I richiedenti asilo devono affrontare la continua disumanità da parte del governo britannico

I richiedenti asilo devono affrontare la continua disumanità da parte del governo britannico

  • Edizione del
    15 Maggio 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Legge e politica
Banner eroe

La legge sul Ruanda, tagging GPS discriminatorio accoppiato con a serie di altre leggi disumane, tutti sottolineano l’attuale risposta poco compassionevole e spesso brutale del governo britannico nei confronti di coloro che cercano asilo sulle sue coste. E nonostante le ampie prove dei risultati spietati a cui queste politiche hanno portato, il governo sta ampliando la sua portata e rimane impenitente. Nel frattempo, i migranti, spesso in fuga dalla violenza e dallo sfruttamento, inclusa la schiavitù moderna, ne pagano il prezzo.

Difettoso fin dall'inizio

Il disegno di legge del Ruanda è stato criticato fin dal suo inizio. Una volta approvata, Amnesty International UK l'ha definita “una macchia sulla reputazione morale di questo Paese” e l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati Filippo Grandi ha affermato che la politica “ha spostato erroneamente la responsabilità della protezione dei rifugiati, ha minato la cooperazione internazionale e ha creato un preoccupante precedente globale”. Tuttavia, lungi dal prestare ascolto a queste affermazioni, i rapporti della BBC il governo ha ora ampliato il campo di applicazione di chi può essere inviato in Ruanda. Secondo il piano originale, solo coloro che erano arrivati ​​nel Regno Unito a partire dal 1° gennaio 2022 potevano essere considerati idonei alla deportazione. Ora l'accordo è stato ampliato per includere le persone a cui è già stata rifiutata o ritirata una richiesta e non possono presentare ricorso.

Asylum Aid, una delle principali organizzazioni del Regno Unito che aiuta le vittime della tortura e della tratta, ha dichiarato:

“(noi) intendiamo portare i ministri in tribunale perché il regolamento per i funzionari che ora implementano il programma mina una tutela fondamentale per i rifugiati che è rimasta nel piano”.

Il piano del Ruanda lo era precedentemente dichiarato illegittimo dalla Corte Suprema del Regno Unito a causa del rischio che coloro che sono stati inviati in Ruanda possano finire per essere rimandati nel Paese da cui sono fuggiti, dove potrebbero subire torture e abusi. Gruppi per i diritti umani e alcuni funzionari governativi hanno denunciato il costo umano del suo passaggio. E anche la decisione del governo di non esentare le vittime della schiavitù moderna dal programma ha suscitato critiche. Questa legislazione spietata lascia le vittime della schiavitù moderna in una posizione precaria, potenzialmente soggetta a ulteriori danni e sfruttamento.

“Come può (il governo) essere così brutale?”

Inoltre, i richiedenti asilo e migranti sopravvissuti alla schiavitù moderna hanno denunciato trattamenti degradanti, discriminatori e insensibili da parte del sistema di asilo del Regno Unito. The Independent ha raccontato la storia di MM, un richiedente asilo afghano che era sotto “stress costante” a causa di un tag GPS alla caviglia che monitorava i suoi movimenti. È stato costretto a portare la targhetta per 20 mesi senza alcuna spiegazione da parte delle autorità. Seguito nei negozi come un criminale e perdendo il sonno a causa di sfregamenti e segnali acustici, il tag ha causato a MM depressione, ansia e stress. Altri richiedenti asilo che vivevano negli stessi quartieri non erano dotati del monitor. Se la legge veniva applicata allo stesso modo, perché lui era munito di medaglietta mentre gli altri no?

Niamh Grahame, avvocato del Public Law Project (PLP) ha dichiarato:

“Il nostro cliente è stato sottoposto a un esperimento dannoso e non necessario. Ci sono prove crescenti del danno causato dal tagging GPS e prove incredibilmente limitate di richiedenti asilo che fuggono in numero significativo”.

La storia di MM segue un'altra storia avvenuta qualche settimana fa Specchio parla di una madre e sopravvissuta alla schiavitù moderna a cui è stato negato l'asilo nel Regno Unito nonostante fosse stata identificata “in modo definitivo” come vittima della tratta secondo il sistema del governo britannico, il National Referral Mechanism. Le è stato rifiutato il diritto di rimanere in Scozia, dove vive con la figlia di 5 anni da quando è nata, e ora rischia la deportazione in Ruanda. La deputata Anne McGlaughlin di Glasgow North ha definito la decisione “crudele”, affermando: “Il Ministero degli Interni concorda che sia stata trafficata qui, conosce la barbarie che ha affrontato per anni ma non pensa che sia degna del nostro aiuto. Come può essere così brutale?" Freedom United fa eco a quel sentimento, in che senso?

Stare dalla parte dei richiedenti asilo e dei sopravvissuti

Siamo solidali con coloro che ora affrontano una crescente paura per il loro futuro nel Regno Unito a causa di leggi ingiuste e trattamenti disumani. La migrazione sicura è fondamentale nella lotta alla schiavitù moderna, e storie come queste evidenziano quanto sia imperativo chiedere politiche che diano priorità alla sicurezza e al benessere degli individui vulnerabili come MM ed eliminino leggi dannose come la legge sul Ruanda. Firma la nostra petizione chiedendo autentiche politiche di immigrazione anti-tratta di esseri umani, perché la legittimazione del trattamento inumano di chiunque, indipendentemente dal suo status di immigrato, non dovrebbe MAI essere lasciata passare.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Tamsin Mc Cormick
Tamsin Mc Cormick
20 giorni fa

Spero in molti cambiamenti di direzione dopo le nostre elezioni del 4 luglio. Già 100 conservatori si sono dimessi senza cercare di essere rieletti. Quindi queste terribili politiche non andranno avanti.

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più