L'ombra di Juneteenth: la persistenza della schiavitù

L'ombra di Juneteenth: la persistenza della schiavitù nelle carceri americane

  • Edizione del
    19 Giugno 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù carceraria
Banner eroe

La scorsa settimana gli americani hanno osservato il Juneteenth, una celebrazione della fine della schiavitù nel 1865. Ma come è possibile che la schiavitù sia finita se rimane nella legge e nella pratica fino ad oggi? Il lavoro forzato persiste nelle carceri americane, sfruttando i detenuti a scopo di lucro. L'esperienza di Scott Abbey nel carcere di Santa Rita in California rivela una preoccupante eccezione nell'ideale americano di libertà.

Sfruttare i lavoratori per ottenere maggiori profitti

Nella cucina di una prigione della California, Scott Abbey prepara migliaia di pasti ogni giorno per un'azienda multimiliardaria. Lavora in condizioni antigeniche, attraversando liquami traboccanti e schivando i roditori. Per il suo lavoro, Abbey non riceve alcuno stipendio. Questa scena, che ricorda stranamente il passato industriale dell'America, è una realtà per molti individui incarcerati oggi.

Migliaia di individui incarcerati in tutta la nazione condividono storie simili.

Deborah Archer per Slate rapporti,

Forniscono personale agli obitori, producono tecnologia elettronica militare, costruiscono mobili per ufficio, combattono gli incendi e lavorano a temperature mortali nelle ex piantagioni. I prodotti del lavoro carcerario sono onnipresenti ma spesso trascurati. Anche il cibo che mangiamo, di marchi ampiamente conosciuti come McDonald's, Costco o Walmart – arriva sulle nostre tavole grazie anche al lavoro carcerario. Le imprese private, riconoscendo che possono pagare un individuo dietro le sbarre molto meno di un lavoratore fuori, sfruttano la manodopera incarcerata per aumentare i propri profitti.

Il lavoro incompiuto del Tredicesimo Emendamento

Mentre il 13th L’emendamento della Costituzione degli Stati Uniti ha abolito la schiavitù nella maggior parte delle forme, includendo un’eccezione fondamentale: “eccetto come punizione per un crimine”. Questa eccezione consente ai governi, alle carceri e alle aziende appaltatrici di sfruttare i lavoratori incarcerati, per miliardi.

L’eccezione ha radici nei “Codici neri” post-guerra civile, leggi progettate per arrestare i neri americani per reati vaghi e costringerli alla servitù. Nonostante la fine formale del contratto di locazione forzata nel 1941, gli stati hanno continuato a sfruttare il lavoro libero attraverso attività di polizia discriminatorie e incarcerazioni di massa. I neri americani, che costituiscono il 13% della popolazione statunitense ma il 35% della popolazione carceraria, sono colpiti in modo sproporzionato.

La storia di Scott Abbey e di innumerevoli altri serve a ricordare duramente che la promessa di emancipazione rimane irrealizzata per molti americani.

Non smetteremo di spingere per il cambiamento

Freedom United e i nostri numerosi partner e ambasciatori spingono da anni per questo la fine dell'eccezione. Ma l’opposizione è stata feroce.

Alcuni legislatori, sostenendo una posizione “dura nei confronti del crimine”, sostengono che tali riforme vizierebbero indebitamente i delinquenti. Tuttavia, l’ostacolo principale sembra essere finanziario. Le autorità statali vogliono sapere come porre fine alla schiavitù carceraria quando i loro bilanci sono già limitati. Ma come Andrew Ross, Tommaso Bardelli e Aiyuba Thomas scrivere sul New York Times, questa è la domanda sbagliata da porre.

Questo tipo di domande discendono direttamente dalle lamentele dei proprietari di schiavi riguardo alla prospettiva di dover risarcire i lavoratori per la raccolta del cotone e della canna da zucchero.

Le preoccupazioni finanziarie hanno vanificato i precedenti sforzi compiuti in California per modificare la legge statale per porre fine alla schiavitù carceraria, ma i sostenitori sono imperterriti e sono vicini ancora una volta per finire dalla parte giusta della storia.

Il modo migliore per porre fine definitivamente alla schiavitù in America è rimuovere l’eccezione dal Tredicesimo Emendamento. È tempo di affrontare ed eliminare il lavoro forzato in tutte le sue forme, garantendo giustizia a coloro che lavorano dietro le sbarre.

Unisciti al movimento oggi.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più