Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Le lavoratrici del sesso continuano ad essere escluse dal movimento anti-tratta

  • Edizione del
    27 Novembre 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani, storie di sopravvissuti
Banner eroe

Scrivere dentro Protocollo di Palermo di openDemocracy 20th speciale anniversario la scorsa settimana, il Comitato internazionale sui diritti delle lavoratrici del sesso in Europa (ICRSE) ha sottolineato che la fusione tra traffico di esseri umani e lavoro sessuale continua a danneggiare le lavoratrici del sesso.

Al centro di questa controversia c'è il "modello svedese", che tenta di regolamentare il lavoro sessuale criminalizzando i clienti delle lavoratrici del sesso al fine di porre fine alla domanda e quindi, presumibilmente, proteggere le donne dalla tratta.

Ciò ha portato a un approccio incentrato sulla giustizia penale, che convoglia le risorse in programmi progettati per vietare la prostituzione in tutto tranne che nel nome.

Mentre le narrazioni politiche inquadrano il lavoro anti-tratta come fondato sui diritti umani, persistono approcci punitivi, che spesso hanno portato alla criminalizzazione dei clienti di tutti lavoratori del sesso, anche quelli che non sono vittime della tratta.

openDemocracy relazioni:

Per chiunque sia interessato ai diritti delle lavoratrici del sesso, il ventesimo anniversario del Protocollo di Palermo è un'occasione imperdibile per valutare come le lavoratrici del sesso siano state influenzate dalla retorica e dalla politica anti-tratta. Quali che fossero le opportunità che il Palermo avrebbe potuto offrire inizialmente, ora è inestricabilmente allineato a dannose agende ideologiche che le prostitute sono obbligate a resistere e respingere.

Da decenni ormai, le lavoratrici del sesso in Europa stanno combattendo le richieste di "abolire la prostituzione". Questi hanno acquisito importanza grazie alla fusione di tratta e lavoro sessuale. I ricercatori hanno ripetutamente dimostrato che questa fusione è imperfetta, ma continua a essere sostenuta dagli oppositori dell'approccio "il lavoro sessuale è lavoro".

Gran parte dell'opposizione al lavoro sessuale proviene dai conservatori, ma alcune femministe radicali promuovono anche la fusione tra lavoro sessuale e tratta, cosa che, secondo i sostenitori, ignora l'agenzia delle prostitute.

Per sostenere la loro tesi, alcune femministe radicali amplificano le voci delle sopravvissute alla tratta, ma spesso lo fanno in modo molto selettivo, ignorando quelle sopravvissute alla tratta che chiedono la depenalizzazione del lavoro sessuale.

L'ICRSE afferma che ciò consente ai politici, agli attivisti e al pubblico in generale di svolgere il ruolo di salvatori, ignorando il contesto in cui si svolge il crimine di tratta di esseri umani, insieme alle cause profonde e ai fattori che esacerbano la vulnerabilità alla tratta.

Le lavoratrici del sesso dovrebbero essere agenti di cambiamento per quanto riguarda le questioni che le riguardano, tuttavia c'è la sensazione che le lavoratrici del sesso non siano benvenute negli spazi anti-tratta, dove continua a prevalere un approccio dogmatico alla prostituzione come forma di schiavitù.

L'ICRSE sostiene che la comunità anti-tratta ignora le voci di alcune comunità, come le lavoratrici del sesso, che sono vulnerabili alla tratta ma, poiché spesso includono migranti privi di documenti e lavoratori informali, sono politicamente scomode.

In questo modo, la comunità anti-tratta evita questioni più grandi legate alla tratta come la sicurezza, la migrazione, le politiche del lavoro e della giustizia sociale e la progettazione dei sistemi economici.

Mentre le lavoratrici e i sostenitori del sesso continuano a sfidare quelle che vedono come politiche dannose che prendono di mira i loro luoghi di lavoro e i loro clienti, piuttosto che i trafficanti, la recessione post-COVID rappresenta un momento cruciale per chiederci quale approccio è più adatto per proteggere coloro che sono più a rischio nella nostra società.

Freedom United ha risposto questa settimana alla consultazione del governo scozzese sulla "sfida alla domanda di prostituzione da parte degli uomini". È nostra opinione che gli attuali approcci al lavoro sessuale non proteggano le donne dalla violenza e dalla tratta. Leggi le nostre risposte qui.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Noemi Madelin
Noemi Madelin
anni fa, 3

Questo articolo potrebbe essere un po 'più semplice da leggere. Sono ben istruito e leggo molto, ma questo è stato un po 'confuso.

Som
Som
anni fa, 3

"I lavoratori del sesso dovrebbero essere agenti di cambiamento per quanto riguarda i problemi che li riguardano“. Ottimo, e ad un certo punto le loro soluzioni dovranno essere pubblicizzate. Quali sono le probabili soluzioni? Licenze? Fai attenzione che mentre metti un alone intorno all'agenzia della piccola percentuale di fornitori di sesso retribuito che hanno bisogno del loro reddito, il numero molto più grande che viene trafficato in schiavitù sessuale deve ancora essere in grado di mandare in prigione i distruttori delle loro vite. Ed è "agenzia" se hai bisogno del reddito ma non vuoi il lavoro?

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più