Parco Ji Hyun

"L'intero paese è una moderna schiavitù" - un'intervista a Ji Hyun Park

8
Attivisti contro la schiavitù

Pochi riescono a sfuggire all'orribile regime totalitario della Corea del Nord. Ma, in circostanze impossibili, Ji Hyun Park è scappato due volte, sopportando un viaggio decennale verso la libertà. La violenza e la paura sistematiche inflitte dal governo della Corea del Nord al suo popolo sono note grazie al coraggio di disertori come Park che hanno rischiato la vita in fuga dalla Corea del Nord.

Ji Hyun Park è una celebre autrice, attivista e attivista per i diritti umani della Corea del Nord con sede nel Regno Unito. Lavora per aumentare la consapevolezza delle violazioni sistematiche dei diritti umani nel paese, inclusi il lavoro forzato, la detenzione arbitraria e la tortura.

Ci siamo seduti con Park per esplorare com'è la vita all'interno della Corea del Nord oggi.

 

Fai un lavoro incredibile a sostegno dei rifugiati nordcoreani che hanno avuto esperienze simili alla tua e sei un attivista vocale che fa campagna per i diritti umani di tutti i nordcoreani. Puoi darci una panoramica del tipo di lavoro che stai facendo e quali sono le tue speranze per il futuro?

Nel Regno Unito ci sono circa 700 rifugiati nordcoreani. Hanno anche vissuto come me, ma non molte persone parlano. Uno dei motivi per cui una persona potrebbe non essere in grado di condividere le proprie esperienze è dovuto a problemi linguistici. Come me quando sono arrivato nel Regno Unito 14 anni fa – non parlavo affatto inglese, quindi non capivo la cultura inglese e quello che le persone dicevano e chiedevano [a noi], quindi è stato molto difficile.

Il mio primo progetto è stato insegnare l'inglese ai rifugiati nordcoreani. È iniziato nel 2016 e lo faccio ancora adesso. Ho incontrato molte persone da tutto il mondo: ONG, studenti universitari e anche politici. Ma molte persone non capiscono le questioni relative ai diritti umani della Corea del Nord, in particolare la tratta di esseri umani e la schiavitù moderna. Ho pubblicato un libro su queste esperienze e questo è anche il mio lavoro futuro: pubblicare voci nordcoreane. Voglio anche continuare ad aiutare i rifugiati con competenze linguistiche nel Regno Unito e anche sostenere [i rifugiati] con problemi di salute mentale perché molte persone affrontano ancora traumi e non sanno come risolverlo. Quindi mi piacerebbe vedere programmi di salute mentale forniti anche in futuro.

 

Quando hai deciso per la prima volta di fuggire dalla Corea del Nord? Quali condizioni ti hanno spinto a prendere quella decisione e come sei riuscita a scappare?

La mia prima fuga è stata nel 1998. Non conoscevamo il termine "diritti umani" e non avevamo mai sentito parlare della Dichiarazione universale dei diritti umani perché la Corea del Nord ha tagliato le informazioni dall'esterno del paese. Questo non ci ha mai raggiunto poiché la Corea del Nord è un paese dittatura. Ma non lo capivamo quando vivevo in Corea del Nord perché il governo ci diceva sempre che la Corea del Nord è il paese più grande del mondo, non solo in Asia, e il socialismo è fantastico.

Ci è stato detto che in paesi come la Corea del Sud e l'America ci sono molti senzatetto, le persone non sono libere di accedere all'istruzione o agli ospedali. In confronto a ciò, credevamo che la Corea del Nord fosse un grande paese. Il governo nordcoreano non ha mai menzionato i diritti umani o le libertà, niente del genere è stato menzionato. Quindi non lo sapevamo. Il governo ci dava riso ogni mese, che era una quantità diversa ogni volta. Credevamo che il nostro governo fosse davvero un grande leader mondiale.

Ma negli anni '1990, il governo ha interrotto il nostro cibo e la gente ha iniziato a morire di fame. Nel 1994 c'è stata una carestia. Abbiamo visto molti cadaveri per strada ei nostri parenti sono morti davanti a noi. Mio zio è morto di fame davanti a me. Anche mio padre era malato ma il governo non ci ha dato né riso né medicine. Nel 1998, molte persone come me hanno cercato di fuggire dalla Corea del Nord perché avevano bisogno di cibo in Cina. Volevano sopravvivere.

A quel tempo non capivamo la libertà ma volevamo sopravvivere. Ecco perché sono dovuto scappare dalla Corea del Nord. A quel tempo al confine tra Corea del Nord e Cina non c'era una recinzione, quindi le persone potevano attraversare il confine ma c'era il rischio che fossimo visti dai soldati che ci avrebbero sparato immediatamente. Sono scappato nel mezzo di una fredda notte di febbraio. Il fiume era ghiacciato. Quando ho attraversato a metà strada, i soldati nordcoreani hanno iniziato a urlare contro di noi ea sparare con i loro fucili. Ma sono sopravvissuto e ho attraversato la zona di confine.

Una volta in Cina, contrabbandieri e trafficanti attendevano nelle zone di confine per rapire le donne e le ragazze.

 

Com'è stata quell'esperienza di attraversare il confine con la Cina? Come ti sei ritrovato ancora una volta in Corea del Nord?

La prima volta che sono scappato e sono arrivato in Cina, ho notato che c'erano molte persone che vivevano nelle zone lungo il fiume. Quando ho attraversato il confine ho trovato una casa e ho bussato alla porta. Mi hanno fatto entrare e mi hanno dato da mangiare: riso bianco, uova e carne. Questa è stata una vera sorpresa per me perché ho appreso [in Corea del Nord] che la Cina era un paese molto povero e anche il popolo cinese era davvero affamato. Ma questa persona viveva in una casa con luci e televisione. Avevano riso, carne, uova. È stata una sorpresa per me come la mia prima esperienza in Cina.

Poi questa persona mi ha detto che il loro posto non è sicuro perché potevamo già sentire gli spari sul lato del confine con la Corea del Nord. Abbiamo rischiato che la polizia cinese venisse a cercarci la mattina presto e poi ci rimandasse in Corea del Nord. Questo è stato un momento davvero orribile e spaventoso. Questa persona mi ha detto che aveva un amico in una zona della città, quindi lo ha contattato per chiedergli di aiutarci a partire. Il suo amico è arrivato e ci siamo trasferiti in un altro posto, ma questa persona era in realtà un trafficante di esseri umani e mi ha venduto a un cinese.

Ho trascorso sei anni in Cina e ho avuto un figlio. Ma da bambino era apolide perché io ero nordcoreano, quindi il governo cinese non gli ha mai dato un'identificazione. Poiché mio figlio era apolide, non poteva andare in ospedale oa scuola. Dopo sei anni in Cina, qualcuno mi ha denunciato alla polizia cinese e una notte le autorità cinesi sono venute a casa mia e mi hanno arrestato e rimandato in Corea del Nord. Un accordo firmato tra Cina e Corea del Nord afferma che la Cina non riconoscerà i nordcoreani fuggiti come rifugiati. Ecco perché il governo cinese rimanda ancora i nordcoreani in Corea del Nord. I cittadini cinesi possono essere pagati dalle autorità per denunciare i nordcoreani. Così sono stato rimandato indietro e sono stato separato da mio figlio di cinque anni. Lui è rimasto in Cina e io sono stato mandato in Corea del Nord.

Il governo cinese afferma che i nordcoreani sono migranti illegali, non rifugiati. Ecco perché i nordcoreani non sono mai al sicuro in Cina.

 

Per coloro che vengono sorpresi mentre tentano di scappare, cosa succede quando vengono riportati in Corea del Nord?

Quando veniamo rimandati in Corea del Nord, veniamo mandati come criminali "antisocialisti". Molte persone che scappano dalla Corea del Nord vogliono solo trovare cibo e vogliono sopravvivere. Ma le autorità nordcoreane non lo riconoscono, dicono solo che sono criminali. Ecco perché finiamo in detenzione. Siamo torturati, imprigionati e puniti.

Molte persone scappano in primo luogo per motivi economici, ma quando vengono rimandate in Corea del Nord vengono trattate come se partissero per motivi politici. Il governo nordcoreano ci pone tre domande: hai incontrato sudcoreani in Cina? Hai visitato una chiesa? E abbiamo tentato di raggiungere la Corea del Sud? Quindi queste sono tutte questioni politiche. Perché la Corea del Nord non ha mai ammesso chiese o religioni all'interno della Corea del Nord e la Corea del Sud è ancora un nemico in Corea del Nord.

Ci hanno mandato in un campo di concentramento e ci siamo rimasti. Le donne incinte che vengono rimandate in Corea del Nord sono soggette ad aborti forzati perché il governo nordcoreano non accetterà quel bambino. Quindi uccidono questi bambini non ancora nati. Dopo essere state sottoposte a questo, le donne sono costrette ai lavori forzati in montagna. Alcune donne non si riprendono dal punto di vista medico dalla procedura di aborto e finiscono per morire. È indicibile che questo stia accadendo all'interno della Corea del Nord e che oggi esistano sistemi di campi di detenzione.

 

Il lavoro forzato è un elemento chiave del sistema totalitario della Corea del Nord. Puoi spiegare come il lavoro forzato sia così diffuso e qual è la realtà per le persone che vivono oggi in Corea del Nord?

In Corea del Nord si dice che non ci sia nulla da invidiare e che tutti siano uguali. Ma in realtà le persone lavoravano per salari molto bassi o per niente. Anche il lavoro minorile è un problema. I bambini iniziano a scuola all'età di sette anni e dopo la scuola, di solito lavorano in aree agricole, in montagna o puliscono strade e scuole per alcune ore. Dall'età di 13 anni in poi sono costretti a intraprendere più lavoro in autunno e primavera lavorando in diverse fattorie. A 17 anni, ragazzi e ragazze dovrebbero entrare nell'esercito.

Questo è davvero terribile e scioccante. Anche le donne si svegliano presto al mattino e sono costrette a lavorare in montagna, strade e fattorie. Questo è tutto lavoro forzato all'interno della Corea del Nord, ma molte persone non riescono a immaginare come sia. Il lavoro forzato dei nordcoreani avviene anche all'estero in altri paesi come Russia, Cina e alcuni paesi europei. Queste persone lavorano in condizioni davvero difficili ma non ottengono il loro intero stipendio, ricevono solo il 10% circa del loro stipendio e il resto è trattenuto dal governo nordcoreano. L'intero paese è una forma di schiavitù moderna.

 

Alla fine sei arrivato nel Regno Unito. Com'è stata quell'esperienza?

Quando ero in un campo di lavoro nordcoreano, le condizioni erano indicibili. Questi campi in Corea del Nord sono come un 21st olocausto del secolo. Lavoravo nel campo senza scarpe, a piedi nudi nelle zone di montagna facendo lavori pesanti. Ho avuto un grave problema alla gamba e sono quasi morto in quel campo di prigionia.

Mi hanno rilasciato e mi hanno detto che non potevo morire all'interno del campo. Sono stato fortunato a sopravvivere fuori dal campo. Avevo perso tutti i membri della mia famiglia, mio ​​figlio in Cina era la mia unica famiglia. Ho sempre parlato di ritrovare mio figlio ancora una volta e di costruire il suo futuro. Quel pensiero mi ha dato forza e mi ha aiutato a sopravvivere in Corea del Nord. Le mie condizioni sono migliorate un po' e sono dovuto essere rimandato in Cina, non avevo scelta. Non avevo soldi e il confine con la Cina era molto controllato, quindi non potevo scappare di nuovo da solo. Ma volevo ricongiungermi con mio figlio, quindi sono stato aiutato da un trafficante a portarmi in Cina.

Siamo arrivati ​​in Cina con cinque persone tra cui una ragazza, un uomo anziano e un altro uomo. Noi cinque siamo scappati ma il secondo uomo ha rinunciato al suo viaggio a metà strada perché si è ammalato. Abbiamo continuato a camminare e siamo arrivati ​​in Cina. Ma molte persone in Cina stanno tenendo d'occhio per denunciare i nordcoreani. Abbiamo attraversato zone di montagna ed è stato davvero difficile per me perché la gamba mi faceva ancora male ma non l'ho detto ai trafficanti e ho continuato a camminare. Il viaggio è stato davvero doloroso ed è stato un viaggio lungo, lungo. Quando siamo arrivati, il trafficante non mi ha venduto perché avevo salvato la vita alla sua famiglia in Corea del Nord, quindi mi ha rilasciato e poi sono andato a cercare mio figlio.

Quando ho finalmente incontrato mio figlio, sono rimasta scioccata. Era come un bambino di strada. La famiglia di suo padre non si era presa cura di lui perché ero stato rimandato in Corea del Nord. È stato sostanzialmente abbandonato. Non si sono mai preoccupati di lui. È stato davvero straziante per me. Ma quando ho tenuto mio figlio in braccio è stato un momento fantastico. Nel 2007 un pastore americano-coreano ci ha aiutato e nel 2008 siamo sbarcati nel Regno Unito. Il mio viaggio di libertà è stato un viaggio di 10 anni dal 1998 al 2008.

 

C'è qualcosa che pensi che il Regno Unito e la comunità internazionale potrebbero fare per sostenere le persone che sono fuggite dalla Corea del Nord e quelle sottoposte al lavoro forzato oltre i confini della Corea del Nord?

La schiavitù moderna e la tratta di esseri umani sono ancora un problema nel Regno Unito In qualità di attivista per i diritti umani e membro del partito conservatore – mi sono candidato alle elezioni locali nel 2021 e nel 2022 – continuo ad alzare la voce e dire al governo cosa sta succedendo nel Regno Unito e tutto il mondo. Ecco perché le voci dei sopravvissuti sono davvero importanti al giorno d'oggi.

Anche l'istruzione è molto importante. La Corea del Nord è un paese totalitario e le persone vivono una vita di schiavitù. Dobbiamo continuare a sensibilizzare sulle condizioni di vita delle persone. L'altro problema sono i lavoratori forzati all'estero in Cina, Russia e alcuni paesi europei. Le persone non riconoscono che questi lavoratori sono in schiavitù, quindi è importante per i paesi in cui viene utilizzato questo lavoro forzato che riconoscano ciò che sta accadendo e salvino queste persone.

Le voci dei sopravvissuti sono così importanti, ma può essere difficile parlare. Siamo fuggiti dalla Corea del Nord e abbiamo trovato la libertà in altri paesi, ma le nostre famiglie sono ancora in Corea del Nord. Possono essere puniti e sottoposti a violenza all'interno della Corea del Nord. Molti sopravvissuti non possono parlare perché hanno paura di ciò che accadrà ai loro cari. Il lavoro di attivismo al di fuori della Corea del Nord può essere ancora molto pericoloso perché non sappiamo se stiamo lasciando noi stessi o i nostri cari aperti agli attacchi. Ma se la comunità internazionale e le ONG lavorano con noi, allora possiamo alzare la voce insieme. Questo mi dà speranza.

 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

8 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
ADAS
ADAS
1 mese fa

La storia è sia agghiacciante che scalda il sangue! È giunto il momento che le persone comprendano il valore della vita umana e dei diritti umani in tutto il mondo. Non ci interessa davvero cosa succede dall'altra parte del recinto. Se non c'è uno sforzo globale per rompere queste barriere, ognuno di noi può trovare se stesso o i propri cari dall'altra parte. Immagina l'incubo!

Dana
Dana
1 mese fa

Benedico l'autore di questo articolo e suo figlio. Lettori altrove: per favore, non prendete la parola di nessuno tranne quella di Marx per quale sistema è socialista; ci sono stati dittatori per un secolo a cui piace definirsi socialisti. Per una spiegazione più facile da leggere, cfr Democrazia al lavoro; socialismo volere essere grandioso quando possiamo stabilirlo a livello nazionale.

Gen
Gen
1 mese fa

che donna coraggiosa. storia straziante 😔

GIOVANNI MASCARENHAS
GIOVANNI MASCARENHAS
1 mese fa

questa è UNA STORIA DELL'HORROR. FORSE HOLLYWOOD DOVREBBE PRENDERE NOTA DI ESSO E RITRATTARLO SU FIM PER RENDERE IL MONDO A CONOSCENZA DI QUESTA CRIMINALITÀ PERPETUATA DAL GOVERNO DEL NORD COREA E APPROFITTASI DELLA RUSSIA, DELLA CINA E DEI PAESI IN EUROPA DOVE QUESTO LAVORO SCHIAVI VIENE UTILIZZATO.

Kris Grey
1 mese fa

Il regime è peggiore dei nazisti della Germania, quando succederà il resto se il mondo interverrà e farà qualcosa al riguardo? Non ho mai capito perché qualcuno dovrebbe voler trattare le persone in questo modo, costringendole a rimanere in un paese, per cosa? Omino orribile la cui unica pretesa di essere lì è che suo padre era lì prima di lui.