Barre scure della cella della prigione in ombra

L'Europa sa cosa ci succede in Libia

0
Tratta di esseri umaniStorie di sopravvissuti

Mi chiamo Tesfay* e sono nata in Eritrea. Quando finii il liceo, fui costretto a lavorare come soldato per il Servizio Nazionale e l'Aeronautica Militare eritrea. Dopo alcuni anni, ho deciso di fuggire per sfuggire al servizio militare a tempo indeterminato imposto agli uomini nel mio paese.

Questa è la storia delle mie esperienze in Libia. I governi europei sanno cosa ci succede dopo che la Guardia Costiera libica ci ha riportato in Libia. Li supportano a restituirci comunque. Voglio che tu lo sappia anche tu.

Il viaggio

Sono fuggito prima in Sudan, ma lì la vita era dura. Siamo stati regolarmente molestati dalla polizia. Nel 2017 ho proseguito per la Libia.

Ho affrontato tanti problemi nel deserto del Sahara in Libia. Avevo pagato dei trafficanti per aiutarmi a viaggiare, ma mi hanno venduto ai libici. Ci hanno venduto come animali, come pecore. Poi ci hanno rinchiusi in un magazzino per due mesi.

Era orribile lì. C'era solo un bagno per quasi 500 di noi e ci davano da mangiare solo una volta ogni tre giorni. Ci hanno chiesto dei soldi e per farci pagare ci hanno torturato fulminandoci. C'erano tante donne che sono state violentate dai criminali libici, dai trafficanti.

Una volta pagato, siamo stati mandati in mare. Ma la Guardia Costiera libica ci ha catturati e ci ha rimandati indietro. Siamo stati portati in un centro di detenzione a Gharyan.

Vita in carcere

Il cibo che ci hanno dato nel centro di detenzione era una grande ciotola che avrebbero lasciato sul pavimento: una ciotola per sette persone due volte al giorno.

Un giorno, alcuni soldati libici sono entrati nel centro con il viso coperto da mascherine. Presero con la forza circa 70 persone e le trasferirono a Bani Walid. Ci è stato detto che i soldati hanno venduto quelle persone ai trafficanti lì.

Dopodiché, abbiamo deciso di provare a scappare per andare a Tripoli. Eravamo in circa 500. Abbiamo iniziato a cercare di scappare tutto in una volta, ed è scoppiata una rissa. Le guardie hanno sparato a due eritrei per strada.

Da lì, siamo stati trasferiti in un centro di detenzione a Tripoli. Hanno rinchiuso circa 500 di noi con altre 1,300 circa persone, quindi eravamo circa 1,800 rinchiusi in un grande magazzino.

I soldati ci hanno portato via i telefoni. Dentro c'erano così tanti ragazzi morti. Molte persone erano malate: alcune avevano la tubercolosi. Non c'era medicina.

Erano in corso combattimenti tra gruppi armati libici intorno al centro di detenzione. Un giorno dovemmo scappare con i soldati e viaggiare per tre ore. La polizia poi ci ha portato al centro di detenzione di Zintan dove sono stato trattenuto per 8 mesi.

Nella prigione non c'era luce solare. Non c'era aria fresca. A quel tempo c'era qualche capo europeo in visita e anche alcune persone dell'Unione Africana, ma nulla è cambiato.

Per terra non c'è niente. Non ci sono aiuti per i rifugiati. Ci sono simpatici libici che hanno umanità e aiutano i rifugiati da soli, ma quelli sono individui. Le organizzazioni che dovrebbero assumersi la responsabilità dei rifugiati non stanno aiutando.

L'Europa lo sa

Tutti i governi europei sanno cosa ci succede in Libia. Tutti sanno che i contrabbandieri ei trafficanti sono criminali. Ma anche i politici europei sono criminali, perché sanno che i profughi sono rinchiusi lì.

Conosco così tante persone che sono state registrate come rifugiati nel 2017, dall'Eritrea e da altri paesi, e alcune di loro sono ancora in Libia oggi. Molti altri sono morti per malattie e altre cause nei centri di detenzione dopo essere stati prelevati in mare e riportati in Libia. I paesi europei lo sanno.

Penso che questo sia pianificato dal governo italiano e dai paesi europei. Era stato pianificato in anticipo. Dicono che sia politica, ma dov'è l'umanità?

So che l'Unione europea fornisce supporto alle autorità libiche. La mia domanda per l'UE è: se qualcuno scappa dai trafficanti, perché lo rispediresti di nuovo ai trafficanti in Libia? È umanità o criminalità?

L'UE e il governo italiano devono assumersi la responsabilità dei profughi morti in Libia dal 2017. Non li dimenticheremo mai. Smettila di aiutare la Guardia Costiera libica a ridurre in schiavitù i migranti che trovano in mare. Smettila di schiavizzare i neri.

*Ho cambiato il mio nome per la mia sicurezza.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.