Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Datore di lavoro saudita ritenuto colpevole di aver ucciso una collaboratrice domestica

  • Edizione del
    19 Febbraio 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù domestica
Banner eroe

Una rara sentenza di questa settimana ha giudicato una donna saudita colpevole di aver abusato e ucciso Abiron Begum, un lavoratore domestico migrante. Un tribunale dell'Arabia Saudita ha condannato a morte Ayesha Al Jizani per l'omicidio di Begum nel marzo 2019, che ha viaggiato dal Bangladesh per lavorare come domestica nella casa di Jizani.

Anche il marito e il figlio di Jizani hanno dovuto affrontare ripercussioni per il loro ruolo nel perpetuare gli abusi estremi subiti da Abiron Begum, condannato rispettivamente a tre anni di carcere e sette mesi in una struttura minorile.

700,000 bengalesi erano soliti cercare lavoro all'estero ogni anno prima del COVID-19, e molti sceglievano di trovare un impiego in Arabia Saudita.

L'Arabia Saudita ha alcune delle tasse di reclutamento più alte per i lavoratori del Bangladesh. Spesso, queste tasse vengono pagate tramite broker non ufficiali, aprendo la strada allo sfruttamento e alla tratta per i lavoratori migranti come Begum.

I parenti di Begum hanno chiesto al governo del Bangladesh di ritenere responsabili della sua morte gli intermediari che hanno "ingannato" Begum nel suo lavoro in Arabia Saudita.

Hanno detto al Fondazione Thomson Reuters:

“(Lei) voleva andare all'estero per guadagnare più soldi in modo da poter pagare per i suoi genitori anziani… Hanno iniziato a torturarla due settimane dopo che se ne era andata. Ci chiamava e piangeva ... abbiamo implorato gli agenti di cambio qui di riportarla indietro, ma nessuno ci ha ascoltato ".

Sebbene non sia chiaro se gli intermediari che hanno facilitato lo sfruttamento di Begum saranno assicurati alla giustizia, l'attivista Shakirul Islam, capo del programma Ovibashi Karmi Unnayan, che si occupa dei diritti dei migranti in Bangladesh, ha espresso sorpresa per il verdetto del tribunale saudita contro un datore di lavoro:

"Lavoro nel campo della migrazione da diversi anni e non ho mai sentito parlare di un verdetto del genere".

Al momento della morte di Abiron Begum, i lavoratori domestici migranti in Arabia Saudita sarebbero stati soggetti al kafala sistema, che lega i lavoratori domestici a un unico datore di lavoro impedendo loro di sfuggire allo sfruttamento e agli abusi. Questo sistema di visti vincolati, presente anche nel Regno Unito e in tutto il mondo, è visto come un motore della schiavitù domestica.

Nel novembre 2020 lo era segnalati che l'Arabia Saudita stava riformando il sistema kafala, dando ai lavoratori domestici migranti maggiore autonomia, ma le riforme devono ancora essere attuate.

La decisione del tribunale saudita di condannare il datore di lavoro di Abiron Begum per abuso e omicidio potrebbe essere vista come motivo di cauto ottimismo sul fatto che lo sfruttamento dei lavoratori domestici migranti in Arabia Saudita venga preso sul serio.

Freedom United chiede ai governi di agire per proteggere i lavoratori domestici migranti dallo sfruttamento e dagli abusi. Firma la petizione esortando i leader mondiali a ratificare la Convenzione sui lavoratori domestici.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Giovanni Mascarenhas
Giovanni Mascarenhas
anni fa, 3

così triste. cosa sta facendo la donna primo ministro del Bangladesh per aiutare le donne povere? va a letto con i governanti sauditi?

Sophia
Sophia
anni fa, 3

Grazie giustizia è stata servita in questo caso sperando che anche gli altri nostri casi ottengano giustizia

Gayle McKenzie
Gayle McKenzie
anni fa, 3

RIP, signora Begum. Mi dispiace per la tua tragica storia. Spero davvero che la tua famiglia a casa stia guarendo e riceva un aiuto finanziario dopo la tua tragica morte. Dio vi benedica e la vostra famiglia.

La sezione settimana

Vittime della schiavitù moderna al centro della controversa politica di deportazione del Ruanda nel Regno Unito

In uno sviluppo significativo nella politica di immigrazione del Regno Unito, si è intensificato il dibattito sulla legge sul Ruanda (asilo e immigrazione), recentemente ribattezzata legge sulla sicurezza del Ruanda. Al centro di questa controversia c’è il trattamento delle vittime della schiavitù moderna, i cui risultati legislativi influiscono pesantemente sui loro diritti e sulla loro sicurezza. Stallo legislativo Dopo un prolungato stallo tra la Camera dei Lord non eletta e la Camera dei Comuni eletta, le aspettative

| Martedì aprile 16, 2024

Per saperne di più