essere stata colpita con un ferro rovente quando si è lamentata del sequestro del suo telefono. È tornata in Kenya alla fine del 2020, dopo che la sua famiglia l'ha aiutata a lasciare l'Arabia Saudita.

"Non tornerei mai più in quel paese", ha detto Mbogo al Guardian.

Agire!

Il lavoro domestico è un'importante fonte di occupazione, ma le persone dietro questi numeri sono troppo spesso invisibili dietro le porte delle abitazioni private e non protette dalla legislazione nazionale. Ciò consente i peggiori tipi di abuso che spesso equivalgono alla schiavitù moderna.

Norme più severe per proteggere i lavoratori domestici sono attese da tempo. Inviando un messaggio al governo del tuo paese oggi puoi contribuire a creare un effetto domino finché tutti i paesi non agiranno. Firma oggi la petizione!

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più