Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

I blocchi diventano un incubo per i lavoratori domestici di tutto il mondo

  • Edizione del
    1 Maggio 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19, Schiavitù domestica
Banner eroe

La pandemia COVID-19 ha messo in pericolo i lavoratori migranti domestici. I gruppi di advocacy che seguono il Medio Oriente, avvertono che il numero di denunce di abuso presentate dai lavoratori domestici si è moltiplicato sia in quantità che in gravità.

Dall'inizio della pandemia, i governi hanno risposto rapidamente implementando misure di allontanamento sociale. Tuttavia, queste misure hanno intensificato le condizioni di sfruttamento in cui lavorano i lavoratori migranti domestici.

Il Competenza relazioni:

"La crisi che si è prodotta con Covid-19 ha esacerbato tutti i problemi che stiamo documentando", dice Rothna Begum, attivista per i lavoratori migranti e domestici presso Human Rights Watch. I blocchi, le quarantene e il coprifuoco significano essenzialmente che i lavoratori domestici sono intrappolati nelle case dei datori di lavoro, costretti a lavorare più ore per disinfettare le case e vulnerabili agli abusi fisici e sessuali.

Inoltre, poiché la disoccupazione e l'inflazione aumentano a causa della recessione economica indotta dal COVID-19, i lavoratori migranti con contratti di convivenza non vengono pagati e sono spesso costretti a lavorare senza stipendio perché non possono andarsene a causa del blocco.

Questi blocchi si estendono persino alle ambasciate, agli aeroporti e agli uffici governativi, quindi anche se un lavoratore domestico potesse sfuggire al loro sfruttamento, non c'è posto per loro dove cercare rifugio.

A Istanbul, in Turchia, l'associazione dei lavoratori domestici, che protegge i lavoratori domestici, riceve sei o sette chiamate al giorno per denunciare gli abusi. Prima della pandemia ricevevano solo una chiamata al giorno. Il capo dell'associazione, Gulhan Benli, spiega come vengono sfruttate le lavoratrici domestiche:

"A causa della crisi, le famiglie non le lasciano uscire per prendere aria fresca, perché hanno paura del coronavirus", dice. "Il carico di lavoro aumenta. Devono cucinare di più, pulire di più e non hanno tempo per riposare. Le famiglie fanno quello che vogliono con le donne ".

Alcuni paesi del Medio Oriente operano con il sistema di sponsorizzazione della kafala, vincolando un lavoratore migrante al proprio datore di lavoro.

Ciò rende i lavoratori domestici migranti particolarmente vulnerabili agli abusi e allo sfruttamento poiché il loro datore di lavoro ha un alto livello di controllo sulla loro libertà di cambiare lavoro e lasciare il paese.

I datori di lavoro hanno anche il potere di trattenere il passaporto di un lavoratore domestico migrante.

Un paese che opera con il sistema kafala è il Libano, in cui molti dei suoi 250,000 lavoratori domestici stimati sono privi di documenti.

Non solo questi lavoratori domestici vengono lasciati non pagati per il loro lavoro, ma stanno anche affrontando pesanti multe se vengono catturati senza documenti adeguati.

Il livello di abusi nel paese è stato spaventoso. Con l'economia in difficoltà, alcuni datori di lavoro stanno "scaricando" i lavoratori domestici sul ciglio della strada o li stanno vendendo.

Durante il mese di aprile, è stato scoperto che qualcuno in Libano ha tentato di vendere un lavoratore domestico nigeriano per $ 1,000 su Facebook.

Un lavoratore domestico di 22 anni originario dell'Etiopia è stato spinto a tentare il suicidio bevendo candeggina.

"Non era pagata, priva di documenti, è stata violentata fisicamente e sessualmente e le è stato impedito di parlare con la sua famiglia", dice la signora Yimer.

I lavoratori domestici sono tra i più vulnerabili alla schiavitù moderna e il rischio è aumentato solo a causa della pandemia COVID-19.

Agire oggi per chiedere al governo di attuare misure per proteggere tutti i lavoratori domestici dallo sfruttamento.

 

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più