Dal matrimonio forzato all'attivista in prima linea: la storia di Payzee Mahmod

Dal matrimonio forzato all'attivista in prima linea: la storia di Payzee Mahmod

  • Edizione del
    8 aprile 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Matrimonio forzato, storie di sopravvissuti
Banner eroe

Nell'aprile 2022, Freedom United ha celebrato come il Regno Unito ha ceduto alle nostre pressioni, approvando la legge sul matrimonio e l'unione civile (età minima), che protegge meglio i bambini dal matrimonio forzato.

Il nostro principale attivista di questa iniziativa, Payzee Mahmod, è un sostenitore dei sopravvissuti con cui abbiamo incontrato Metro Regno Unito per condividere la sua esperienza e spiegare perché aumentare l’età minima per il matrimonio era così importante.

"Ogni giorno mi svegliavo desiderando che la mia vita fosse diversa."

Payzee è cresciuto in una famiglia curda conservatrice nel sud di Londra. Quando all’età di 30 anni fu costretta a sposare un uomo di 16 anni, sposarsi alla sua età era ancora legale con il consenso dei genitori. Dopo essersi incontrati brevemente, il giorno del matrimonio è stato deciso dai suoi genitori e dal futuro marito. Anche se ha contattato amici e insegnanti, nessuno è intervenuto.

La prima cosa che notai fu che era vecchio; aveva l'attaccatura dei capelli stempiata e si vestiva come uno dei miei zii. Ricordo di aver avuto paura di non sapere come sarebbe stata la mia vita con quest'uomo.

Dopo il matrimonio, suo marito le proibì di frequentare il college, a volte per settimane intere. Ci si aspettava che pulisse, cucinasse e si comportasse come sua moglie di fronte ai suoi amici. Pochi mesi dopo il suo matrimonio, scoprì di essere incinta di un bambino che solo suo marito desiderava. Nonostante l'indignazione della sua famiglia, ha abortito.

Fu solo quando compì 18 anni che Payzee poté divorziare. I suoi due anni di vita matrimoniale sono stati trascorsi nella paura dopo che sua sorella Banaz, anche lei costretta a un matrimonio violento, ha presentato una denuncia alla polizia ed è tornata a vivere con i suoi genitori. Banaz è scomparso. Il suo corpo fu poi ritrovato in una valigia, assassinato da suo padre, suo zio e suo cugino in un delitto d'onore.

Alla fine ho divorziato quando mia sorella Banaz è stata uccisa in un cosiddetto delitto d'onore. Quando perdevo mia sorella, mio ​​marito minacciava che mi sarebbe successa la stessa cosa. Allora ho capito che dovevo uscire.

Avanti veloce fino ad oggi

Molte cose sono cambiate dal matrimonio forzato di Payzee. Il matrimonio nel Regno Unito è ora illegale sotto l'età di 18 anni - grazie a Il duro lavoro di Payzee. Siamo così orgogliosi di chiamarla collega e partner!

Payzee sta facendo del suo meglio per trasformare il suo dolore in attivismo ogni giorno e si batte affinché esperienze come la sua e quelle delle sue sorelle non accadano ad altre ragazze. Tuttavia, i matrimoni forzati rimangono un problema comune in tutto il mondo.

Innalzare l’età minima legale per sposarsi a 18 anni è un modo fondamentale per prevenire i matrimoni precoci forzati. Ecco perché stiamo lavorando negli Stati Uniti per sollecitare i politici a cambiare le loro leggi. Firma la nostra petizione oggi!

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più