Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Come la pandemia rende più facile per i trafficanti in Europa

  • Edizione del
    16 aprile 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19, tratta di esseri umani
Banner eroe

Un nuovo rapporto degli esperti anti-tratta del Consiglio d'Europa (CoE) noti come GRETA rileva che la pandemia COVID-19 ha reso più facile per i trafficanti di esseri umani sfruttare le persone con poche opzioni, rendendo più difficile l'accesso alla giustizia per le vittime della tratta e per i sopravvissuti e supporto.

Il Rapporti della Thomson Reuters Foundation,

Il rapporto annuale di GRETA ha rilevato un aumento dello sfruttamento sessuale e dei trafficanti che si collegano online per prendere di mira le vittime, ad esempio utilizzando siti di giochi e social media per governare i bambini.

In Germania, una chiusura temporanea dei bordelli nel 2020 ha portato a un aumento della prostituzione "nascosta" segnata da un maggiore abuso, mentre in Spagna, i criminali hanno utilizzato i siti di affitto a breve termine per sfruttare le vittime negli appartamenti dove era meno probabile che venissero scoperti. disse.

Molti sono stati resi più vulnerabili dalla pandemia a causa della perdita di posti di lavoro, mancanza di accesso a sistemi di supporto come rifugi, incapacità di monitorare adeguatamente le catene di approvvigionamento e ritardi nel sistema di giustizia penale. La coordinatrice internazionale del gruppo europeo anti-tratta La Strada, Suzanne Hoff, ha dichiarato alla Thomson Reuters Foundation che "i lavoratori migranti, i richiedenti asilo e le persone prive di documenti [sono] particolarmente vulnerabili a causa della pandemia".

In alcuni paesi europei, la tratta sostiene che l'accesso all'accoglienza di asilo e ai centri di detenzione per immigrati è stato limitato o interrotto. Ciò ha contribuito alla mancanza di identificazione delle vittime.

Secondo il rapporto,

Mentre in circostanze normali l'identificazione delle vittime di tratta è difficile, la pandemia lo ha reso ancora più difficile, anche nei paesi che hanno meccanismi nazionali di riferimento (NMR) funzionanti. Nelle prime fasi della pandemia si sono verificati ritardi nell'identificazione delle vittime, a causa della diminuzione dei controlli di polizia e delle ispezioni sul lavoro. Ad esempio, nel Regno Unito, il numero di vittime indirizzate al NMR è diminuito del 23% da aprile a giugno 2020 perché c'erano meno primi soccorritori sul campo e lo sfruttamento si è spostato sempre più online. Nella Repubblica di Moldova, nei primi nove mesi del 2020 è stata osservata una diminuzione del numero di vittime identificate e assistite.

GRETA esorta i governi europei a identificare e proteggere meglio le vittime della tratta, in particolare i migranti, rilevando che c'è stato un aumento delle domande di asilo.

Durante la pandemia e oltre, è imperativo che gli Stati sostengano le loro popolazioni più vulnerabili e le risorse siano indirizzate ad affrontare le disuguaglianze strutturali che pongono le persone in situazioni sempre più precarie che i trafficanti possono poi sfruttare.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più