Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Gli attivisti anti-kafala si uniscono alle proteste globali contro l'ingiustizia razziale

  • Edizione del
    11 Giugno 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica
Banner eroe

Le proteste contro il razzismo e la disuguaglianza razziale che si sono diffuse in tutto il mondo a seguito di  L'omicidio di George Floyd ha raggiunto il mondo arabo, dove ha suscitato nuovi appelli per la fine dello sfruttamento kafala .

Il sistema di sponsorizzazione facilita lo sfruttamento diffuso dei 23 milioni di lavoratori migranti della regione vincolandoli a un datore di lavoro e limitando il loro accesso alla protezione del governo.

Confinamento, libertà di movimento limitata e abusi fisici sono tutti all'ordine del giorno sotto la kafala, che è stata paragonata alla schiavitù da molti, compreso l'ex ministro del lavoro libanese.

Con la maggior parte dei lavoratori migranti della regione provenienti da paesi poveri dell'Africa e dell'Asia, c'è un elemento ineludibile di discriminazione razziale nel sistema kafala.

Mentre il mondo piange George Floyd e denuncia l'ingiustizia razziale, gli attivisti e gli attivisti sostengono che quelli nel mondo arabo dovrebbero cogliere l'opportunità per spingere per la fine dello sfruttamento razzista nei loro paesi.

Reuters relazioni:

Joey Ayoub, un attivista libanese indipendente che si batte per abolire la kafala, ha affermato che il sistema equivale a razzismo legittimato.

"Se vogliamo parlare della questione delle vite nere, dobbiamo parlare delle vite dei neri reali che non contano in Libano", ha detto, riferendosi alle proteste che hanno sconvolto gli Stati Uniti nelle ultime due settimane.

"Anche se il sistema kafala venisse abolito domani, il razzismo esisterebbe ancora, ma almeno permetterebbe alle persone che sono esse stesse vittime di razzismo molto più dire e autonomia in quello che possono fare al riguardo".

I governi della regione si sono mossi verso la riforma del sistema negli ultimi anni.

Il Bahrein e gli Emirati Arabi Uniti, ad esempio, negli ultimi anni hanno allentato il sistema della kafala introducendo maggiore libertà e salvaguardia dal lavoro forzato.

Proprio la scorsa settimana, il governo dell'Oman ha annunciato che dal prossimo anno i lavoratori migranti potranno cambiare lavoro senza permesso dopo due anni di lavoro.

Ma un esperto dell'Organizzazione internazionale del lavoro ha avvertito che la riforma richiederebbe tempo e che il lavoro forzato dura anche dove la legge lo proibisce.

Affrontare le questioni sottostanti, ad esempio, riconoscere il razzismo alla base del sistema, è fondamentale per garantire che i cambiamenti al sistema non siano solo superficiali.

I meccanismi di protezione progettati per migliorare il sistema kafala in Qatar, ad esempio, si sono dimostrati inefficaci nel garantire che i lavoratori negli stadi della Coppa del Mondo siano protetti dal lavoro forzato.

Freedom United si è riunita oltre 90,000 firme invitando il governo del Qatar a mantenere i suoi impegni per porre fine alla kafala e al lavoro forzato che facilita.

Unisciti alla campagna e aggiungi il tuo nome oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Francesca Weingarten
Francesca Weingarten
anni fa, 3

Mi sembra un sistema di sfruttamento che avrebbe dovuto essere abolito da tempo! Il lavoro forzato non dovrebbe essere accettabile ovunque e la fine dello sfruttamento razzista dovrebbe arrivare il prima possibile!

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più