Coscritti Rohingya: pedine nella guerra civile

Coscritti Rohingya: vittime della pulizia etnica ora pedine forzate nella guerra civile

  • Edizione del
    8 aprile 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, schiavitù in conflitto
Banner eroe

Secondo quanto riferito, i Rohingya che vivono nello Stato di Rakhine in Myanmar vengono arruolati con la forza nell'esercito della giunta militare al potere. la BBC – un esercito che non solo non riconosce il loro diritto a vivere in Myanmar, ma ha anche commesso quella che l’ONU ha definito “pulizia etnica da manuale” contro i Rohingya quasi sette anni fa.

Di fronte a pesanti perdite, la giunta militare sta ricorrendo al servizio militare forzato per rimpinguare i suoi ranghi nella guerra civile in corso.

Costretti a combattere per un regime che li vuole morti

Nel 2012, i titoli dei giornali erano pieni di resoconti di decine di migliaia di Rohingya cacciati dalle loro comunità in Myanmar e costretti a vivere in squallidi campi profughi. Poi, cinque anni dopo, l’esercito ha lanciato una campagna brutale uccidendo e violentando migliaia di Rohingya e bruciando i loro villaggi, creando una crisi umanitaria mentre centinaia di migliaia di persone fuggivano nel vicino Bangladesh in cerca di sicurezza.

Oggi, ai Rohingya che rimangono in Myanmar viene ancora negata la cittadinanza e sono soggetti a molteplici tipi di restrizioni discriminatorie. Ma ciò non ha impedito ai militari in difficoltà di entrare nei campi dove i Rohingya sono costretti a vivere dal 2012 e di arruolare con la forza gli uomini che vi vivono.

Mohammed, un Rohingya di 31 anni con tre bambini piccoli, ha detto:

“Avevo paura, ma dovevo andare, ha detto il responsabile del campo: 'Se rifiuti, minacciano di fare del male alla tua famiglia'”.

La BBC riferisce che almeno 100 Rohingya sono stati arruolati con la forza e che diversi Rohingya confermati come ufficiali dell’esercito hanno fatto il giro dei campi e hanno ordinato agli uomini più giovani di presentarsi per l’addestramento militare.

Mohammed ha dovuto essere portato alla base dove gli è stato ordinato di presentarsi poiché ai Rohingya è stato proibito di vivere nella città da quando sono stati cacciati nel 2012. Lì si è allenato per due settimane su come caricare proiettili e sparare, e su come smontare e rimontare la sua pistola, insieme ad altri coscritti forzati dal suo campo.

Dal genocidio alla carne da cannone

Presso la Corte internazionale di giustizia dell’Aia, il Myanmar sta affrontando un processo per genocidio per il trattamento riservato ai Rohingya. E ora, aggiungendo la beffa al danno, i Rohingya temono di essere usati come “carne da cannone in una guerra che la giunta sembra perdere”. La maggior parte dei cittadini del Myanmar non è disposta a rischiare la propria vita per sostenere un regime impopolare, quindi la giunta sempre più disperata lascia ai Rohingya poca scelta se non quella di colmare le lacune.

Matthew Smith, del gruppo per i diritti umani Fortify Rights, ha dichiarato:

“C'è un'utilità brutale e perversa in ciò che sta accadendo… Questo regime non ha rispetto per la vita umana. Ora sta aggiungendo questi abusi alla sua lunga storia di atrocità e impunità”.

Quando Mohammed fu schierato insieme ad altri 250 soldati e trasportato cinque ore a monte del fiume, combatté per 11 giorni in una feroce battaglia per il controllo di tre basi militari in cima alle colline. Ha detto che non aveva idea del motivo per cui stava combattendo, che era terrorizzato e continuava a pensare alla sua famiglia, non avendo mai immaginato che sarebbe dovuto andare in guerra.

Smith definisce l’attuale campagna di coscrizione illegale e “più simile al lavoro forzato”.

Quando i residenti del campo hanno chiesto ai soldati mandati a reclutarli perché dovrebbero essere sottoposti al servizio militare quando viene loro negata la cittadinanza, è stato detto loro che “avevano il dovere di difendere il luogo in cui vivevano”.

Mohammed è rimasto ferito nella battaglia, ma dopo il servizio militare gli è stato rilasciato un certificato che attestava che aveva combattuto in battaglia al loro fianco. Ma non si sa quale valore abbia o se lo esenterà dal servizio militare ulteriore e lui vive nella paura di essere costretto a combattere di nuovo dicendo: “Questa volta sono tornato perché sono stato fortunato, ma la prossima volta non sono sicuro di cosa accadrà”. accadere."

 

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Piia
Piia
1 mese fa

Che governo selvaggio e crudele è la giunta militare del Myanmar, che fa guerra al proprio popolo! Perché il mondo tace su questo? e senza la complicità di Russia e Cina, tutto questo non potrebbe andare avanti da così tanti anni…

Giovanni
1 mese fa

Non è giusta la guerra a meno che non ci si difende

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più