Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

La pandemia peggiora lo sfruttamento dei lavoratori agricoli migranti in Grecia

  • Edizione del
    4 settembre 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19
Banner eroe

 I lavoratori migranti privi di documenti che forniscono la maggior parte del lavoro stagionale nelle aziende agricole di fragole della Grecia hanno riferito di aver subito un aumento dello sfruttamento quest'anno.

Più di 10,000 uomini del Bangladesh privi di documenti lavorano stagionalmente nell'industria greca delle fragole, l'ottava al mondo.

Le condizioni di sfruttamento e i salari in queste fattorie sono stati da tempo riconosciuti, con proteste violentemente represse contro i ritardi dei salari nel 2013 che hanno portato alcuni a chiamare i frutti "fragole sanguigne".

Ma quest'anno, l'impatto economico della pandemia COVID-19 e dei blocchi associati ha esacerbato drasticamente la situazione, bloccando la produzione e riducendo la domanda.

Oltre ai salari più bassi, lo status giuridico dei migranti significa che non possono accedere alle cure sanitarie, nonostante l'aumento del rischio di infezione che devono affrontare a causa delle condizioni "disumane" del baranga (bidonville) in cui sono costretti a vivere.

Le restrizioni sanitarie e di allontanamento sociale nelle fattorie, nel frattempo, sono state applicate abbastanza da creare tensioni tra i migranti in corsa per il lavoro, ma non abbastanza da garantire maschere e guanti gratuiti per tutti.

Mentre la Grecia guarda avanti alla prossima stagione delle fragole, che inizierà alla fine di ottobre, è più cruciale che mai riconoscere e valutare lo sfruttamento affrontato dai lavoratori migranti in primavera e in estate.

openDemocracy relazioni:

“Né lo stato greco né l'afentiko (il capo) si preoccupano della nostra vita o della nostra salute. Solo la nostra manodopera a basso costo conta ", dice Ahmed *, un raccoglitore di fragole immigrato irregolare del Bangladesh.

[...]

"Senza 'documenti' (status regolarizzato), non abbiamo assistenza sanitaria ... Se qualcuno di noi avesse contratto la 'corona', tutti i lavoratori del Bangladesh sarebbero stati stigmatizzati e rimossi dal lavoro", ha dichiarato il 22enne Mohammad.

Mentre il governo greco ha introdotto alcune misure per mitigare l'impatto della pandemia sull'agricoltura, come l'assistenza finanziaria agli agricoltori, non ci sono state mosse per regolarizzare o proteggere i lavoratori migranti del Bangladesh che sostengono la sua industria delle fragole.

Alcuni attivisti per i diritti dei lavoratori sostengono che ciò sia intenzionale in modo da consentire tacitamente il loro sfruttamento pur continuando a impedire loro di accedere ai benefici statali, compresa l'assistenza sanitaria.

Lo sfruttamento dei lavoratori agricoli migranti, aggravato dalla pandemia e dalle sue ripercussioni, è un problema che la Grecia condivide con altri paesi del Mediterraneo.

Al centro c'erano anche gli allevamenti di fragole una crisi umanitaria in Spagna all'inizio di questa estate, dove migliaia di lavoratori migranti stagionali marocchini con visti scaduti - impossibilitati a lavorare, ma impossibilitati a tornare a casa - erano intrappolati in condizioni disperate.

L'Italia, intanto, ha introdotto un'amnistia di sei mesi per i lavoratori migranti a maggio per ridurre al minimo l'impatto economico sull'agricoltura, ma i critici sostengono che è stato inefficace e ha fatto poco per frenare lo sfruttamento e la violenza che i lavoratori migranti devono affrontare.

Freedom United chiede ai governi di seguire la guida delle Nazioni Unite e garantire che tutti i migranti, indipendentemente dallo stato di immigrazione, siano protetti per tutta la durata della pandemia.

Stand con i lavoratori migranti della Grecia e aggiungi il tuo nome oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Katerina Bakirzi
Katerina Bakirzi
anni fa, 3

Non possiamo costruire case per migranti illegali che entrano senza permesso di documenti, nemmeno passaporti e identità e nel loro paese l'economia è più forte della Grecia. Molti bengalesi sono padroni in Grecia, hanno aperto i propri lavori. Persone gentili Queste tragiche situazioni sono ovunque nel mondo in questi giorni. Afentica dà loro soldi per il cibo nelle case di lavoro. Questa situazione è comune con i turchi uigur in Cina e Qatar che non li pagano? Ha inviato un'e-mail a @mitarakis o @koumoutsakos
Salute a TUTTI

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più