Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Il coronavirus lascia i lavoratori domestici informali a rischio di sfruttamento

  • Edizione del
    3 aprile 2020
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    COVID-19, schiavitù domestica, lavoro forzato
Banner eroe

In tutto il mondo, COVID –19 ha avuto un impatto sulla maggior parte delle nostre vite e ha causato un aumento della disoccupazione. Ai lavoratori domestici viene chiesto di restare con il datore di lavoro o di lasciare il lavoro.

Come abbiamo visto in molti casi, i lavoratori domestici sono più vulnerabili alla schiavitù moderna e al lavoro forzato se vivono con i loro datori di lavoro a causa del loro isolamento e della mancanza di regolamenti all'interno di un ambiente familiare.  

La nuova politica di disoccupazione spagnola consente ai lavoratori domestici di ricevere fino al 70% del loro stipendio se sono stati licenziati o le loro ore sono state tagliate. L'accesso a questi fondi ridurrà il rischio dei lavoratori domestici di essere costretti allo sfruttamento. 

Accogliamo con favore questa politica; tuttavia, non protegge allo stesso modo tutti i lavoratori domestici. Si applica solo a coloro che hanno accesso alla sicurezza sociale statale.

I lavoratori privi di documenti o senza autorizzazione al lavoro potrebbero non essere coperti, aumentando la loro vulnerabilità alla tratta e al lavoro forzato. Circa il 40% dei lavoratori domestici in Spagna lavora nel mercato nero.  

Secondo la Thomas Reuters Foundation, le stime mostrano che circa 200,000 lavoratori domestici operano attraverso il mercato nero, per lo più lavoratori migranti dall'America Latina.

Ci vogliono circa tre anni perché i migranti ricevano il permesso di soggiorno, lasciandoli con poca scelta che rivolgersi al mercato nero per il reddito.

La mancanza di protezione in un'epoca in cui il lavoro è scarso li rende particolarmente vulnerabili allo sfruttamento, diventando potenzialmente vittime della tratta.  

Sophie Davis per Fondazione Thomas Reuters relazioni:  

Carolina Elias, presidente della Domestic Service Association (SEDOAC) di Madrid, ha affermato che è stata una buona mossa per i lavoratori domestici in Spagna, che tradizionalmente ricevono una protezione statale notevolmente inferiore rispetto ad altri paesi europei. 

"Fino ad ora i lavoratori domestici sono stati lasciati totalmente privi di protezione ... quindi questo è un progresso", ha detto al telefono alla Thomson Reuters Foundation. 

Ma ha detto che l'impatto sarebbe limitato perché circa il 40% dei lavoratori domestici in Spagna opera sul mercato nero e il sussidio di un mese non è stato sufficiente. 

Questo è un grande passo verso il progresso nella protezione dei lavoratori domestici dallo sfruttamento, tuttavia affinché le politiche di disoccupazione proteggano completamente i lavoratori domestici, i lavoratori dovrebbero avere pieno accesso alle misure di protezione indipendentemente dal loro status di immigrazione.  

Questa pandemia non colpisce solo i lavoratori domestici in Spagna, ma in tutto il mondo. I governi devono assicurarsi che tutti i lavoratori siano protetti durante questa crisi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più