La decisione della Corte Suprema del Regno Unito sul progetto del Ruanda è una vittoria, ma cosa succede adesso?

La decisione della Corte Suprema del Regno Unito sul progetto del Ruanda è una vittoria, ma cosa succede adesso?

  • Edizione del
    15 Novembre 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Legge e politica
Banner eroe

Il 15 novembre, i diritti umani hanno vinto quando la Corte Suprema del Regno Unito ha dichiarato illegale il progetto del Ruanda, affermando che non è un paese terzo sicuro in cui il governo può inviare migranti e rifugiati.

Questa sentenza causerà un "duro colpo alla promessa del primo ministro Rishi Sunak di impedire l'arrivo delle persone su piccole imbarcazioni", riferisce Reuters. La sentenza dimostra anche che il piano del Ruanda è un tentativo fallito di distrarre dal dovere del governo di trovare soluzioni reali che affrontino le cause della fuga delle persone in cerca di sicurezza.

Il progetto del Ruanda e i suoi rischi per i sopravvissuti alla tratta

Il piano per il Ruanda è stato creato nell’aprile 2022 ed è stato progettato per dissuadere i richiedenti asilo dal compiere un pericoloso viaggio attraverso la Manica dall’Europa su piccole imbarcazioni fino al confine meridionale dell’Inghilterra. Secondo il programma, chiunque arrivasse illegalmente in Gran Bretagna rischiava la deportazione in Ruanda. Tuttavia, nel giugno 2022, il primo volo di deportazione è stato bloccato dalla Corte europea dei diritti dell’uomo, vietando qualsiasi allontanamento fino alla conclusione dell’azione legale, che si è conclusa mercoledì con un rifiuto unanime da parte della Corte Suprema.

Il progetto fa parte dell'Illegal Migration Act, un corpo legislativo contenente disposizioni anti-migranti nell'ambito della campagna “Stop the Boats” del Primo Ministro Rishi Sunak. L’incoscienza e la crudeltà del sistema lasciano i sopravvissuti alla tratta che entrano nel Regno Unito attraverso “percorsi irregolari” senza alcun accesso al sostegno o alle moderne protezioni contro la schiavitù. Invece di fornire percorsi sicuri e lavorare per sostenere i sopravvissuti alla tratta all’arrivo, il piano di deportarli in Ruanda li mette ulteriormente in pericolo, dato il fallimento del Paese nel sostenere gli standard internazionali sui diritti umani.

Una vittoria per i diritti umani, ma quale sarà il prossimo passo?

Sebbene questa decisione sia celebrata, c’è preoccupazione che il governo continui i suoi sforzi per detenere e deportare forzatamente le persone verso paesi dove sono a rischio di danni e violazioni dei diritti umani. Tutti coloro che sono a rischio imminente di deportazione in Ruanda non corrono più il rischio urgente di rimpatrio. Il presidente della Corte Suprema Robert Reed ha affermato che è necessario apportare modifiche per impedire a chiunque di essere rimpatriato nel proprio paese d’origine, ma tali modifiche non sono ancora in atto.

Le Consiglio congiunto per il benessere degli immigrati avverte,

“È importante ricordare che il giudizio si limita alla questione se il Ruanda sia un paese sicuro – e non alla legalità della politica in linea di principio”.

Le Dichiarazione dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni sulla sentenza della Corte Suprema del Regno Unito afferma:

“Incoraggiamo il Regno Unito e gli altri Stati membri a cercare soluzioni che affrontino i fattori di fondo che spingono le persone a lasciare le proprie case, a offrire percorsi più sicuri e legali per la migrazione e a costruire partenariati con i governi lungo il percorso migratorio”.

Freedom United accoglie con favore questa sentenza ed esorta fermamente il Regno Unito a implementare rotte migratorie sicure perché questo è il modo più efficace per proteggere i migranti e prevenire la tratta di esseri umani.  Firma la nostra petizione sollecitare autentiche politiche di lotta all’immigrazione contro la tratta. 

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
5 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Romen Goswami
Romen Goswami
4 mesi fa

Sono soddisfatto del verdetto della Corte Suprema.

David Fellowes
David Fellowes
4 mesi fa

Personalmente esiterei a sollecitare questo o qualsiasi altro governo del Regno Unito a essere così coinvolto negli affari di altri paesi da essere in grado di affrontare eventuali “fattori di fondo” che spingono le loro popolazioni ad abbandonare tutto ciò che possiedono e ad andarsene. Lo facevamo e tutti giustamente pensavano che fosse ora di smettere. Sono d'accordo con loro.

Alice Nunn
Alice Nunn
4 mesi fa

Creare rotte legali e sicure per i rifugiati fermerebbe, in un colpo solo, le piccole imbarcazioni. Ciò consentirebbe di esaminare i casi e, nei casi appropriati, di concedere l’asilo.
Un altro grosso problema con la “soluzione” del Ruanda (a parte la sua disumanità e la discutibile legalità, ecc.) è che difficilmente un rifugiato ha modo di entrare legalmente nel Regno Unito, e che chiunque venga spedito in Ruanda (o dovunque) non ha assolutamente alcun diritto considerare il diritto di ricorso per una richiesta di asilo nel Regno Unito.

Keith
Keith
4 mesi fa

Nessuno è superiore alla legge. Soprattutto governi e politici!

Jacqui Robinson
Jacqui Robinson
4 mesi fa

Questi richiedenti asilo stanno costando ai paesi denaro che dovrebbero utilizzare per aiutare i propri. Penso solo che lo stiano facendo nel modo sbagliato. I cittadini prima poi aiutano chi ritenete abbia bisogno di aiuto. I cittadini stanno soffrendo, pensa prima alla tua gente e poi non disprezzeranno i bisognosi e i disperati. Non riesco a comprendere le priorità di questi governi.,

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più