Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

L'ASEAN non riesce a proteggere i pescatori migranti dal lavoro forzato

  • Edizione del
    27 settembre 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato
Banner eroe

Greenpeace riferisce in un articolo sul Jakarta Post sulla perpetuazione del lavoro forzato e del traffico di pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (pesca INN), in particolare nel sud-est asiatico. A causa di accordi informali, molti membri dell'equipaggio si trovano isolati e alla mercé di datori di lavoro abusivi che potrebbero trattenere stipendi, passaporti e mezzi di comunicazione oltre a costringerli con minacce e violenze a fare straordinari eccessivi.

Greenpeace ha testimonianza da oltre 34 migranti indonesiani pescatori di lavori forzati su 13 pescherecci stranieri. Un ex pescatore ha condiviso una storia straziante: “Ho assistito a orribili torture. Stavamo lavorando anche a mezzanotte. Quando il maestro di pesca si arrabbiò, colpì la testa del mio amico vicino al suo orecchio sinistro. Dopodiché fu costretto a continuare a lavorare fino alla fine dei lavori e solo allora gli fu permesso di riposare. Al mattino, quando ci siamo svegliati per la colazione, lo abbiamo trovato morto nella sua stanza. Il Capitano ha avvolto il corpo del mio amico morto con una coperta e poi lo ha riposto nel congelatore”.

Mentre la Convenzione 188 (C-188) sul lavoro nella pesca dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) stabilisce disposizioni per proteggere il benessere dei pescatori e delle loro famiglie, i sostenitori riferiscono che la scarsa attuazione della convenzione mette a rischio i pescatori. Inoltre, altre politiche per proteggere i lavoratori migranti a volte non si applicano ai pescatori perché non sono lavoratori a terra.

In particolare, Greenpeace chiede all'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) di fare di più per i pescatori migranti nella regione.

Greenpeace rapporti,

All'interno dell'ASEAN, ci sono molte forze trainanti della pesca INN che perpetuano la moderna schiavitù in mare, compresa l'assenza di un adeguato controllo normativo sui pescatori e sui pescherecci e la mancanza di strumenti di gestione efficaci per gestire la capacità di pesca. La debole applicazione delle leggi sulla pesca, l'evasione dei pagamenti relativi alle tasse e alle tasse di pesca e quadri legali incompatibili per combattere la pesca INN contribuiscono tutti alla sua attuale situazione. Oltre al debole sistema di autorizzazione delle navi e al monitoraggio, controllo e sorveglianza della pesca incapaci, molte attività di pesca dell'ASEAN sono mal gestite con una preoccupazione limitata per la conservazione della pesca...

Strumenti come la Convenzione ASEAN contro la tratta di persone, specialmente donne e bambini (ACTIP) e la Dichiarazione ASEAN sulla protezione e la promozione dei diritti dei lavoratori migranti (Dichiarazione di Cebu) non coprono i pescatori migranti a meno che non siano riconosciuti come lavoratori migranti nel stessa categoria.

In tutto l'ASEAN, i lavoratori migranti sono indicati come lavoratori a terra, non lavoratori a base di mare. I pescatori non sono considerati marittimi, ovvero lavoratori migranti impiegati a bordo di una nave registrata. Ciò significa che ai pescatori migranti non vengono concessi la stessa protezione e gli stessi diritti di altri tipi di lavoratori migranti.

Greenpeace è fermamente convinto che gli attuali interventi siano inadeguati per affrontare il problema e invita l'ASEAN a collaborare con i sostenitori, i governi e il settore privato per una risposta più informata e coordinata.

Freedom United sostiene gli sforzi di Greenpeace per affrontare IUU spingendo per il Legge sulla pesca illegale e sulla prevenzione del lavoro forzato.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più