Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Come i guanti usa e getta costano alle stelle, così aumentano i rischi di lavoro forzato

  • Edizione del
    Luglio 28, 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19, lavoro forzato
Banner eroe

Prima della pandemia, un contratto di due anni per la fornitura di guanti per il servizio sanitario nazionale (NHS) del Regno Unito costava circa 300 milioni di sterline (400 milioni di dollari). La pandemia ha causato un drammatico aumento dei costi del SSN, in particolare per i dispositivi di protezione individuale (DPI) con molti luoghi di lavoro che acquistano articoli come guanti alla rinfusa per i propri dipendenti.

Un accordo "tranquillo" pubblicato online dal governo del Regno Unito valuta la fornitura di guanti medici e chirurgici per due anni a 6 miliardi di sterline.

Il guardiano rapporti,

Il segretario commerciale ombra, Emily Thornberry, ha scritto al segretario alla salute, Sajid Javid, esortandolo a garantire che nessuno dei 6 miliardi di sterline venga speso con fornitori che maltrattano i lavoratori.

“I ministri hanno ignorato i ripetuti avvertimenti e accuse contro le aziende le cui fabbriche riforniscono ancora oggi il SSN.

“Negli ultimi due anni i controlli governativi sono stati esposti come nella migliore delle ipotesi inadeguati e nella peggiore inesistenti. Se stai per autorizzare 6 miliardi di sterline in nuove spese per guanti medici nei prossimi due anni, sicuramente ora è finalmente il momento di mettere controlli adeguati accanto a quei contratti e assicurarti che non vadano a fornitori in Malesia che usano il lavoro forzato”.

Il governo afferma che "viene eseguita un'adeguata due diligence per tutti i contratti governativi e tutti i fornitori", ma i loro risultati dicono diversamente.

Solo pochi mesi fa il Regno Unito era catturati acquistando guanti monouso da un'azienda malese colpevole di schiavitù moderna.

Ciò ha fatto seguito alle segnalazioni nel 2020 del governo che si riforniva di guanti da un'altra azienda malese, Top Glove, che è vietata negli Stati Uniti per problemi di lavoro forzato.

Il partito di opposizione, Labour, chiede ai fornitori di elencare le loro fabbriche per garantire che le loro catene di approvvigionamento siano libere dal lavoro forzato. Ciò non sarebbe necessario se il Regno Unito adottasse una legislazione obbligatoria sulla due diligence sui diritti umani, imponendo alle aziende di adottare misure preventive per garantire che le loro catene di approvvigionamento e i luoghi di lavoro siano liberi dalla schiavitù moderna.

Fino ad allora, c'è un urgente bisogno di totale trasparenza sia da parte del governo che dei suoi appaltatori, dato che il 65% della fornitura globale di guanti monouso proviene dalla Malesia, dove, secondo un rapporto interno del Ministero degli Interni del Regno Unito del novembre 2019, la maggior parte delle aziende produttrici di guanti sono ad alto rischio di lavoro forzato – e dato che il governo ignora le proprie informazioni sui rischi del lavoro forzato.

Partecipa alla campagna Freedom United chiedendo leggi per ritenere i settori pubblico e privato responsabili del lavoro forzato nelle loro catene di approvvigionamento.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più