Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

COVID-19 ferisce i sopravvissuti alla tratta di Hong Kong, i lavoratori domestici

  • Edizione del
    Luglio 30, 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19
Banner eroe

La pandemia COVID-19 ha messo i sopravvissuti alla tratta di Hong Kong ei lavoratori domestici particolarmente a rischio di nuova tratta e lavoro forzato.

Le aziende che riducono i lavoratori e l'orario di lavoro hanno gettato molti in un limbo con perdite di posti di lavoro e difficoltà economiche, e la necessità di sbarcare il lunario sta spingendo i lavoratori vulnerabili in condizioni di lavoro precarie e potenzialmente pericolose.

Scrivendo sul <i>South China Morning Post </i>, Jacqueline Au, responsabile della ricerca e delle politiche presso Stop Trafficking of People (STOP), spiega:

Anche i sopravvissuti alla tratta di esseri umani a Hong Kong stanno lottando in queste circostanze. A Stop Trafficking of People (STOP), un'iniziativa locale contro la tratta, abbiamo osservato un forte aumento dell'ansia, dell'insonnia e delle tendenze suicide tra i sopravvissuti.

I fattori che contribuiscono a questo includono le situazioni finanziarie sempre più disastrose dei sopravvissuti, i casi legali in ritardo, i programmi di rimpatrio interrotti e la separazione familiare prolungata. Poiché pochi hanno lo status legale per lavorare a Hong Kong, la maggior parte rimane in casa con poco per distogliere la mente dai ricordi traumatici di sfruttamento.

I lavoratori domestici migranti sono un altro gruppo colpito duramente da questa pandemia. Un'indagine su 1,127 lavoratori domestici migranti da parte dell'ente di coordinamento dei migranti asiatici ha rivelato una serie di sfide che hanno esposto i lavoratori a trattamento ingiusto o sfruttamento.

Secondo l'indagine, ad alcuni lavoratori è stato detto di rimanere a casa nei giorni di riposo, a volte sotto la minaccia di licenziamento, e in altri casi, i datori di lavoro che hanno perso il lavoro hanno chiesto ai lavoratori domestici migranti di lavorare senza retribuzione o di prendere un congedo non retribuito.

I lavoratori domestici migranti non possono beneficiare delle misure di soccorso di Hong Kong e STOP riferisce che alcuni di loro sono stati spinti nella trappola del debito per avere dei soldi per prendersi cura di se stessi e delle loro famiglie.

Oggi, in occasione della Giornata mondiale contro la tratta di esseri umani, Au ci ricorda di ricordare le comunità che stanno affrontando circostanze estremamente difficili a causa della pandemia. Mentre Hong Kong vede una nuova ondata di infezioni, la pressione sui sopravvissuti alla tratta e sui lavoratori domestici per sopravvivere in città aumenterà ancora di più.

"Ora più che mai, dobbiamo essere vigili contro lo sfruttamento e il potenziale traffico di popolazioni vulnerabili", afferma Au.

Chiediamo ai governi mondiali di attuare misure per proteggere tutti i migranti dagli effetti della pandemia. Aggiungi il tuo nome alla campagna oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più