Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

La massima corte italiana si unisce a Freedom United nel denunciare il programma di rimpatrio dei migranti via mare

  • Edizione del
    27 Febbraio 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani, diritto e politica
Banner eroe

I sostenitori si sentono vendicati poiché la più alta corte italiana, la Corte di Cassazione, ha stabilito all'inizio di questo mese che è illegale inviare i rifugiati salvati dal Mar Mediterraneo in un territorio non sicuro – in questo caso, la Libia.

Il caso è iniziato lo scorso anno dopo che l’Italia e la Libia hanno rinnovato automaticamente un Memorandum d’Intesa (MoU) iniziato nel 2017. In base al MoU, l’Italia finanzia e forma la Guardia costiera libica nel pattugliamento del Mediterraneo centrale nonostante le prove di abusi sistematici contro migranti, rifugiati e migranti. persone in cerca di asilo, inclusa la schiavitù moderna, che secondo le Nazioni Unite può costituire un crimine contro l’umanità.

Matteo de Bellis, di Amnesty International, ritiene che la Corte abbia solo ufficializzato ciò che tutti, comprese le autorità italiane, già sapevano.

“La guardia costiera e il governo italiani sanno da tempo che il rimpatrio dei migranti in Libia sarebbe illegale, a causa delle condizioni del paese. Invece, hanno cercato modi per aggirare tali restrizioni, come aiutare a finanziare, equipaggiare e addestrare la guardia costiera libica”.

La Libia non è un porto sicuro

Il caso particolare in questione riguarda il capitano di un rimorchiatore che ha intercettato oltre 100 migranti nella zona di ricerca e salvataggio della Libia nel Mar Mediterraneo. Il capitano ha consegnato i migranti alla Guardia costiera libica, che a sua volta li ha portati in Libia.

La Corte ritiene inaccettabile “l’alto rischio [che] i migranti [potrebbero essere] sottoposti a trattamenti inumani e degradanti nei centri di detenzione […] in territorio libico, con l’impossibilità di vedere tutelati i loro diritti fondamentali”.

I sostenitori di Freedom United in tutto il mondo e le Nazioni Unite sostengono da anni che la Libia non è un porto di sbarco sicuro a causa dei gravi abusi dei diritti umani, tra cui il traffico di esseri umani, la violenza fisica e l’estorsione, che avvengono nei centri di detenzione lì.

Al Jazeera rapporti,

Secondo un portavoce dell'OIM, ci sono 3,500 rifugiati trattenuti nei centri di detenzione ufficiali nella Libia occidentale e orientale.

Altri sono detenuti nei centri non ufficiali, la maggior parte dei quali si ritiene siano raggruppati intorno alla capitale, nel nord-ovest della Libia. Tuttavia, attribuire un qualsiasi numero ai detenuti è, per sua natura, impossibile.

Dopo un ampio studio sul trattamento dei migranti irregolari in Libia lo scorso anno, le Nazioni Unite hanno citato numerosi casi di tortura e schiavitù sessuale – un crimine contro l’umanità – come relativamente comuni nella rete dei centri di detenzione.

Unisciti al movimento 

La comunità Freedom United continuerà a farlo protestare contro il ritorno dei migranti in Libia.

Anche se ci uniamo ai sostenitori della sentenza, non possiamo smettere di fare pressione sull’Italia e sull’UE affinché rispettino gli standard internazionali sui diritti umani e smettano di sostenere la Guardia costiera libica. Resta da vedere quali eventuali differenze avrà questa sentenza rispetto all’attuale accordo.

Insieme possiamo mandare il messaggio chiaro che non tollereremo più queste flagranti violazioni dei diritti umani.

Prendi una posizione oggi. Unisciti alla campagna per porre fine alla schiavitù in Libia

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Bonnie
10 giorni fa

L’UE dovrebbe attaccare la causa e non le persone che cercano sicurezza e dignità nella propria vita… non sostenendo i governi locali che sono corrotti e spietati. Purtroppo gli interessi politici dei paesi (UE) contano di più e gli effetti a breve termine devono essere affrontati. soppresso…da qui la propaganda anti-migranti.

La sezione settimana

Vittime della schiavitù moderna al centro della controversa politica di deportazione del Ruanda nel Regno Unito

In uno sviluppo significativo nella politica di immigrazione del Regno Unito, si è intensificato il dibattito sulla legge sul Ruanda (asilo e immigrazione), recentemente ribattezzata legge sulla sicurezza del Ruanda. Al centro di questa controversia c’è il trattamento delle vittime della schiavitù moderna, i cui risultati legislativi influiscono pesantemente sui loro diritti e sulla loro sicurezza. Stallo legislativo Dopo un prolungato stallo tra la Camera dei Lord non eletta e la Camera dei Comuni eletta, le aspettative

| Martedì aprile 16, 2024

Per saperne di più