Le misure COVID-19 escludono ulteriormente le persone prive di documenti, afferma l'esperto

Le misure COVID-19 escludono ulteriormente le persone prive di documenti, afferma l'esperto

  • Edizione del
    Gennaio 4, 2022
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19
Banner eroe

"I paesi europei non hanno fatto abbastanza per garantire un accesso sicuro a vaccini e certificati per i migranti privi di documenti", afferma Alyna C Smith, vicedirettore della Piattaforma per la cooperazione internazionale sui migranti privi di documenti (PICUM).  

A partire da luglio 2021, un certificato di vaccinazione COVID-19 è obbligatorio per i viaggi all'interno dell'UE. Inoltre, numerosi governi europei hanno da allora reso la prova della vaccinazione un requisito per l'accesso a determinati spazi e servizi. Tali misure mirano a incoraggiare l'adozione del vaccino ea ridurre i tassi di infezione.  

Tuttavia, ion un pezzo di opinione pubblicato di recente su Al Jazeera, Smith sostiene che queste politiche rischiano esacerbando le sfide affrontate dalle persone prive di documenti, alcune delle quali sono sopravvissute alla tratta. 

Quali ostacoli devono affrontare le persone prive di documenti quando si tratta di vaccinazioni? 

La prova obbligatoria della vaccinazione non può essere imposta alle persone che non sono in grado di accedere alle vaccinazioni in primo luogo. In alcuni paesi sono richiesti documenti di identificazione nazionale o un numero di previdenza sociale per iscriversi o ricevere la vaccinazione. In Ungheria, ad esempio, è necessaria la prova dell'indirizzo di casa, il che è difficile per molte persone prive di documenti.  

Tra i cittadini stranieri che possono accedere alla vaccinazione, alcuni non possono ottenere un certificato digitale COVID-19. Le barriere includono l'accesso limitato ai dispositivi con Internet e la scarsa fruibilità dei siti web del governo che spesso non vengono tradotti o non riconoscono i dati forniti da persone prive di documenti. In Italia, ad esempio, alcune persone hanno riscontrato che il codice rilasciato per consentire loro di accedere all'assistenza sanitaria non era riconosciuto dal ministero della salute come valido per il pass necessario per dimostrare lo stato di vaccinazione. Questo pass è necessario per la circolazione nei trasporti pubblici, nei luoghi di lavoro e in altri spazi.  

In molti altri paesi in cui le persone senza uno status regolare sono tecnicamente ammissibili alla vaccinazione, molti hanno troppa paura per accedere al servizio. Temono che i loro dati vengano trasmessi alla polizia, il che potrebbe portare alla detenzione o alla deportazione. Anche nei casi in cui esiste un firewall tra i servizi medici e le autorità per l'immigrazione, come in Germania, ci sono state violazioni della sicurezza dei dati che hanno alimentato i timori esistenti. 

Meno polizia, più inclusione, dice Smith 

Nel pezzo d'opinione su Al Jazeera, Smith riflette sull'impatto di queste politiche e formula chiare raccomandazioni per aumentare la diffusione della vaccinazione tra i gruppi emarginati: 

Per le persone prive di documenti, queste iniquità sottostanti sono aggravate da barriere alla registrazione dei vaccini, sfiducia nelle autorità e rischi di imposizione dell'immigrazione – per non parlare, nella maggior parte dei paesi, di un'esclusione di lunga data dai sistemi sanitari nazionali a causa del loro status di immigrazione. I certificati COVID-19 limitano i diritti fondamentali delle persone prive di documenti senza affrontare effettivamente i fattori che minano il loro accesso ai vaccini. 

Sappiamo cosa potrebbe funzionare per affrontare i tassi di vaccinazione tra alcuni gruppi emarginati e non c'è più la polizia. Sta investendo risorse e sforzi in un approccio mirato che raggiunga questi gruppi, compresi i migranti privi di documenti e la collaborazione con le organizzazioni locali per sviluppare e implementare programmi che affrontino in modo proattivo le barriere sistemiche che devono affrontare. Ciò include la trasmissione di informazioni affidabili e chiare sulla pandemia, i vaccini e i loro diritti, da fonti di cui si fidano, e l'adozione di misure per rassicurare le persone che la vaccinazione è completamente svincolata dall'applicazione dell'immigrazione. 

Freedom United chiede protezione da COVID-19 per tutti i sopravvissuti alla tratta 

La comunità Freedom United è preoccupata per i modi in cui i governi di tutto il mondo hanno escluso i sopravvissuti alla tratta e i migranti a rischio dalle loro risposte al COVID-19. Esortiamo i paesi ad agire in modo che tutti, e in particolare i più vulnerabili, possano accedere all'assistenza sanitaria, ai test e alle vaccinazioni, senza timore di sfratto, detenzione o espulsione.

Unisciti a noi nel chiedere la fine della discriminazione contro i sopravvissuti alla tratta e tutti i migranti. Firma ora la petizione. 

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Marianna Latinis
Marianna Latinis
anni fa, 2

Assistenza sanitaria senza subire profilattiche ovvie e discutibili,
is
E dovrebbe essere fornito
Come diritto umano A livello internazionale, con una scelta di terapie testate con ozono assolutamente economiche.

Le persone non sono abbastanza tassate per condividere la salute globale?!

Questa dovrebbe essere una delle prime linee di approccio utilizzate per correggere alcuni errori
DELICATA RIPARAZIONE DEGLI ABBASSATI senza protocolli scortesi!

Benedici coloro che si battono per superarli
Barriere imbarazzanti verso la compassione.

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più