La Volkswagen elude gli obblighi in materia di diritti umani durante l'assemblea degli azionisti

Volkswagen schiva la torta - e gli obblighi in materia di diritti umani - all'assemblea degli azionisti

  • Edizione del
    10 Maggio 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Attivisti contro la schiavitù, lavoro forzato, filiera
Banner eroe

Foto: Annegret Hilse (Reuters)

La recente assemblea generale annuale (AGM) della Volkswagen ha fatto notizia, per tutte le ragioni sbagliate. Sia gli investitori che i manifestanti hanno fatto scalpore per il gigante automobilistico, chiedendo responsabilità e trasparenza per la sua catena di approvvigionamento, in particolare la fabbrica dell'azienda nella regione uigura della Cina.

Il rapporto, Forza trainante: filiere automobilistiche e lavoro forzato nella regione uigura, pubblicato nel novembre 2022 dalla Sheffield Hallam University, ha rivelato che più di 100 componenti automobilistici internazionali o produttori di automobili che hanno una certa esposizione al lavoro forzato uiguro hanno prodotto beni. Ciò include le più grandi case automobilistiche del mondo, tra cui Volkswagen.

In effetti, la Volkswagen ha più legami della maggior parte perché non ha mai chiuso la sua fabbrica non redditizia nella capitale della regione uigura di Ürümchi. Mentre altre aziende sono impegnate a negare che le loro catene di approvvigionamento siano collegate alla regione uigura, Volkswagen, attraverso una partnership con la società cinese SAIC Motor, è fisicamente in la regione uigura.

“Non c'è motivo di dubitare”

Peggio ancora, il capo cinese della Volkswagen ha visitato la fabbrica nel febbraio 2023 e ha affermato di non aver visto alcun segno di lavoro forzato. All'AGM, ha raddoppiato la sua precedente dichiarazione, proclamando: "Non ho motivo di dubitare delle mie impressioni o delle informazioni a mia disposizione".

La Volkswagen sta respingendo le prove di esperti, studiosi e sopravvissuti delle Nazioni Unite.

Ma i loro azionisti sono convinti.

Reuters rapporti,

[L'amministratore delegato Oliver Blume] non ha menzionato lo stabilimento della società nello Xinjiang in Cina, una joint venture con SAIC Motor (600104.SS), che è diventato un punto dolente per gli attivisti per i diritti umani e per alcuni azionisti, tra cui i primi 20 investitori Deka Investimenti e investimenti sindacali.

Entrambi hanno esortato la casa automobilistica a richiedere alla SAIC di condurre un audit indipendente esterno dello stabilimento nello Xinjiang, dove i gruppi per i diritti umani hanno documentato violazioni dei diritti umani, compresi i campi di internamento di massa che la Cina nega.

"Volkswagen deve essere certa che le sue catene di approvvigionamento siano pulite", ha affermato Ingo Speich, responsabile della sostenibilità e della corporate governance di Deka.

Lasciali mangiare la torta

L’attivista uigura Haiyuer Kuerban, a nome dell’associazione tedesca degli azionisti etici, Dachverband Kritische Aktionaere, ha inviato alla Volkswagen un messaggio chiaro e severo: “Agire per garantire che la Volkswagen non diventi un profittatore del genocidio contro gli uiguri. Agisci adesso! Mostraci che “Mai più” è più che semplici parole!”

Anche se la Volkswagen potrebbe non aver apprezzato il messaggio degli azionisti, deve aver preferito la forma. Attivisti di diverso tipo hanno interrotto l'assemblea generale incollandosi alla strada fuori dal luogo dell'incontro, mancando per un pelo di colpire una sedia Volkswagen con una torta, sventolando striscioni con la scritta "Fine al lavoro forzato uiguro" e una donna si è presentata in topless con un messaggio ("Soldi sporchi ”) scritto sulla sua schiena.

Resta da vedere se la Volkswagen cambierà rotta dopo l'AGM, ma indubbiamente la pressione continuerà a crescere.

Freedom United e i nostri partner hanno condotto una settimana di azioni contro la Volkswagen. La settimana potrebbe essere finita ma puoi ancora unirti a noi ritenere Volkswagen responsabile.

Guarda la prima del nuovo stimolante documentario sulla conservazione del movimento oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e della gestione della rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
martyn
martyn
9 mesi fa

Sono d'accordo. Non abbiamo bisogno che un'altra compagnia tedesca partecipi ANCORA al genocidio.

La sezione settimana

Le catene di fornitura trasparenti sono l’unica via da seguire per le imprese

In un’era definita da una maggiore consapevolezza delle preoccupazioni ambientali e sociali, compreso il lavoro forzato, il panorama aziendale sta subendo una profonda trasformazione verso la responsabilità e la sostenibilità, indipendentemente dal fatto che le aziende lo vogliano o meno. Il recente accordo provvisorio raggiunto dal Consiglio dell’UE e dal Parlamento Europeo sulla Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence (CSDDD) sottolinea la realtà che la responsabilità aziendale

| Venerdì febbraio 23, 2024

Leggi di più