La fine della schiavitù nel 13° emendamento

0
Lavoro forzatoLegge e politica

Prima di Juneteenth, Merkley e Williams propongono un emendamento costituzionale per chiudere la scappatoia sulla schiavitù nel 13° emendamento

L'eccezione indiscutibilmente razzista che consente la schiavitù come punizione per il crimine ha alimentato il razzismo sistemico nella giustizia penale per oltre 150 anni 

Washington, DC 18 giugno - Il senatore americano dell'Oregon Jeff Merkley e la deputata Nikema Williams (GA-05) hanno ha introdotto l'emendamento di abolizione, che colpirebbe la "clausola di schiavitù" del 13th Emendamento che consente la prosecuzione della schiavitù negli Stati Uniti. Il Congresso ha approvato una legge per stabilire Juneteenth come festa federale che commemora e celebra la fine della schiavitù, firmata dal presidente Biden, ma allo stesso tempo, nella Costituzione degli Stati Uniti persiste ancora una dannosa scappatoia della schiavitù.

Il tredicesimo emendamento ha abolito la maggior parte, ma non tutta, la schiavitù "come punizione per il crimine". L'emendamento di abolizione avrebbe finalmente terminato il lavoro iniziato dalla guerra civile, dalla proclamazione di emancipazione e dal 13th Modifica e porre fine alla pratica moralmente riprovevole della schiavitù e del lavoro forzato in America, e inviare un messaggio chiaro: in questo paese, nessuna persona sarà privata della sua umanità di base e costretta a lavorare per il profitto di qualcun altro.

Segue l'introduzione un'ondata di leggi introdotte nelle legislature statali in tutto il paese per eliminare la clausola di schiavitù dalle costituzioni statali. Tre di questi stati - Utah, Nebraska e Colorado - hanno riferito la misura ai loro cittadini e in ogni caso la misura è stata approvata da ampie maggioranze, compreso l'80% degli elettori nello Utah.

"Questo paese è stato fondato sui bellissimi principi di uguaglianza e giustizia, principi che non sono mai stati compatibili con le orribili realtà della schiavitù e della supremazia bianca", ha detto Merkley. “La scappatoia nel divieto della schiavitù nella nostra costituzione non solo ha permesso alla schiavitù di continuare, ma ha lanciato un'era di discriminazione e incarcerazione di massa che continua fino ad oggi. Per essere all'altezza della promessa di giustizia per tutti della nostra nazione, dobbiamo eliminare la clausola sulla schiavitù dalla nostra costituzione”.

“L'emendamento sull'abolizione è un passo avanti verso il raggiungimento della vera giustizia e uguaglianza per tutti. Gli Stati stanno modificando le loro costituzioni per abolire finalmente la schiavitù in tutte le forme, e il Congresso aprirà la strada e infine abolirà la servitù involontaria in America", ha affermato Williams. "Noi siamo in un periodo di resa dei conti con la storia del nostro paese e molta di quella storia è segnata dal razzismo e dai sistemi di oppressione. Eliminare la scappatoia nel 13° emendamento che consente la schiavitù è un'altra opportunità per farlo”.

Dopo la ratifica del 13th Emendamento, inclusa la clausola sulla schiavitù, nel 1865, Le giurisdizioni meridionali hanno arrestato un gran numero di neri americani per crimini minori, come vagabondaggio o vagabondaggio, codificati in nuovi "codici neri", che sono stati applicati solo ai neri americani. La clausola di schiavitù è stata poi utilizzata dagli sceriffi per affittare i detenuti per lavorare i campi dei proprietari terrieri, che in alcuni casi avrebbe potuto includere le stesse piantagioni in cui i prigionieri erano stati precedentemente ridotti in schiavitù. La pratica crebbe in prevalenza e portata al punto che, nel 1898, il 73% delle entrate statali dell'Alabama proveniva dall'affitto del lavoro forzato dei neri americani.

La clausola di schiavitù ha continuato a incentivare le condanne penali minori e guidare l'eccessiva carcerazione dei neri americani durante l'era di Jim Crow e ai lavori forzati in famigerate piantagioni carcerarie come Parchman nel Mississippi e l'Angola in Louisiana. La corruzione del nostro sistema di giustizia penale con discriminazione incorporata che alimenta l'incarcerazione di massa è continuata attraverso elementi di la guerra alla droga, la proliferazione delle leggi sui tre colpi, i severi accordi di patteggiamento e le dure politiche minime obbligatorie—con continui effetti devastanti sulle comunità di colore.

Le odierne politiche di incarcerazione di massa hanno portato a Settore della detenzione da 80 miliardi di dollari e un tasso di incarcerazione americana che è a dir poco una crisi, con 2.3 milioni di prigionieri—Il 20% della popolazione carceraria mondiale risiede negli Stati Uniti.  L'America contiene attualmente 1,833 prigioni statali e 110 federali, oltre a 1,772 strutture per minori, 3,134 carceri e 218 strutture di detenzione per immigrati. Ci sono 80 prigioni tribali.

“È scioccante pensare che stiamo ancora lavorando per abolire la schiavitù più di 155 anni dopo il passaggio del tredicesimo emendamento. Ma non possiamo restare in attesa: che esista ancora un'eccezione per consentire la schiavitù è una macchia sulla nostra Costituzione e sulla nostra nazione. Siamo orgogliosi oggi di essere al fianco del senatore Jeff Merkley e del rappresentante Nikema Williams mentre introducono l'emendamento sull'abolizione per porre fine alla schiavitù, una volta per tutte. Insieme al Coalizione End The Exception, composta da più di 50 organizzazioni nazionali national, diciamo nessuna schiavitù, nessuna eccezione", ha affermato Bianca Tylek, Direttore Esecutivo, Worth Rises, e Federal Campaign Lead, Abolish Slavery National Network.

“L'emendamento sull'abolizione è un passo fondamentale nel nostro viaggio verso la vera giustizia. Sfidando queste sei parole del tredicesimo emendamento, possiamo fare un passo indietro per esaminare questo sistema e iniziare a proporre soluzioni ancora più trasformative come alternative alla detenzione. Siamo orgogliosi di far parte della coalizione End The Exception e siamo grati che il senatore Merkley e il rappresentante Williams lo stiano portando al Congresso ", ha affermato Tehra Coles, Policy Counsel, Civil Rights Corps.

“Il governo degli Stati Uniti ha espresso un chiaro impegno a porre fine al lavoro forzato in tutte le sue forme. Eppure il nostro sistema di lavoro carcerario spesso contraddice i nostri valori e le nostre leggi contro la tratta per lavoro. Siamo grati al senatore Merkley e al rappresentante Williams per aver compiuto questo passo verso la fine del lavoro forzato e del traffico di manodopera nel sistema carcerario statunitense", ha affermato Catherine Chen, CEO di Polaris.

"Questo sforzo per approvare e ratificare l'emendamento di abolizione si unisce a una lotta orgogliosa e secolare per piegare ulteriormente l'arco della Costituzione americana verso il progresso", ha affermato Elizabeth Wydra, Presidente, Constitutional Accountability Center. “Il lavoro iniziato da Reconstruction non è finito. E decidendo non possiamo permettere che nella Costituzione persista alcuna eccezione al divieto della schiavitù e della servitù involontaria, siamo sulle spalle di giganti le cui eredità ci chiamano oggi a rendere la nostra unione sempre più perfetta, più equa, più inclusiva e più libera”.

"È tempo di porre fine alla schiavitù negli Stati Uniti una volta per tutte. Siamo grati alla leadership del senatore Merkley e del rappresentante Williams su questo tema e sosteniamo i loro sforzi per rimuovere la clausola di punizione dalla Costituzione degli Stati Uniti”, ha affermato Amy McGann, direttrice del programma, Human Trafficking Search.

"Questo cambiamento è atteso da tempo. La clausola punitiva nel 13th L'emendamento è un retaggio della schiavitù che ha permesso alle persone incarcerate, sproporzionatamente nere e marroni, di essere sfruttate per decenni. È da tempo che il Congresso eliminerà questo linguaggio dalla Costituzione degli Stati Uniti, il che dovrebbe iniziare a porre fine alle pratiche abusive che ne derivano", ha affermato Laura Pitter, vicedirettore del programma statunitense di Human Rights Watch.

Il testo completo della normativa è disponibile qui. Una sintesi è disponibile qui.

L'emendamento sull'abolizione è sostenuto da Abolish Slavery National Network, Abolish Private Prisons, Action Center on Race and the Economy, Alliance of Families for Justice, American Civil Liberties Union, Amnesty International USA, Anti-Recidivism Coalition, Black and Pink, Brennan Center for Justice, The Bronx Defenders, California Collaborative for Immigrant Justice, California Lawyers for the Arts, Civil Rights Corps, College and Community Fellowship, Common Justice, Colour of Change, Constitutional Accountability Center, CURE National, Democracy for America, #DetentionKills, Dolores Street Servizi alla comunità, Dream Corps Justice, Garantire la libertà vigilata per i cittadini incarcerati, Equal Justice Initiative, Famiglie contro i minimi obbligatori, Fellowship of Reconciliation, Forward Justice, Libertà unitaFWD.us, Human Rights Watch, Ricerca sulla tratta di esseri umani, Immigrant Defense Advocates, Impact Justice, Comitato organizzatore dei lavoratori incarcerati, Indivisible, Just Leadership USA, Justice Round Table, LatinoJustice PRLDEF, Leadership Conference for Civil and Human Rights, Legal Services for Prisoners with Children, MarchON , Coalizione religiosa nazionale contro la tortura, un salario equo, Oregoniani contro la schiavitù e la servitù involontaria, Polaris, Presente, Prison Policy Initiative, Project South, SawariMedia, Sentencing Project, Coalizione interreligiosa di settima generazione per l'investimento responsabile, Studenti per una politica sensibile sulla droga, Southern Anti -Racism Network, Southern Poverty Law Center, The Taifa Group, Towards Justice, Transgender Law Center, Urban Justice Center, Vera Institute of Justice, Verité, Vital Voices Global Partnership, Working Families Party, Worth Rises, Young Women's Freedom Center e Zealous .

Merkley e Williams sono stati raggiunti nell'introduzione dai senatori statunitensi Richard Durbin (D-IL), Cory Booker (D-NJ), Chris Van Hollen (D-MD), Edward J. Markey (D-MA), Ron Wyden (D -OR), Alex Padilla (D-CA), Mazie Hirono (D-HI) e Bernie Sanders (I-VT), e i rappresentanti degli Stati Uniti Cori Bush (MO-01), Karen Bass (CA-37), Eleanor Holmes Norton (DC), Henry C. "Hank" Johnson, Jr. (GA-04), Danny K. Davis (IL-07), Jared Huffman (CA-02), Alma S. Adams, Ph.D. (NC-12), André Carson (IN-07), Katherine Clark (MA-05), Emanuel Cleaver, II (MO-05), Bill Foster (IL-11), Ayanna Pressley (MA-07), Bonnie Watson Coleman (NJ-12), Al Green (TX-09), Barbara Lee (CA-13) e Jahana Hayes (CT-05).

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.