Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

L'operatore di una prigione privata statunitense perde i finanzieri a causa della pressione pubblica

  • Edizione del
    23 aprile 2021
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, schiavitù carceraria
Banner eroe

CoreCivic, la seconda più grande società di correzioni private negli Stati Uniti, ha perso due dei tre sottoscrittori per il suo accordo obbligazionario da 633.5 milioni di dollari per due nuovi istituti di correzione per uomini in Alabama.

Barclays PLC era il principale sottoscrittore - in mezzo a molte polemiche. Nel 2019, Barclays ha dichiarato che non fornirà finanziamenti alle società carcerarie private. Ma ha difeso il suo ruolo di sottoscrizione nella vendita di obbligazioni in Alabama con il fatto che lo stato avrebbe operato e gestito le prigioni. Questo non ha impressionato gli attivisti.

Rapporti di Reuters che gli attivisti hanno scritto una lettera questo mese affermando,

"Non dovrebbe esserci tolleranza per alcuna azienda o investitore che beneficia di un modello di business dipendente dalla reclusione e dalla continua prigionia di altri uomini e donne".

Il Social Venture Circle ha recentemente abbandonato Barclays, rimborsando i suoi 15,000 dollari di sponsorizzazione e quota associativa a causa della partecipazione della banca alla vendita di obbligazioni.

Barclays ha risposto alla pressione dell'opinione pubblica, ritirandosi dall'accordo e affermando: “[Riconosciamo che si tratta di una questione complessa e importante. Alla luce del feedback che abbiamo sentito, continueremo a rivedere le nostre norme ".

Si uniscono a un elenco crescente di banche che si stanno allontanando da società come CoreCivic. A febbraio, la banca della regione dell'Alabama tagliare pubblicamente i legami con l'azienda per le sue pratiche disumane e le accuse di lavoro forzato.

Il secondo sottoscrittore a ritirarsi dall'accordo è KeyBanc Capital Markets. Al 22 aprile, le azioni di CoreCivic sono scese del 2.98% a 8.47 per azione alla Borsa di New York.

CoreCivic intende portare avanti i loro piani in Alabama. Accusano gli attivisti di essere "sconsiderati e irresponsabili", sostenendo che i loro piani per l'Alabama aiuterebbero a risolvere una serie di problemi. Ma i sostenitori affermano che le nuove strutture non affronteranno i problemi profondi delle carceri dell'Alabama. Le prigioni dell'Alabama sono famose per non essere sicure per i detenuti.

L'anno scorso, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha intentato una causa federale contro lo stato dell'Alabama e il Dipartimento penitenziario dell'Alabama per aver violato i diritti dei detenuti alla protezione dalla violenza tra prigioniero, dagli abusi sessuali e dall'eccessiva forza da parte delle guardie carcerarie.

Ma è improbabile che la collaborazione con una società sotto il fuoco per il lavoro forzato e altre ingiustizie contro i detenuti possa aiutare a risolvere il caso dell'Alabama. Supportare aziende come CoreCivic non è la strada che gli stati dovrebbero prendere per salvaguardare i diritti umani.

Freedom United continua a chiedere a tutte le industrie private e pubbliche di disinvestire dalla schiavitù carceraria. Unisciti a noi e agisci per porre fine alla schiavitù carceraria negli Stati Uniti oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Presentata una denuncia dei lavoratori contro l'Arabia Saudita durante la candidatura alla Coppa del Mondo FIFA

AP News riferisce che una coalizione di sindacati ha presentato una denuncia formale contro l'Arabia Saudita, accusando la nazione di gravi violazioni dei diritti umani. La denuncia, presentata all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), denuncia maltrattamenti e furti salariali che hanno colpito oltre 21,000 lavoratori migranti negli ultimi dieci anni. Ciò avviene mentre la FIFA si prepara a designare l’Arabia Saudita come paese ospitante della Coppa del Mondo 2034. Internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno

| Mercoledì 5 giugno 2024

Per saperne di più