Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Il lavoro forzato uiguro contamina la catena di approvvigionamento globale dei prodotti ittici

  • Edizione del
    Ottobre 9, 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, filiera
Banner eroe

Una recente indagine condotta dall’Outlaw Ocean Project, in collaborazione con il New Yorker, mette in luce violazioni profondamente radicate dei diritti umani, compreso il lavoro forzato, all’interno dell’industria globale dei prodotti ittici.

Sebbene la comunità globale abbia condannato l’uso del lavoro forzato uiguro, ha ampiamente trascurato l’industria ittica cinese. La Cina è il principale fornitore di prodotti ittici negli Stati Uniti e in Europa, una parte significativa della quale viene lavorata nella provincia di Shandong. È emerso che almeno un migliaio di uiguri, sotto coercizione, sono stati mandati a lavorare nelle fabbriche di lavorazione del pesce nello Shandong dal 2018.

Questa pratica inquietante fa parte di un più ampio programma di trasferimento di manodopera avviato dallo Stato cinese, che prevede l’invio forzato di uiguri a lavorare in vari settori in tutto il paese. Sotto costrizione, questi lavoratori uiguri contribuiscono alla produzione di vari prodotti nelle fabbriche di tutta la Cina. Gli uiguri che riescono a sfuggire al programma condividono storie di torture e affermano: "Non avevamo altra scelta che andare".

Ciò che manca ai revisori dei conti

Sebbene le catene di approvvigionamento dei prodotti ittici siano notoriamente difficili da monitorare, gli investigatori sono riusciti a raccogliere prove da fonti sorprendenti come i social media. I post sui social media, compresi i video, di questi lavoratori, sebbene velati, indicano il loro malcontento e la loro sofferenza.

Ian Urbina per il New Yorker parti,

Un lavoratore ha pubblicato un video in cui si mostra mentre sventra il pesce presso la Yantai Longwin Foods. "Pensi che ci sia amore nello Shandong?" chiede la voce fuori campo. "C'è solo la sveglia alle cinque e mezza ogni mattina, il lavoro senza sosta, l'affilatura infinita dei coltelli e lo sventramento del pesce." (Yantai Longwin Foods non ha risposto a una richiesta di commento.) Un altro video mostra una linea di confezionamento del pesce e include un suono usato comunemente su Douyin:

"Quanto vieni pagato in un mese?" chiede un uomo.

“Tremila”, risponde un secondo.

"E allora perché non sei ancora felice?"

"Perché non ho scelta."

L’indagine ha scoperto che più di dieci aziende ittiche cinesi hanno impiegato oltre 1,000 lavoratori uiguri dal 2018. La cosa più allarmante è che molte di queste aziende sono state certificate dalle autorità del settore e hanno superato le ispezioni da parte delle principali società di revisione.

Gli investigatori privati ​​hanno scoperto prove della presenza di lavoratori uiguri negli stabilimenti ittici dove le ispezioni ufficiali avevano dato un certificato di buona salute.

Pesce di lavoro forzato presso il tuo Costco locale

L’indagine ha rivelato che oltre 47,000 tonnellate di prodotti ittici, tra cui varie specie come merluzzo, pollock, gamberetti, salmone, granchio e calamaro, sono state inviate negli Stati Uniti da queste strutture – nonostante la legislazione “modello” americana che vieti i prodotti realizzati con Lavori forzati uiguri. Questo pesce contaminato è stato rintracciato presso rivenditori come Costco, Kroger, H Mart, Safeway e aziende di servizi alimentari globali, tra cui Sysco e Performance Food Group.

Con il fallimento dei processi di audit, gli esperti suggeriscono una revisione dei sistemi di monitoraggio o il divieto di tutte le importazioni di prodotti ittici dalla Cina fino a quando non saranno garantite catene di approvvigionamento senza lavoro forzato.

Freedom United ritiene scioccante questo rapporto e continuerà a sostenere lo smantellamento del sistema di lavoro forzato uiguro.

Agisci oggi stesso e stai con noi contro il lavoro forzato uiguro.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più