Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

La sfida storica potrebbe bloccare le importazioni dell'UE di cotone uzbeko "raccolto dagli schiavi"

  • Edizione del
    Ottobre 22, 2019
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica, catena di fornitura
Banner eroe

Una nuova sfida legale presentata lunedì in Gran Bretagna potrebbe aprire la strada all'Unione Europea per impedire l'ingresso nel blocco di merci prodotte da schiavi, a cominciare dal cotone dell'Uzbekistan.

Il caso presentato sostiene che le importazioni di cotone uzbeko nelle nazioni dell'UE sono illegali perché il blocco ha applicato tariffe preferenziali e non ha considerato la situazione dei diritti umani in Uzbekistan o la conformità del paese alle convenzioni internazionali sul lavoro.

Il Forum uzbeko-tedesco per i diritti umani (UGF), che ha portato la sfida, afferma che l'UE continua a commerciare in cotone uzbeko nonostante prove chiare e documentate che il lavoro forzato esista ancora nella raccolta annuale del cotone.

"Questo approccio è senza precedenti ... mira a interrompere l'importazione senza ostacoli di cotone da lavoro forzato in Europa", ha affermato Gerry Liston, funzionario legale presso Global Legal Action Network (GLAN), un ente di beneficenza con sede in Gran Bretagna che aiuta UGF con il caso.

"In caso di successo, avrebbe implicazioni per tutti i tipi di beni contaminati dal lavoro forzato (nell'UE)".

Fondazione Thomson Reuters relazioni:

Gli avvocati dietro il caso sperano che avrà successo presso il Tribunale amministrativo di Londra - parte dell'Alta Corte di giustizia - e sarà deferito alla Corte di giustizia europea in Lussemburgo, dove qualsiasi decisione o sentenza sarebbe legalmente vincolante in tutta l'UE.

Tale azione potrebbe andare dal costringere l'UE a condurre una due diligence nella produzione di cotone dell'Uzbekistan a una sentenza che fermerebbe effettivamente l'ingresso nel blocco di beni noti per essere prodotti dal lavoro forzato, hanno affermato gli avvocati a sostegno del caso.

In base a un regolamento dell'UE del 2012, le importazioni di cotone uzbeko ricevono una tariffa preferenziale nell'ambito del sistema di preferenze generalizzate, che mira a facilitare il commercio con alcune nazioni in via di sviluppo.

Ma la mozione legale ha affermato che questo regolamento è nullo in base al diritto dell'UE e non può essere applicato dalla Gran Bretagna o da qualsiasi stato membro del blocco alle importazioni di cotone dall'Uzbekistan.

UGF ha affermato che ciò è dovuto al fatto che l'UE non aveva valutato le implicazioni sui diritti umani dell'applicazione delle tariffe al cotone uzbeko né ha considerato la conformità della nazione a una convenzione dell'OIL sul lavoro forzato di cui è parte.

L'anno scorso, la Gran Bretagna ha importato 360,000 libbre ($ 455,000) di cotone uzbeko, dando tariffe preferenziali all'Uzbekistan nel processo.

Il raccolto di cotone dell'Uzbekistan è stato a lungo afflitto dal lavoro forzato sponsorizzato dallo stato, in cui migliaia di studenti, insegnanti e operatori sanitari sono costretti a raccogliere cotone e raggiungere quote governative elevate. Sebbene il paese abbia compiuto progressi negli ultimi anni per affrontare il problema, UGF afferma che il lavoro forzato è ancora "sistematico e massiccio".

Erkin Mukhitdinov, primo viceministro del ministero del lavoro del paese, ha dichiarato alla Thomson Reuters Foundation che il governo "resta pienamente impegnato a sradicare il lavoro forzato nella raccolta del cotone".

Il direttore dell'UGF Umida Niyazova ritiene che questo caso potrebbe esercitare ulteriori pressioni sul governo.

Qualsiasi tipo di pressione globale a questo punto ... in questo momento ... potrebbe essere molto efficace ", ha detto.

"Questo caso potrebbe essere l'ultima goccia e un momento importante per il popolo uzbeko".

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Gillian Stroud
Gillian Stroud
anni fa, 4

finalmente! ci sono voluti solo 30 anni.

Marc Edward Canny
Marc Edward Canny
anni fa, 4

Pensavo che fosse finita quando i sovietici se ne andarono. L'Uzbekistan è ora una nazione ricca di petrolio.

RAMESH
RAMESH
anni fa, 4

MOVIMENTO FANSTASTICO

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più