Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Culto religioso e impresa edile fondata in Brasile con il lavoro forzato

  • Edizione del
    8 aprile 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato
Banner eroe

La scorsa settimana, altri due nomi sono stati aggiunti alla "lista sporca" del Brasile, una lista lanciata nel 2003 che elenca le società che utilizzano il lavoro forzato nel tentativo di contrastare le moderne pratiche di schiavitù nel paese.

Gli ispettori del lavoro hanno scoperto legami inquietanti tra Nova Visão Assessoria e Consultoria Empresarial, una società responsabile di fattorie, fabbriche e ristoranti dove nel 565 sono state trovate 2018 persone intrappolate in schiavitù e un culto religioso.

La chiesa Igreja Cristã Traduzindo o Verbo ha sfruttato i suoi seguaci che erano spesso vulnerabili, poveri e in via di guarigione dalla dipendenza facendo pressione su di loro per vendere i pochi beni che potevano avere e lavorare in attività da cui la chiesa traeva profitto.

Anche un'impresa edile responsabile della costruzione di alloggi per i Giochi olimpici di Rio de Janeiro del 2016 si è trovata nella "lista sporca" del Brasile dopo che gli ispettori hanno scoperto che i lavoratori erano stati costretti a vivere in alloggi degradanti senza acqua corrente, nonostante l'azienda avesse promesso di fornire ai lavoratori un alloggio dignitoso .

Reuters relazioni:

Si è scoperto che Brasil Global de Serviços, una delle tante aziende subappaltate per sviluppare un complesso residenziale per atleti ai Giochi Olimpici di Rio, ha sottoposto 10 lavoratori a condizioni degradanti nel 2015.

Ai lavoratori degli stati poveri del nordest del Brasile è stato promesso vitto e alloggio, ma sono stati tenuti in alloggi senza acqua corrente o bagni funzionanti e sono stati costretti a pagare affitto, cibo e trasporti, afferma il rapporto di ispezione.

Secondo i dati del governo brasiliano, circa 54,000 persone sono state sottratte alle moderne condizioni di schiavitù in seguito al riconoscimento da parte del Brasile dell'uso attivo del lavoro forzato nel paese nel 1995.

Ogni sei mesi viene rivista la “lista sporca”. Il nome di un'azienda rimarrà lì per almeno due anni, a condizione che non vengano scoperte ulteriori prove di lavoro forzato, durante i quali le viene impedito di ricevere prestiti statali.

Oggi, 182 nomi sono nella lista, aiutando gli acquirenti preoccupati dal rischio del lavoro forzato nelle catene di approvvigionamento e consentendo alle banche di determinare i rischi di credito.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più