Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

I manifestanti chiedono alle industrie dei veicoli elettrici di ripulire la sporca catena di approvvigionamento

  • Edizione del
    20 Novembre 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Protezione della
Banner eroe

La recente apertura del LA Auto Show è stata interrotto dai manifestanti con l’obiettivo di far luce sulle pratiche dannose riscontrate nelle attuali catene di fornitura di veicoli elettrici. Oltre al costo ambientale che i processi di produzione comportano per l’ambiente, le catene di fornitura dei veicoli elettrici sono anche inquinate dal lavoro forzato uiguro e dal lavoro minorile, come riportato da cablato. 

Mettere in luce il ventre sporco della produzione di veicoli elettrici 

I manifestanti vestiti con costumi di Squid Game hanno organizzato un die-in al LA Auto Show per attirare l'attenzione principali questioni ambientali e di schiavitù moderna attualmente infetta la produzione di veicoli elettrici. La catena di fornitura dei veicoli elettrici comprende molti settori, dall’estrazione mineraria alla fusione dei metalli e alla produzione di batterie. La Cina, uno dei principali fornitori di molti componenti necessari per i veicoli elettrici, ha spostato l’estrazione di materie prime, impianti di lavorazione e produzione di componenti nella regione uigura, implicando il lavoro forzato uiguro.  

Secondo il Rapporto dell'Università di Sheffield Hallam:  

“Il governo cinese ha... essenzialmente (reso) le catene di approvvigionamento internazionali prigioniere di programmi repressivi e di lavoro forzato sistematico”, 

È ampiamente accettato che qualsiasi cosa provenienti dalla regione dello Xinjiang include il lavoro forzato uiguro. Essendo la più grande casa automobilistica, la Toyota è stata additata dai manifestanti che chiedevano di usare il loro "potere d’acquisto come forza positiva” e smettere di acquistare componenti prodotti nella regione uigura. I manifestanti hanno anche sottolineato che la produzione di componenti di veicoli elettrici sta danneggiando l’ambiente poiché è spesso alimentata dal carbone. I manifestanti hanno criticato Hyundai per la loro dipendenza dall’energia a carbone acciaierie e il loro utilizzo di lavoro minorile privo di documenti negli Stati Uniti, come riportato da a Indagine Reuters lo scorso dicembre. 

Partenariati per proteggere l’ambiente ed eliminare la schiavitù moderna 

Una coalizione di organizzazioni ha chiamato Guidare la carica organizzato questa protesta. La coalizione comprende una rete diversificata di partner locali, nazionali e globali che lavorano per una catena di fornitura automobilistica equa, sostenibile e priva di fossili. Le partnership tra gruppi di sostenitori del clima e gruppi per i diritti dei lavoratori testimoniano il potere delle alleanze strategiche per sostenere una “transizione giusta” verso l’energia pulita che non sia costruita sulla base dello sfruttamento del lavoro, della schiavitù moderna e del degrado ambientale.   

Matteo Groch, ha detto un direttore senior di uno dei partner della coalizione Mighty Earth 

 "Se non affrontiamo questo problema adesso, tra 10 o 15 anni, poiché ci sono sempre più veicoli elettrici, sarà difficile rimettere il genio nella lampada", 

Insieme a organizzazioni come Lead the Charge, Freedom United prende una posizione ferma contro il lavoro forzato uiguro che non solo contamina l’industria automobilistica e dei veicoli elettrici, ma macchia anche i settori del cotone, della moda, dei pannelli solari e molti altri. Purtroppo, il lavoro forzato degli uiguri e di altre persone di etnia turca o prevalentemente musulmana è ormai una parte profondamente radicata dell’economia cinese, come discusso nel nostro articolo rrecente evento online sul consumismo e la schiavitù moderna. 

Rushan Abbas, fondatore e direttore esecutivo della Campagna per gli uiguri, ha dichiarato:  

“Il governo cinese sta trasformando il genocidio in un’iniziativa redditizia utilizzando il lavoro degli schiavi… Milioni di persone sono nei campi di concentramento e nelle strutture di lavoro forzato solo perché sono uiguri”.  

Secondo il rapporto "Forza trainante: catene di fornitura automobilistica e lavoro forzato nella regione uigura,Sono oltre 100 le aziende automobilistiche implicate perché utilizzano il lavoro forzato uiguro nella loro catena di fornitura, tra cui Volkswagen, Toyota, Stellantis, Mercedes-Benz, Ford, General Motors, Honda, Tesla, Nissan e BYD. Puoi far parte del crescente gruppo di individui e organizzazioni che chiedono alle dieci più grandi case automobilistiche del mondo di mettere le persone al di sopra dei profitti e di tagliare i legami con il sistema di lavoro forzato uiguro. Aggiungi la tua voce e contribuire a mantenere la transizione verso l’energia pulita veramente pulita e non macchiata dalla schiavitù moderna. 

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Susan forte
Susan forte
7 mesi fa

La vasta incidenza di abusi sul lavoro, degrado ambientale e pratiche illegali nelle catene di fornitura è fuori controllo. Le multinazionali e i governi sono pienamente consapevoli e responsabili di questa atrocità. Chiudono un occhio per amore del denaro. Le agenzie e le istituzioni sono deboli nell’applicazione delle leggi. La schiavitù continua.

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più