Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

La causa per lavoro forzato in Eritrea viene ritirata poiché l'UE promette che non ci saranno più strade

  • Edizione del
    24 settembre 2020
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica
Banner eroe

L'Unione Europea ha annunciato che non finanzierà più i progetti di costruzione di strade in Eritrea, con il conseguente ritiro di una causa di mesi contro il blocco.

A maggio, il gruppo Foundation Human Rights for Eritreans con sede ad Amsterdam aveva intentato una causa contro l'UE per il finanziamento di un progetto di costruzione ha apertamente riconosciuto l'uso del lavoro forzato.

Il progetto, una strada che collega il confine etiope con la città portuale di Massaua, è stato rivelato a gennaio per utilizzare i coscritti del servizio nazionale, il che significava la partecipazione di un numero imprecisato di suoi lavoratori.

L'UE ha in parte finanziato il progetto pagando attrezzature pesanti attraverso il suo Fondo fiduciario di emergenza per l'Africa, un fondo notoriamente opaco istituito nel 2015 come parte di uno sforzo per arginare la migrazione.

Ma l'UE ha ora annunciato, in parte in risposta alla causa legale, che non finanzierà più progetti stradali in Eritrea, deviando tutti i fondi ad altri progetti nel paese e oltre.

Lo ha annunciato Kennedy Van Der Laan, lo studio legale che rappresenta la Fondazione in un comunicato stampa questa settimana che ha ritirato la causa a seguito del trasferimento, ma le preoccupazioni rimangono.

La Fondazione è ampiamente soddisfatta di questi passaggi, afferma Emiel Jurjens, l'avvocato della Fondazione. “L'UE ha riconosciuto che sostenere un progetto che utilizza il lavoro forzato è inaccettabile. Ecco perché l'UE ha ora abbandonato questa politica dicendo “niente più strade”. L'obiettivo della Fondazione è stato così raggiunto. Questa è una vittoria importante che significa molto per la Fondazione e per il popolo eritreo ”. Tuttavia, ciò non cambia il fatto che la situazione dei diritti umani in Eritrea rimane motivo di grande preoccupazione.

Il fatto che alcuni fondi stiano ancora andando all'Eritrea, compreso il suo sistema giudiziario effettivamente inesistente, significa che l'UE sta ancora sostenendo indirettamente il Servizio nazionale.

Gli attori internazionali possono aiutare a porre fine al lavoro forzato nel paese, rendendo il proseguimento del sistema sia politicamente che economicamente costoso.

Freedom United ha raccolto oltre 10,000 firme chiedendo alle imprese e istituzioni straniere di disinvestire dal paese e dichiarare la loro opposizione alla coscrizione forzata.

Unisciti a loro un aggiungi il tuo nome oggi.

Giovedì prossimo, 1 ottobrest, Freedom United ospiterà un webinar con due partner nella campagna con esperienza diretta in Eritrea.

Habte Hagos, fondatore e presidente di Eritrea Focus, e Martin Plaut, ex direttore di BBC World Service Africa e autore di Understanding Eritrea, discuteranno della persistenza del lavoro forzato in Eritrea e dell'importanza della campagna di disinvestimento di Freedom United.

Non perdere la loro conversazione! Segna i tuoi calendari e iscriviti al webinar qui.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più