Lettera aperta alla FIFA e al Qatar in vista della finale dei Mondiali e della Giornata Internazionale dei Migranti - FreedomUnited.org

Lettera aperta alla FIFA e al Qatar in vista della finale dei Mondiali e della Giornata Internazionale dei Migranti

  • Edizione del
    Dicembre 16, 2022
  • Scritto da:
    Miriam Karmali
  • Categoria:
    Altra schiavitù
Banner eroe

A Gianni Infantino, Presidente della FIFA; Dott. Ali bin Samikh Al Marri, Ministro dello sviluppo amministrativo, del lavoro e degli affari sociali in Qatar:

Stiamo scrivendo in occasione della Giornata internazionale dei migranti come gruppo di difensori dei diritti umani e oltre 100,000 sostenitori in tutto il mondo, esortando le autorità del Qatar e la FIFA a impegnarsi a proteggere i lavoratori migranti dallo sfruttamento e porre rimedio alle violazioni dei diritti umani subite a seguito della Coppa del Mondo 2022.

Chiediamo alla FIFA di:

  • Istituire un fondo di indennizzo dedicato per i lavoratori migranti e le famiglie di coloro che sono morti. Tale importo dovrebbe essere almeno equivalente al premio in denaro di 440 milioni di dollari forniti alle squadre partecipanti alla Coppa del Mondo 2022 che possono essere investiti in fondi per compensare i lavoratori e iniziative per migliorare le tutele dei lavoratori alla luce degli abusi estesi registrati tra i lavoratori migranti nel Qatar.

Chiediamo al governo del Qatar di:

  • Garantire un’attuazione efficace delle riforme legali per proteggere in modo significativo i lavoratori migranti dallo sfruttamento, dagli abusi e dal lavoro forzato.
  • Introdurre e applicare sanzioni ai datori di lavoro laddove avviene la pratica della sostituzione contrattuale, che costringe i lavoratori ad accettare salari più bassi all’arrivo in Qatar.
  • Garantire i lavoratori migranti' i passaporti vengano restituiti e che i lavoratori siano in possesso dei propri passaporti e ricevano i propri documenti di identità, attraverso un'applicazione e un'attuazione più efficaci delle leggi vigenti rivolte ai datori di lavoro.
  • Rimuovere gli impedimenti ai lavoratori che lasciano il paese e cambiano datore di lavoro, comprese eventuali obiezioni del datore di lavoro ai visti di uscita.

Il torneo della Coppa del Mondo in Qatar è stato segnato da un flusso costante di accuse di lavoro forzato e sfruttamento del Qatar's forza lavoro migrante a bassa retribuzione. Poiché la finale del torneo si svolge questa domenica in occasione della Giornata internazionale dei migranti, non dobbiamo dimenticare lo sfruttamento subito dai lavoratori migranti che ha reso possibile questo torneo. 

Migliaia di lavoratori migranti coinvolti nell'edilizia, nell'ospitalità e in altri settori chiave delle infrastrutture necessarie per lo svolgimento della Coppa del Mondo in Qatar hanno subito abusi tra cui schiavitù per debiti, furto salariale, divieto di cambiare datore di lavoro, costrizione a lavorare orari eccessivi e farsi trattenere documenti d'identità da datori di lavoro senza scrupoli.

I lavoratori riferiscono di essere stati costretti a lavorare nel caldo torrido senza precauzioni di sicurezza o paga. Molti altri' esperienze includono il rifiuto dello stipendio, il rifiuto del visto di uscita, l’essere alloggiati in condizioni sporche e non sicure e l’essere costretti a lavorare per lunghe ore con poco riposo nonostante il caldo elevato. I resoconti dei lavoratori indicano che rimangono effettivamente legati ai loro datori di lavoro nonostante le riforme legislative apportate al sistema kafala dal governo del Qatar.

Anche se ci ha fatto piacere vedere che il governo del Qatar ha introdotto nuove leggi per riformare il sistema della kafala, manca ancora la piena attuazione. Mentre la Coppa del Mondo 2022 volge al termine, ora è il momento per la FIFA e il governo del Qatar di implementare un fondo di sostegno dedicato e attuare in modo significativo le riforme per proteggere i diritti e la libertà dei lavoratori.

Ai lavoratori viene sistematicamente impedito di esercitare i propri diritti attraverso l'essere "negato il diritto fondamentale di associarsi, sottoposto a sorveglianza intensiva e controllo da parte del datore di lavoro, e teme ritorsioni, inclusa la deportazione istigata dal datore di lavoro” secondo il gruppo per i diritti umani Equidem.

Esortiamo la FIFA ad assumersi le proprie responsabilità ai sensi dei Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani per rispettare i diritti umani e cercare di mitigare e porre rimedio alle violazioni dei diritti attraverso un fondo dedicato per i lavoratori migranti, e sollecitiamo il Qatar ad attuare rigorosamente le riforme del sistema kafala e ritenere responsabili i datori di lavoro sfruttatori.

Human Rights Watch osserva che “Un fondo di rimedio rafforzerebbe gli schemi di compensazione esistenti e raggiungerebbe più lavoratori, compresi quelli che ancora cercano salari rubati loro. Raggiungerebbe anche le famiglie dei lavoratori morti in circostanze mai indagate dalle autorità del Qatar, consentendo alle famiglie che hanno perso un fornitore di nutrirsi e mandare i propri figli a scuola”.

Nella Giornata Internazionale dei Migranti vi esortiamo ad agire e schierarvi dalla parte dei diritti umani.

Firmato da:

Freedom United, che rappresenta 107,560 sostenitori 

Sii libero dalla schiavitù

11 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Signor J Bucke
Signor J Bucke
1 anno fa

La Coppa del Mondo è Dio; ma lo sfruttamento è il diavolo.

Elena Rumianteva
Elena Rumianteva
1 anno fa

Esprimo solidarietà ai lavoratori! Al governo del Qatar: istituire un fondo di compensazione per i lavoratori e le loro famiglie e attuare in modo significativo le riforme per proteggere i loro diritti.

Daniele Tejada
Daniele Tejada
1 anno fa

è proprio così!

Fare causa a Horwood
Fare causa a Horwood
1 anno fa

Come può il Qatar essere orgoglioso del modo in cui sono stati trattati i suoi lavoratori migranti? Non c'è nessun altro paese al mondo che tratterà i lavoratori in modo così vergognoso.

Sergei
Sergei
1 anno fa

Полностью согласен с письмом. Non prendere in considerazione i bambini.

La sezione settimana

Bloccata l'approvazione del CSDDD – diritti umani in pericolo

Quella che poteva essere una giornata da festeggiare, si è trasformata in una giornata piena di delusioni. Il 28 febbraio 2024, il Consiglio Europeo ha bloccato la Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence (CSDDD) dopo che il voto era stato rinviato a causa di un sostegno insufficiente, come riportato da Reuters. Tredici dei 27 Stati membri hanno votato contro la legge o si sono astenuti dal voto, lasciando la “maggioranza qualificata” di 15 paesi a meno di uno. Una cronologia di

| Mercoledì 28 febbraio 2024

Leggi di più