Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Entra in vigore la legge che vieta i matrimoni precoci in Inghilterra e Galles

  • Edizione del
    27 Febbraio 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Matrimonio forzato, vittorie
Banner eroe

Leggi il nostro rapporto sul campo della campagna.

In una vittoria per la comunità Freedom United, questa settimana entra in vigore il disegno di legge sul matrimonio e l'unione civile (età minima), che criminalizza i matrimoni precoci in Inghilterra e Galles.

Una vittoria per la comunità Freedom United

Con i nostri partner di IKWRO, Forward, Karma Nirvana, Independent Yemen Group e Girls Not Brides, più di 254,000 di voi nella comunità di Freedom United hanno agito dal 2018, chiedendo costantemente al Regno Unito di vietare i matrimoni precoci, ottenendo un successo!

In precedenza, i ragazzi di 16 e 17 anni in Inghilterra e Galles potevano sposarsi con il consenso dei genitori o dei familiari, un'eccezione legale che rendeva i bambini vulnerabili all'essere costretti a sposarsi contro la loro volontà.

In base alla nuova legge approvata all'unanimità nell'aprile 2022, è ora un reato organizzare un matrimonio per chiunque abbia meno di 18 anni, con una pena detentiva massima di sette anni. Chiunque sia sposato di età inferiore ai 18 anni sarà automaticamente riconosciuto come vittima di matrimonio forzato.

Il Guardian riporta:

In precedenza, il matrimonio forzato era un reato solo se una persona usava la coercizione, come le minacce, per convincere qualcuno a sposarsi, ma ora causare il matrimonio di qualcuno di età inferiore ai 18 anni è un reato penale, comprese le cerimonie "tradizionali" non legalmente vincolanti , che sarebbero ancora visti come matrimoni dalle parti e dalle loro famiglie.

L'instancabile campagna elettorale di Payzee Mahmod

Payzee Mahmod ha guidato la campagna di Freedom United che chiedeva al Regno Unito di vietare i matrimoni precoci e recentemente ha vinto il premio di attivista dell'anno di Freedom United per aver assicurato questo significativo progresso contro il matrimonio forzato.

In qualità di sopravvissuta e attivista, Payzee ha condotto una campagna instancabile per aumentare la consapevolezza dei danni della precedente eccezione legale che ha consentito alle famiglie di spingere i bambini a matrimoni violenti.

Sia Payzee che sua sorella, Banaz, sono state costrette a sposarsi nel Regno Unito a soli 16 e 17 anni. Banaz è stata successivamente uccisa all'età di 20 anni in un cosiddetto delitto d'onore per aver lasciato il marito violento. Alla fine Payzee riuscì a divorziare dal marito che aveva 12 anni più di lei, ma gli effetti duraturi della sua esperienza di matrimonio precoce rimangono con lei.

Ha spiegato al Guardian come lei e sua sorella siano state vittime del razzismo istituzionalizzato: 

“Nessuno dei miei insegnanti, assistenti sociali, vicini, tutti quei rivenditori di negozi di matrimoni … nessuno mi ha chiesto se fossi al sicuro. Tutto quello che mi dice è che è a causa di come sembro e da dove vengo.

Potere comunitario

Più di 254,000 di voi nella comunità di Freedom United hanno chiesto un'azione. Hai firmato la petizione, contattato i tuoi parlamentari e fatto in modo di mantenere alta la pressione sui decisori. Ora entra in vigore il disegno di legge #SafeguardFuturesBanChildMarriage, che protegge meglio i bambini dai matrimoni forzati in Inghilterra e Galles.

Siamo così orgogliosi del nostro leader della campagna e sostenitore dei sopravvissuti, Payzee Mahmod, e della comunità e dei partner di Freedom United che hanno contribuito a far sì che ciò accadesse.

Aggiungi la tua voce alla petizione che chiede la fine dei matrimoni precoci forzati ovunque.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
4 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
inaya
inaya
1 anno fa

Sono così felice che tu abbia vinto questa battaglia. Tuttavia, contesterei affermando che la colpa è del razzismo istituzionale. So per esperienza che le persone che non sono del mio stesso colore o religione hanno paura di fare domande su ciò che vedono come un problema culturale per paura di essere chiamate razziste o "fobiche". Sappiamo da dove nasce questo problema ed è giusto che tu lo abbia individuato, dopo averlo fatto, ti preghiamo di non distogliere l'attenzione altrove. Mantieni l'attenzione sul vero problema. Buona fortuna.

L Colin Wilson
L Colin Wilson
1 anno fa

Sono sicuro che devi sapere che la riga dell'oggetto ("Entra in vigore il divieto di matrimonio precoce nel Regno Unito") del tuo recente messaggio di posta elettronica non è corretta. Come prosegue il messaggio stesso, la nuova legge si applica solo a Inghilterra e Galles. Il matrimonio all'età di 16 o 17 anni è ancora legale in Scozia e Irlanda del Nord. Per quanto riguarda la Scozia (dove vivo) non ho mai sentito suggerire che questo debba cambiare, o che le persone che si sposano a questa età siano “bambini”. In diritto, una persona ha piena capacità giuridica qui all'età di 16 anni.

Pete
Pete
1 anno fa

Ottime notizie, ma non crederò che sia un vero successo fino a quando non ci saranno processi e punizioni

Jennifer Powell
Jennifer Powell
1 anno fa

È vergognoso che si sia dovuto fare un simile passo, ma è stato necessario. Purtroppo ci sono tanti altri passi da fare.

La sezione settimana

Presentata una denuncia dei lavoratori contro l'Arabia Saudita durante la candidatura alla Coppa del Mondo FIFA

AP News riferisce che una coalizione di sindacati ha presentato una denuncia formale contro l'Arabia Saudita, accusando la nazione di gravi violazioni dei diritti umani. La denuncia, presentata all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), denuncia maltrattamenti e furti salariali che hanno colpito oltre 21,000 lavoratori migranti negli ultimi dieci anni. Ciò avviene mentre la FIFA si prepara a designare l’Arabia Saudita come paese ospitante della Coppa del Mondo 2034. Internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno

| Mercoledì 5 giugno 2024

Per saperne di più