All'interno del programma per i lavoratori stagionali della Corea del Sud

Abusi e sfruttamento: all'interno del programma per i lavoratori stagionali della Corea del Sud

  • Edizione del
    7 Giugno 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato
Banner eroe

Il regime dei lavoratori stagionali della Corea del Sud è finito sotto accusa, con accuse di schiavitù moderna e abusi sistemici nei confronti dei lavoratori migranti, principalmente dalle Filippine. Un'indagine di Contesto, l'agenzia di stampa della Tomas Reuters Foundation, rivela approfondimenti.

Il regime dei lavoratori stagionali della Corea del Sud

Il programma per i lavoratori stagionali mira ad affrontare la carenza di manodopera della Corea del Sud reclutando lavoratori stranieri per lavori a bassa retribuzione che i locali evitano. Tuttavia, i lavoratori si trovano ad affrontare condizioni di sfruttamento. Commissioni di intermediazione esorbitanti possono consumare una parte significativa dei loro guadagni, lasciandoli con molto meno di quanto promesso. Gli intermediari spesso confiscano documenti importanti come passaporti e libretti bancari, limitando la libertà dei lavoratori e il controllo sulle loro finanze. Sono comuni condizioni di lavoro dure, con i lavoratori che devono sopportare orari prolungati, a volte fino a 14 ore al giorno, in ruoli fisicamente impegnativi che differiscono significativamente dai loro accordi contrattuali.

“È come il traffico di esseri umani ai giorni nostri. Gli intermediari trattavano i lavoratori stagionali come schiavi, perché conservavano il libretto di risparmio, il passaporto e perfino la carta e lo stipendio di residenza straniera”. – Ko Gibok, Comitato congiunto con i migranti in Corea (JCMK)

La mancanza di controllo centrale consente agli intermediari di operare impunemente, violando i contratti senza responsabilità. Inoltre, detrazioni inaspettate per l'alloggio, il cibo e le spese di gestione riducono ulteriormente la loro paga da portare a casa, aumentando il loro onere finanziario e la loro frustrazione.

Storie di sfruttamento

Context ha parlato con diversi lavoratori stagionali, tre dei quali raccontano la loro esperienza. A Juan*, un coltivatore di riso, era stato promesso un alto stipendio ma alla fine si è trovato a svolgere un lavoro estenuante lontano da quanto concordato. Quando si è lamentato, è stato rimandato nelle Filippine e ha dovuto combattere una battaglia legale per reclamare la sua garanzia. Bianca* ha sopportato giornate lavorative di 14 ore per raccogliere fragole, con intermediari che controllavano il suo libretto bancario e il suo passaporto, impedendole di accedere direttamente ai suoi guadagni. Mark* ha pagato ingenti commissioni anticipate e ha visto detrazioni salariali per assicurarsi il lavoro, nessuna delle quali è stata rivelata nel suo contratto.

"Non mi sarei mai aspettato che avremmo dovuto lavorare più duramente di un carabao", ha detto Mark. “Se non fosse stato per i prestiti che ho preso per arrivare lì, non avrei concluso il mio contratto. Ho giurato di non lavorare mai più nelle fattorie della Corea del Sud”. – Marco, ex lavoratore stagionale

Agisci ora!

La ratifica del Protocollo del 2014 alla Convenzione sul lavoro forzato n. 29 del 1930 potrebbe aiutare significativamente la Corea del Sud ad affrontare le questioni relative al lavoro forzato rafforzando il quadro giuridico, migliorando la supervisione e fornendo una migliore protezione ai lavoratori migranti. Firma la nostra petizione per sollecitare la Corea del Sud a ratificare il Protocollo del 2014 e proteggere i diritti dei lavoratori migranti oggi stesso!

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più