UNIONE EUROPEA. il mercato sarà contaminato dal lavoro forzato

Il mercato dell’UE sarà contaminato dal lavoro forzato senza una legislazione forte

  • Edizione del
    Dicembre 6, 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica, catena di fornitura
Banner eroe

A rapporto pubblicato il 6 dicembre su commissione di un gruppo di legislatori dell’UE, avverte che “un volume considerevole di capi di abbigliamento contaminati dal lavoro forzato uiguro si sta spostando nell’UE senza restrizioni”. Il rapporto indica come la politica dell’UE non faccia abbastanza per eliminare il lavoro forzato dalle grandi catene di approvvigionamento e, quindi, non protegga i consumatori dall’acquisto di prodotti realizzati con il lavoro forzato uiguro, secondo The Guardian.

Implicazioni dei trasferimenti di lavoro sponsorizzati dallo Stato

Marchi noti sono stati identificati come ad alto rischio di approvvigionamento di materiali, in particolare cotone e PVC, prodotti da uiguri costretti ai lavori forzati attraverso trasferimenti di manodopera imposti dallo Stato. Secondo il rapporto,

“Si ritiene che 39 marchi noti siano ad alto rischio di approvvigionamento di abbigliamento realizzato da uiguri costretti a partecipare a trasferimenti di lavoro forzato imposti dallo stato”.

I programmi di trasferimento di manodopera sponsorizzati dallo Stato sono meno conosciuti rispetto ai campi di detenzione uiguri, dove ci sono state diffuse segnalazioni di violazioni dei diritti umani. Le persone vengono trasferite in fattorie o fabbriche in diversi luoghi dove c’è bisogno di lavoratori, comprese persone dallo Xinjiang, la regione uigura, ad altre parti della Cina.

Secondo il rapporto, diverse aziende cinesi sono coinvolte in questi programmi, comprese aziende che hanno legami pubblici con marchi noti come Zara, Next e H&M. Ciò significa che molti dei marchi occidentali citati nel rapporto ritengono di approvvigionarsi di materiali esenti da lavoro forzato, tuttavia, non tengono conto del lavoro forzato imposto dallo stato.

“È molto importante considerare come campanello d’allarme i trasferimenti di manodopera sponsorizzati dallo Stato e la partecipazione ad altre forme di politiche repressive attuate nella regione uigura mentre si valutano le aziende con sede nella Cina continentale”, ha detto Yalkun Uluyol, uno dei ricercatori.

La legislazione che conta

Il rapporto affronta il modo in cui la legislazione “può isolare i mercati dalla complicità nelle violazioni dei diritti umani contro gli uiguri” citando il successo dell’Uyghur Forced Labor Prevention Act degli Stati Uniti nel limitare le importazioni dalla regione. Questa legge ha comportato il divieto di ingresso negli Stati Uniti di beni per un valore di oltre 500 milioni di dollari. Gli autori del rapporto incoraggiano i politici dell'UE a seguire questo esempio e raccomandano ulteriori azioni legislative per affrontare:

  • Sostenere la regolamentazione per vietare le importazioni di prodotti realizzati con il lavoro forzato, compresi i prodotti realizzati solo in parte con il lavoro forzato, compresi i casi di lavoro forzato imposto dallo Stato, per le imprese di tutte le dimensioni.
  • Sostenere la Direttiva UE sulla due diligence sulla sostenibilità aziendale per garantire che le aziende siano responsabili di affrontare le violazioni dei diritti umani lungo tutta la catena del valore.
  • Sostenere la legislazione sulla trasparenza che renda pubblicamente disponibili tutte le spedizioni via terra, aria, ferrovia e mare per aiutare a indagare sulle catene di approvvigionamento contaminate dal lavoro forzato.
  • Sostenere la condivisione multilaterale delle informazioni relative alle merci identificate come realizzate con il lavoro forzato.

Dite all'UE di agire adesso!

Freedom United fa eco a queste raccomandazioni e ha appena lanciato un’azione per invitare l’UE ad affrontare direttamente il lavoro forzato imposto dallo stato e ad assumere una posizione dura nei confronti di tutte le importazioni legate al lavoro forzato. Agisci ora!

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e della gestione della rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Isidoro Cesare Giuseppe Aiello
Isidoro Cesare Giuseppe Aiello
2 mesi fa

Sono totalmente d'accordo, perché i diritti umani devono sempre essere totalmente rispettati, ma mi augurerei che ciò accadesse in tutti i campi e per tutti i popoli

La sezione settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più