Immagina la tua peggiore esperienza. Come vorresti che fosse raccontata la tua storia? - FreedomUnited.org

Immagina la tua peggiore esperienza. Come vorresti che fosse raccontata la tua storia?

  • Edizione del
    7 Febbraio 2020
  • Scritto da:
    Miriam Karmali
  • Categoria:
    Storie di sopravvissuti
Banner eroe

A gennaio il team di Freedom United ha tenuto il suo primo seminario My Story, My Dignity alla conferenza Faith and Anti-trafficking organizzata dalle Università di Sheffield e Leeds.

Guidato dai membri del nostro team, Joanna Ewart-James e Miriam Karmali, e dal fotografo collaboratore Jeremy Abrahams, il seminario si è concentrato sul fornire ai partecipanti abilità pratiche per rappresentare la schiavitù moderna con precisione, rispetto e dignità.

My Story, My Dignity è stata la prima campagna lanciata sotto Freedom United. Ha iniziato chiedendo alle grandi case dei media di mostrare l'importanza di trattare con dignità le storie dei sopravvissuti alla schiavitù moderna, rivedendo le loro guide di stile e assicurandosi che siano allineate con la guida sviluppata dai sopravvissuti per stabilire uno standard da seguire per gli altri.

Da allora, la campagna si è sviluppata per sollecitare individui, aziende e organizzazioni del movimento contro la schiavitù a impegnarsi a seguire questo stesso standard.

Sebbene sia essenziale aumentare la consapevolezza dei problemi e della prevalenza della schiavitù moderna, le immagini sensazionalizzate e il linguaggio tipicamente utilizzati per farlo non riflettono la realtà della schiavitù moderna e servono a perpetuare narrazioni dannose.

Le immagini e il linguaggio sensazionalisti possono creare o rafforzare involontariamente stereotipi o pregiudizi negativi, minando gli sforzi per porre fine alla schiavitù moderna attraverso la mancata identificazione delle vittime e rendendo ancora più difficile la capacità dei sopravvissuti di riprendersi.

Al workshop di venerdì, il nostro team ha iniziato portando i partecipanti attraverso i quattro principi principali di My Story, My Dignity:

  1. Scegli immagini rispettose che siano rappresentative del problema. Scegli attentamente le immagini stock.
  2. Seleziona un testo che rappresenti accuratamente la storia. Fai attenzione a evitare il linguaggio sensazionalista.
  3. Rispetta il diritto dei sopravvissuti alla privacy e alla dignità.
  4. Ottieni il consenso preventivo per l'utilizzo di una storia personale, sii trasparente e accurato sul processo e su come verrà utilizzato.

 

Il workshop ha portato a un pubblico dal vivo il lavoro svolto da Freedom United come parte di My Story, My Dignity per sostenere i sopravvissuti e cambiare il modo in cui parliamo di schiavitù moderna.

Le competenze diffuse da seminari come questo sono importanti sia che il lavoro di comunicazione sia formale - attraverso una ONG, ad esempio - o informale, come sui social media. Senza un cambiamento nella messaggistica popolare, i progressi verso la fine della schiavitù moderna saranno inevitabilmente frenati.

Nel frattempo, My Story, My Dignity Pledge di Freedom United è stato firmato da 34 organizzazioni e 18,287 individui fino ad oggi. Aderendo alla promessa, queste organizzazioni e individui si sono impegnati a garantire rappresentazioni accurate e rispettose.

Insieme, stiamo costruendo un movimento che supporta i sopravvissuti e motiva l'azione contribuendo a portarlo a termine.

Vuoi saperne di più su My Story, My Dignity? Dai un'occhiata a le nostre linee guida interne approvato dall'organizzazione Survivor Alliance guidata dai sopravvissuti.

Speriamo e incoraggiamo gli altri a copiare le linee guida di Freedom United, che promuoviamo sulla nostra home page e nelle nostre e-mail. Ci auguriamo che ispirino variazioni di queste linee guida sviluppate per adattarsi ai ruoli e alle responsabilità specifiche delle diverse organizzazioni.

Agisci e firma la promessa di seguito.

 

Questa settimana

Shein potrà raccogliere miliardi sulla borsa statunitense?

Mentre Shein presenta in via riservata un’offerta pubblica iniziale negli Stati Uniti, le domande sul lavoro forzato nella sua catena di fornitura riemergono, gettando un’ombra sul tanto atteso debutto pubblico. Il gigante dell’e-commerce con sede in Cina, valutato potenzialmente 90 miliardi di dollari, si trova ad affrontare il controllo di legislatori e attivisti, riaccendendo le richieste di trasparenza riguardo alle sue pratiche di produzione. Richieste di responsabilità I critici hanno espresso a lungo preoccupazioni per il fatto che Shein, noto per le sue

| Mercoledì 29 novembre 2023

Leggi di più