Il lavoro forzato in Italia non può essere affrontato senza il diritto internazionale - FreedomUnited.org

Il lavoro forzato in Italia non può essere affrontato senza il diritto internazionale

  • Edizione del
    6 Novembre 2020
  • Scritto da:
    Carlo Ladd
  • Categoria:
    Legge e politica
Banner eroe

Questo articolo del nostro Advocacy Officer Carlo Ladd è stato originariamente pubblicato in italiano in Affari Italiani.

La legge internazionale più importante al mondo contro il lavoro forzato deve ancora essere ratificata dall'Italia. E secondo gli accademici e gli attivisti che monitorano le condizioni di lavoro nel nostro paese, è urgente.

Protocollo n. 29 (2014), che integra la Convenzione sul lavoro forzato (1930) dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), apporta importanti modifiche al suo documento di origine e lo adatta a un mondo che è cambiato notevolmente in 90 anni. Il Protocollo si concentra in particolare sulla prevenzione e sulla protezione delle vittime, in particolare dei migranti, tenendo conto della natura sempre più globalizzata del lavoro forzato e della tratta di esseri umani.

Il trattato è riconosciuto da molti esperti come lo strumento internazionale più completo contro il lavoro forzato. L'autore e ricercatore Leonardo Palmisano, la giornalista e attivista Emma Barbaro e l'attivista ed esperta di politica europea Rosa Brignone, qui intervistata, sono tra gli italiani che lo sostengono.

"Il protocollo è innovativo in quanto definisce una strategia che affronta tre aree cruciali e interdipendenti: prevenzione, protezione delle vittime e perseguimento dei responsabili", sostiene Brignone. “Eppure il Protocollo resta poco conosciuto in Italia. Sebbene numerosi paesi debbano ancora ratificare il Protocollo n. 29, siamo un valore anomalo tra i nostri più stretti alleati. Un 2016 Direttiva dell'Unione Europea ha incaricato gli Stati membri di ratificare entro la fine dell'anno, e molti l'hanno già fatto. Ma con l'imminente ratifica del Lussemburgo, l'Italia rischia di diventare l'ultimo membro fondatore dell'UE a ratificare il Protocollo ”.

Secondo Emma Barbaro, redattore capo di Terre di frontiera, il Protocollo è così poco conosciuto che anche molti esperti del settore sono all'oscuro.

Attraverso il mio lavoro su questi temi, alla fine mi sono ritrovato a scoprire l'esistenza del Protocollo, ed era così strano. Nessuno di noi lo sapeva. Assolutamente nessuno di noi.

Perché la conoscenza del Protocollo è così bassa in Italia? Il lavoro forzato è forse già stato sradicato, rendendolo superfluo? Questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. Al contrario, dalla crisi finanziaria del 2008 ad oggi la questione è diventata solo più pronunciata.

La forma più comune di sfruttamento lavorativo in Italia, la pratica di reclutamento fraudolento nota come caporalato, è a tutti gli effetti una forma di lavoro forzato, anche secondo indicatori propri dell'ILO. Un tipo particolare di caporalato, quello che contamina il settore agricolo del Mezzogiorno è già relativamente noto; infatti, l'unico progresso significativo recente contro il lavoro forzato a livello nazionale è stata la creazione della Legge 199 (2016), che ha definito il reato di caporalato per la prima volta.

Ma secondo Rosa Brignone, direttrice dell'organizzazione Time for Equality, il gruppo “anti-caporalatoLa legge ha dato all'Italia un falso senso di sicurezza. “Nei nostri tentativi di promuovere il Protocollo in Italia, noi di Time for Equality ci siamo più volte scontrati con la convinzione diffusa che gli" anti-caporalato"La legge lo rende superfluo."

Sebbene sia una parte cruciale della lotta contro il lavoro forzato in Italia, la legge da sola è insufficiente. Si limita a sanzioni penali, impedendo - contrariamente alle misure del Protocollo - di correggere gli squilibri di potere tra datori di lavoro e lavoratori e di affrontare le cause profonde della vulnerabilità al lavoro forzato.

La legge opera alla superficie del sistema del lavoro forzato, quindi, senza andare più in profondità. "La legge può essere progettata per affrontare una questione del lavoro, ma non è fondamentalmente un diritto del lavoro", sostiene il sociologo e autore Leonardo Palmisano, vincitore del prestigioso premio per la pace "Colombe d'oro" per il giornalismo.

Inoltre, la legge è insufficiente perché non cambia radicalmente la posizione estremamente vulnerabile dei lavoratori migranti nel nostro paese. Lo sfruttamento del lavoro in Italia, come dice Palmisano, “è sostenuto dalla legge Bossi-Fini, che abbassa le tutele per i lavoratori migranti se non hanno un contratto di lavoro e quindi li rende vulnerabili allo sfruttamento”.

La tanto propagandata regolarizzazione dei lavoratori migranti anticipata all'inizio di quest'anno a seguito della pandemia non ha cambiato molto questo fatto, ed è stata descritta da molti esperti - tra cui Barbaro e Palmisano - come un fallimento. Protocollo n. 29, invece, è chiaro sul tema dei migranti: le vittime del lavoro forzato devono essere protette, indipendentemente dal loro status giuridico.

Per l'Italia, primo scalo per molti migranti e rifugiati africani, è particolarmente importante mantenere i più alti standard di protezione internazionale contro lo sfruttamento.

Ma l '"anti-caporalatoLa legge è insufficiente anche perché - ed è forse questo punto che può servire al meglio come campanello d'allarme per gli italiani - il lavoro forzato in Italia è un problema molto più ampio di quello dei lavoratori agricoli sfruttati al Sud. Secondo Palmisano, il caporalato i sistemi presenti nel paese non solo si sono rafforzati, ma si sono espansi e trasformati.

Nel decennio trascorso dalla crisi finanziaria, siamo passati da un sistema di controllo a Caporali (reclutatori fraudolenti) a uno di controllo criminale di tipo mafioso.

Vari cambiamenti socio-politici, tra cui il declino dei centri per l'impiego, la frammentazione delle agenzie di lavoro interinale in unità sempre più piccole e una crescita incontrollata del numero di sindacati, hanno consentito ai sindacati della criminalità organizzata di trarre vantaggio dall'aumento della povertà e prendere maggiore potere.

Questi sistemi criminali non si limitano all'agricoltura, ma contaminano i servizi, i trasporti, lo stoccaggio e persino il giornalismo. Né il lavoro forzato è limitato, quindi, ai lavoratori migranti, e spesso non si tratta di lavoratori privi di documenti, ma di lavoratori che vengono assunti legalmente e quindi sfruttati.

C'è una chiara esigenza del Protocollo: un nuovo catalizzatore per portare avanti la lotta al lavoro forzato in Italia. Basta dare uno sguardo attento alle notizie per capire la gravità della situazione.

Le orribili condizioni di vita nelle baraccopoli di migranti, le tragiche morti di lavoratori migranti nel Sud: queste realtà sono state ben documentate dai media. Ad esempio, il caso di Adnan Siddique, il lavoratore migrante pakistano assassinato in Sicilia a giugno.

Ma troppi non si rendono conto che queste storie sono solo la punta dell'iceberg, e che per ogni vittima di alto profilo ci sono dozzine di sofferenze silenziose: secondo il Indice globale di schiavitù, ci sono circa 145,000 vittime della moderna schiavitù in Italia.

"[Il Protocollo] potrebbe essere un modo per espandere le prospettive sull '" anti-caporalato " legge e aiuta gli italiani a capirlo caporalato non è semplicemente un problema del settore agricolo ”, afferma Barbaro. "E che accanto al punto di vista della giustizia penale, la prevenzione è fondamentale".

Perché è proprio la prevenzione che manca in Italia, a cominciare dall'opinione pubblica. La sensibilizzazione e l'educazione sul tema del lavoro forzato, punto chiave del Protocollo, è un'urgenza.

"[Il Protocollo] può finalmente riportare le questioni del lavoro e del lavoro al centro del dibattito pubblico, in un paese che ne ha bisogno", dice Palmisano.

Così come è importante comunicare che il lavoro forzato esiste al di là dei campi e delle baraccopoli del Sud, così è anche fondamentale affrontare il razzismo che ha consentito agli italiani di ignorare un problema che pensano non li riguardi. Non è un caso che la legge contro caporalato nasce solo in seguito alla morte di una bracciante italiana, Paola Clemente.

La consapevolezza pubblica porta a cambiamenti politici e legali. Il Protocollo, dopo tutto, non è una legge in sé e per sé, ma in quanto trattato internazionale ha un valore simbolico cruciale che può renderlo un catalizzatore per il cambiamento sociale e politico. Può tenere la classe politica italiana su un nuovo standard legale e stimolare riforme non solo ai diritti dei lavoratori, ma a tutte le leggi - come la legge Bossi-Fini - che creano condizioni di vulnerabilità allo sfruttamento.

"Questo potrebbe essere lo strumento con cui eliminiamo le differenze [tra lavoratori italiani e lavoratori migranti]", afferma Barbaro. "Il punto chiave non è sapere se sono italiano o migrante: il punto chiave è ridare la priorità alla dignità del lavoro".

Con la recente celebrazione dei 75 delle Nazioni Uniteth anniversario, molti governi stanno guardando oltre la pandemia e rafforzando i loro impegni per perseguire gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. L'Italia, che ospita molteplici agenzie e uffici delle Nazioni Unite, è sempre stata una convinta sostenitrice del multilateralismo e del diritto internazionale.

Lo stesso Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dell'anniversario, ha affermato che "la Repubblica italiana è orgogliosa di aver fornito il suo contributo [all'Onu], in conformità con i valori della sua Costituzione". Ora è il momento di riflettere questi valori anche nel mondo del lavoro e di ratificare il Protocollo n. 29.

Freedom United ha raccolto oltre 100,000 firme chiedendo ai governi di ratificare il Protocollo 29. Unisciti a loro e aggiungi il tuo nome oggi.

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più