di cotone

Vincere una campagna prima ancora che inizi: il potere della persuasione preventiva

5
Supply Chain

Abbiamo appena avuto un impatto ancor prima che i nostri sostenitori avessero la possibilità di essere coinvolti!

Il più delle volte, la campagna è l'unico modo per effettuare un cambiamento comportamentale. In definitiva, tuttavia, speriamo di cambiare anche i valori in modo che la necessità di campagne scompaia del tutto.

E lo stiamo vedendo in azione! Il nostro movimento che combatte la schiavitù moderna sta crescendo e trasmette così tanto potere che a volte solo il pensiero di una campagna è sufficiente per far sì che il cambiamento avvenga. Ecco un esempio di una campagna che eravamo pronti a lanciare ma non dovevamo, grazie alla forza della nostra community.

Il caso Wayfair: advocacy di successo attraverso la consultazione

Il mese scorso, abbiamo scoperto che il popolare negozio online americano di mobili e articoli per la casa, Wayfair, vendeva centinaia di articoli, principalmente asciugamani, pubblicizzati come prodotti con cotone del Turkmenistan nei loro negozi online. Quelli di noi nella comunità di Freedom United che hanno fatto campagna gratuito Gaspar Matalaev, che è stato imprigionato dal governo del Turkmenistan con false accuse, conosce fin troppo bene l'entità del lavoro forzato sponsorizzato dallo stato nell'industria del cotone del paese.

Il Turkmenistan è il nono produttore e settimo esportatore di cotone al mondo, ma ad ogni raccolto il governo turkmeno mobilita con la forza i suoi cittadini a lavorare nei campi di cotone in condizioni simili alla schiavitù moderna. Lo stato possiede la maggior parte della terra, la concede in affitto agli agricoltori a cui vengono poi assegnate le quote imposte dal governo per incontrarsi durante il raccolto. I lavoratori del settore pubblico, inclusi insegnanti, medici, infermieri e personale governativo, e gli studenti sono quindi costretti a raccogliere cotone per una paga minima o nulla per soddisfare le quote.

Il mancato raggiungimento degli obiettivi comporta il rischio di licenziamento, perdita di terreni, espulsione dalla scuola e molestie da parte dei datori di lavoro o del governo. Nonostante l'esistenza di una legislazione nazionale che vieta il lavoro minorile e un divieto del 2008 del lavoro minorile nel settore del cotone, i bambini continuano a lavorare nei campi per aiutare i genitori a rispettare le loro quote.

Per anni abbiamo fatto parte del comitato direttivo di una coalizione di organizzazioni di tutto il mondo, che si sono mobilitate contro il lavoro minorile e forzato nella produzione di cotone in Uzbekistan e Turkmenistan. Chiamato la campagna del cotone, i membri provengono da diversi settori che vanno dai diritti umani al business responsabile alla legge. Ad oggi, quella della coalizione Impegno di cotone turkmeno è stato firmato da oltre 100 aziende che promettono di non rifornirsi di cotone dal Turkmenistan fino a quando il sistema statale di lavoro forzato non sarà terminato.

Come Amazon, eBay e Walmart prima di loro, Wayfair probabilmente non vendeva solo merci di lavoro forzato; agivano anche in violazione della legge statunitense. A seguito della petizione della Cotton Campaigns, la US Customs and Border Protection ha imposto a divieto a livello nazionale di importazione su tutti i prodotti di cotone e cotone prodotti in tutto o in parte con cotone del Turkmenistan dal 2018.

Abbiamo scritto a Wayfair come membro della Cotton Campaign sollevando queste preoccupazioni e chiedendo a Wayfair di rimuovere questi prodotti dai suoi siti, nonché di condurre un rigoroso monitoraggio di due diligence della sua catena di fornitura. Stavamo già preparando documenti rilevanti per lanciare una campagna quando siamo rimasti sbalorditi dal quasi rimozione immediata di tutti gli articoli realizzati con cotone turkmeno dai negozi Wayfair!

Questo significa successo e che la catena di fornitura di Wayfair è chiara? No. Abbiamo invitato Wayfair a interagire con noi e stiamo ancora aspettando la loro risposta. Vogliamo una risposta alla nostra chiamata secondo cui Wayfair si sta assumendo le proprie responsabilità per garantire che non stia vendendo beni contaminati da lavoro forzato o violazioni dei diritti umani. Per ora, siamo lieti che abbiano reso più difficile per molti prodotti di cotone di lavoro forzato raggiungere il mercato, ma è una mossa facile che non risponde a tutte le nostre preoccupazioni.

Ci piacerebbe essere messi senza lavoro!

Alcuni potrebbero chiedersi perché non proviamo a lavorare con le aziende invece di prenderle di mira pubblicamente. La verità è che lo facciamo. Quando questo fallisce, affidiamo la questione alla nostra straordinaria ed enorme comunità rendendo la nostra chiamata più difficile da ignorare. A volte, ci vuole solo una nota informativa per gli azionisti della società ottenere che Proctor & Gamble si impegni a riferire sulle proprie catene di approvvigionamento dell'olio di palma. Altre volte, ci vogliono le voci di oltre 120,000 persone e il lavoro di tre organizzazioni convincere la dogana degli Stati Uniti a bloccare le importazioni di olio di palma contaminato.

Siamo un'organizzazione indipendente motivata dal desiderio di porre fine al grave sfruttamento e al lavoro forzato di persone in tutto il mondo. Vogliamo demistificare realtà complesse che si traducono in sofferenze inaccettabili. Vogliamo cambiare i sistemi che perpetuano quella sofferenza e sfruttamento. A volte, questo implica sconvolgere potenti corporazioni o governi sottolineando gli errori dei loro modi. Non ci piace questo compito, ma troppo spesso è l'unico modo a nostra disposizione.

Ma crediamo che il nostro lavoro sia cruciale per garantire un cambiamento sostenibile verso un mondo in cui lo sfruttamento è l'eccezione e non la norma. Quindi, conduciamo numerose campagne, ospitiamo webinar e organizziamo proteste. Creiamo petizioni. Scriviamo lettere. Parliamo ai media.

Collaboriamo formalmente e informalmente a numerose altre campagne con centinaia di organizzazioni. E prefiguriamo anche la maggior parte di questa azione rivolgendoci silenziosamente alle aziende e alle agenzie governative, concedendo loro il beneficio del dubbio sulla loro consapevolezza delle situazioni spaventose che le loro azioni perpetuano, e chiediamo loro di fare meglio.

Perché lo facciamo?

Perché la portata del lavoro forzato nel mondo oggi è spaventosamente alta. In un dato giorno, circa 40.3 milioni di persone in tutto il mondo vengono sfruttate per fini commerciali, costrette dalla coercizione o dall'intimidazione a lavorare contro la loro volontà, mettendo a rischio la loro vita, il loro benessere e la loro dignità.

Molti sono coinvolti nella produzione di beni che raggiungono le catene di approvvigionamento globali, come il cotone in soffici asciugamani, che poi invadono il mercato a prezzi allettanti. La moderna industria della schiavitù è altamente redditizia, generando profitti illegali probabilmente grossolanamente sottostimati di $ 150 miliardi ogni anno, rendendo il lavoro forzato il secondo crimine internazionale più grande al mondo. Fino a quando tutti gli sforzi e le strade non saranno esauriti, non possiamo e non ci fermeremo.

Detto questo, è altrettanto gratificante quando il cambiamento avviene quando non ricorriamo all'agitazione - questo perché ci dice che ci stiamo muovendo nella giusta direzione - gli autori e i loro facilitatori sanno che quello che stanno facendo è sbagliato e non lo fanno. Non serve essere molto persuaso per fare la cosa giusta.

Questo è l'aspetto del progresso - e questa è una vittoria per tutti noi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

5 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Julie Forsyth
Julie Forsyth
1 anno fa

Grazie. Forse abbiamo raggiunto la massa critica e la vergogna e l'etica stanno cominciando ad esserlo

Caterina Cosman
Caterina Cosman
1 anno fa

Congratulazioni! Il Turkmenistan è uno stato così chiuso e repressivo che è molto difficile sapere cosa succede lì, per non parlare di migliorare la vita del suo popolo longevo. Cotone e gas naturale sono le sue due principali esportazioni. In qualità di cliente Wayfair, sono lieto di apprendere della sua rapida risposta positiva a questo urgente problema cronico di abusi sul lavoro/diritti umani.

Victoria Wallace
Victoria Wallace
1 anno fa

wow questo è incredibile. Non avrei mai saputo che stava succedendo se non avessi controllato la mia posta elettronica. grazie mille ragazzi per aver parlato di questo problema 🙂

tu
tu
1 anno fa

Sono contento di vedere che il tuo uso di una varietà di tattiche a volte può portare a risultati sorprendentemente rapidi. Congratulazioni!

Amy
Amy
1 anno fa

Ovviamente i Wayfair sono stati cooperativi ... qualsiasi cosa per evitare la pubblicità che avrebbe portato più persone a conoscere il presunto traffico di bambini tramite il loro sito web.