Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

I fabbricanti di guanti malesi affrontano l'accusa di lavoratori dell'edilizia abitativa in condizioni di schiavitù moderna

  • Edizione del
    Gennaio 15, 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19
Banner eroe

Il governo malese ha annunciato che sta intentando una denuncia contro uno dei maggiori produttori di guanti di gomma del paese dopo che gli ispettori del lavoro hanno scoperto che i lavoratori migranti dell'azienda vivono in condizioni squallide e sovraffollate.

Poiché la domanda di dispositivi di protezione individuale è aumentata a seguito della pandemia COVID-19, i produttori di guanti di gomma malesi - che producono quasi due paia su tre in tutto il mondo - sono stati sottoposti a un crescente controllo per le condizioni di vita e di lavoro dei loro lavoratori migranti.

A dicembre, il governo ha annunciato l'intenzione di intentare una denuncia contro la società Top Glove dopo che i loro angusti alloggi per i lavoratori migranti hanno portato a quello che all'epoca era il più grande gruppo di infezioni da coronavirus del paese.

Le accuse annunciate questa settimana prendono di mira Brightway Holdings e due sussidiarie, Biopro e La Glove - che, tra loro, possiedono cinque fabbriche e impiegano circa 2,900 lavoratori - dopo che il governo ha fatto irruzione nelle loro strutture negli ultimi giorni del 2020.

Il ministro malese delle Risorse umane, Saravanan Murugan, ha pubblicamente condannato le aziende, dicendo: “Non so come si possa vivere in questo modo. Sembra una schiavitù moderna. "

Un lavoratore del Bangladesh ha parlato di condividere un bagno con altri 200 uomini e di condividere un letto a castello con altri tre uomini, rendendo impossibile l'allontanamento sociale.

VOA relazioni:

“Dicono sempre di distanziarsi socialmente. Ma ci sono così tante persone che vivono e lavorano insieme in un unico posto, quindi è difficile farlo ... Non credo che l'azienda abbia preso le misure necessarie per proteggerci da COVID. Ci danno solo sapone per lavarci le mani ".

Mentre le condizioni di vita che devono affrontare i lavoratori migranti in Malesia sono scioccanti, i sostenitori dei diritti dei lavoratori affermano che aziende come Brightway e Top Glove non sono le sole ad ospitare i propri lavoratori in strutture inadeguate.

Adrian Pereira, direttore esecutivo della North South Initiative, un gruppo non governativo locale e membro della Coalizione per il diritto dei lavoratori migranti al risarcimento, ha dichiarato a VOA:

“Sospetto che sia in quasi tutti i settori del lavoro migrante. Penso che se non fosse per i revisori internazionali e le organizzazioni di commercio etico, penso che quasi tutti i settori che coinvolgono i lavoratori migranti sarebbero orribili come questo ".

Pereira ha proseguito affermando che il governo malese deve spingere per riforme molto più rigorose del settore e che i problemi che devono affrontare i lavoratori migranti sono diventati radicati negli ultimi 20-30 anni.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Rick Baldwin
anni fa, 3

Se le leggi consentono ai lavoratori di partire,
non è un problema del lavoro ma dei diritti umani.
Anche Dubai e l'Arabia Saudita stanno cedendo.

Giovanni Mascarenhas
Giovanni Mascarenhas
anni fa, 3

ci sono aziende australiane che importano da questi produttori malesi criminali?

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più