Entrano in vigore le leggi del Regno Unito che rendono più difficile per le vittime della tratta ricevere sostegno - FreedomUnited.org

Entrano in vigore le leggi del Regno Unito che rendono più difficile per le vittime della tratta ricevere assistenza

  • Edizione del
    Gennaio 31, 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Legge e politica
Banner eroe

Questa settimana sono entrate in vigore nuove leggi nel Regno Unito che rendono ancora più difficile per le vittime della tratta e della schiavitù moderna ricevere un sostegno cruciale.

Restrizioni sempre più punitive

Il Ministero dell'Interno ha elogiato le nuove restrizioni al National Referral Mechanism, il sistema attraverso il quale le vittime della tratta vengono identificate e assistite nel Regno Unito

Ciò che è particolarmente allarmante è che il governo è stato in grado di far passare queste leggi dannose senza alcun controllo ufficiale da parte del Commissario indipendente contro la schiavitù, poiché questo posto è rimasto vacante dall'aprile 2022. 

Dame Sara Thornton, che in precedenza aveva ricoperto il ruolo, ha avvertito che queste nuove leggi "renderanno più difficile l'identificazione delle vittime della schiavitù moderna e creeranno ulteriori vulnerabilità". 

Aveva anche affermato in un rapporto che non c'erano prove per giustificare la pericolosa retorica del governo secondo cui i sopravvissuti alla schiavitù moderna stanno "giocando" con il sistema.

L'Indipendente riferisce:

La legge ora richiede agli assistenti sociali di avere "prove oggettive della schiavitù moderna piuttosto che un semplice sospetto" quando decidono sulla fase preliminare di determinazione dei "ragionevoli motivi".

[...]

Il Ministero dell'Interno ha affermato che in futuro saranno introdotte altre nuove leggi per "rafforzare ulteriormente" il Meccanismo nazionale di riferimento e impedirgli di sostenere "coloro che cercano di abusare delle nostre leggi per ostacolare la loro legittima rimozione dal Regno Unito".

"Non solo esiste un potenziale significativo per danneggiare ulteriormente le vere vittime della tratta, ma esiste un rischio significativo che le misure non funzionino per scoraggiare l'ingresso illegale nel Regno Unito come previsto", ha scritto Dame Sara Thornton in una lettera all'allora ministro dell'Interno Priti Patel in 2021.

Affermazioni infondate da parte del governo del Regno Unito

Un gruppo di esperti delle Nazioni Unite ha dichiarato a dicembre di essere "allarmato dall'aumento di affermazioni prive di fondamento da parte di funzionari pubblici e dipartimenti governativi riguardanti persone in cerca di protezione ai sensi del Modern Slavery Act e del National Referral Mechanism" e ha chiesto con urgenza al governo di nominare un nuovo Commissario indipendente contro la schiavitù.

L'impegno del governo di smantellare un sistema di supporto già carente per i sopravvissuti alla schiavitù moderna sulla base di affermazioni infondate è inquietante e deve essere contrastato.

Freedom United chiede urgentemente al Regno Unito di approvare autentiche politiche anti-tratta che non demonizzino i migranti e le vittime della tratta. 

Firma oggi la petizione.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Michael Paura
Michael Paura
1 anno fa

Sii molto più compassionevole.

Questa settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più