Italia e Ue complici di crimini contro l'umanità per aver rinnovato il patto con la Libia - FreedomUnited.org

Italia e Ue complici di crimini contro l'umanità per aver rinnovato il patto con la Libia

  • Edizione del
    2 Febbraio 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani, diritto e politica
Banner eroe

La scorsa settimana un disumano patto migratorio tra Italia e Libia è stato automaticamente rinnovato per tre anni dopo la scadenza del termine di novembre per la cancellazione.

Protocollo d'intesa disumano

Il Memorandum d'intesa delinea l'accordo di cooperazione tra Italia e Libia, fornendo alla Libia assistenza tecnica e finanziaria per "combattere l'immigrazione clandestina" e respingere i migranti in Libia dove affrontano lavori forzati, torture, schiavitù e violenze estreme.

I gruppi umanitari e le ONG hanno avvertito che, non riuscendo a cancellare questo patto, l'Italia e l'UE sono complici nel sottoporre i migranti ad abusi ben documentati che si stanno verificando in Libia. Il procuratore della Corte penale internazionale ha rilevato nel settembre 2022 che i crimini contro i migranti in Libia "possono costituire crimini contro l'umanità e crimini di guerra".

Al Jazeera riporta:

Mentre circa 9,000 rifugiati sono stati evacuati dalla Libia dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) attraverso un meccanismo di emergenza dal 2017, l'Osservatorio dei diritti ha affermato che le misure sono "una foglia di fico" che "non assolve l'Italia e gli altri Stati membri dell'UE da loro responsabilità”.

[...]

L'UE ha stanziato 57.2 milioni di euro (62.8 milioni di dollari) per la gestione integrata delle frontiere e della migrazione in Libia dal 2017. La sua agenzia di frontiera Frontex fornisce anche informazioni di sorveglianza utilizzate dalla Libia per intercettare rifugiati e migranti.

Appelli urgenti per fermare l'assistenza alla Libia

Matteo de Bellis, ricercatore su asilo e migrazione presso Amnesty International, ha affermato che "le autorità italiane sono pienamente consapevoli che gli strumenti che stanno fornendo saranno strumentali a ulteriori violazioni dei diritti umani". Human Rights Watch ha anche chiesto con urgenza all'Italia e all'UE di interrompere immediatamente il sostegno alla guardia costiera libica.

Nell'ottobre 2022, la comunità di Freedom United ha twittato all'Ambasciatore d'Italia in Libia e al Ministero dell'Interno, chiedendo la cancellazione dell'accordo. Il memorandum sta facilitando la riduzione in schiavitù delle persone in Libia ed è una vergogna che sia stato permesso di rinnovarlo.

Questa cooperazione sta intrappolando le persone in Libia, un paese dove devono affrontare lavori forzati, detenzione arbitraria, torture, estorsioni e altre forme di abuso. Dobbiamo continuare a chiamare l'UE per la loro complicità nella schiavitù moderna in Libia. Aggiungi la tua voce firmando la petizione oggi!

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Monica Brucia
1 anno fa
Rispondi a  TW

Ciao. La comunità Freedom United sta facendo una campagna affinché l'UE: 1. Cessi i finanziamenti per la guardia costiera libica 2. Spinga a chiudere tutti i centri di detenzione per migranti in Libia, il rilascio e l'evacuazione di tutti gli uomini, donne e bambini attualmente detenuti lì 3. Istituzione di un meccanismo di sbarco e trasferimento per le persone soccorse nel Mar Mediterraneo non legate alla Guardia costiera libica Le nostre richieste per la Libia includono: 1. Agevolare urgentemente l'OIM, l'UNHCR e altri voli di evacuazione dalla Libia I rifugiati e il suo Protocollo 2 del 1951. Riconoscere formalmente l'UNHCR... Per saperne di più »

TW
TW
1 anno fa

Aiutami a capire cosa vuole FU. Alla fine sembra che la Libia debba cambiare le proprie leggi, rafforzare le leggi sul lavoro per cittadini e non cittadini allo stesso modo in base a quante democrazie "occidentali" sanciscono i diritti umani nelle loro leggi. Non vedo alcuna osservazione (non in questo articolo) in tal senso, ad esempio, come i 57 milioni di euro potrebbero essere spesi per cambiare le politiche della Libia.
In che modo questo accordo affronta gli sforzi di migrazione legale?

Questa settimana

Non c’è più nessun posto dove nascondersi: nuove prove collegano la Volkswagen al lavoro forzato uiguro

Nel mezzo delle crescenti preoccupazioni relative al lavoro forzato nella regione uigura della Cina, la casa automobilistica tedesca Volkswagen si trova ancora una volta coinvolta in polemiche sulle sue operazioni nella regione. Rapporti recenti suggeriscono che il lavoro forzato potrebbe essere stato utilizzato nella costruzione della pista di prova della società nella regione uigura nell'ambito della joint venture con il suo partner cinese SAIC. La Volkswagen ha ignorato tutti i segnali d'allarme del lavoro forzato che i media tedeschi hanno diffuso

| Mercoledì 14 febbraio 2024

Leggi di più