Rapporto sul campo: Moussa Biram e Abdellahi Matallah Saleck sono stati rilasciati dalla detenzione

Obiettivo:

Attivisti mauritani contro la schiavitù, il signor Moussa Biram e il signor Abdellahi Matalla Saleck, per essere trasferiti da una remota prigione nel deserto a Bir Moghrein in una prigione nella capitale di Nouakchott dove possono accedere all'assistenza sanitaria e ricevere visite regolari dai loro avvocati e parenti. La campagna ha chiesto il loro rilascio immediato dalla detenzione arbitraria in cui entrambi gli attivisti avrebbero accusato di essere stati sottoposti a tortura.

Sommario:

Insieme a 11 colleghi attivisti contro la schiavitù, Moussa e Abdellahi sono stati accusati di aver preso parte a una protesta organizzata contro il governo e detenuti nel 2016 con l'accusa di incitamento a rivolte e ribellione violenta contro il governo. Tuttavia, nessuna prova di questi crimini è stata fornita durante il processo e nessuno dei due attivisti era presente alla protesta. Moussa e Abdellahi sono rimasti in detenzione dopo che 9 dei loro colleghi sono stati rilasciati, presumibilmente per coprire le loro ferite di tortura. Sono innocenti e non avrebbero mai dovuto essere detenuti, accusati o condannati per questi crimini, ma sono stati perseguitati come attivisti contro la schiavitù.

Freedom United ha collaborato con 12 organizzazioni chiedendo al ministro della Giustizia della Mauritania di trasferire Moussa e Abdellahi da una remota prigione nel deserto di Bir Moghrein a una prigione nella capitale Nouakchott. Ciò consentirebbe loro di accedere all'assistenza sanitaria e a visite regolari da parte dei loro avvocati, amici e parenti. Abbiamo anche chiesto che le accuse di tortura di Moussa e Abdellahi siano formalmente indagate e il rilascio immediato e incondizionato di Abdellahi e Moussa.

Dal lancio della campagna di Freedom United nel novembre 2017, oltre 32,000 sostenitori hanno firmato la petizione chiedendo giustizia per Moussa e Abdellahi.

Risultato:

Il 12 luglio 2018, il signor Moussa Biram e il signor Abdellahi Matalla Saleck sono stati finalmente rilasciati dalla detenzione. Ciò è seguito alla crescente pressione internazionale delle Nazioni Unite, dell'Unione africana, degli attivisti e dei sostenitori della Mauritania da tutto il mondo che chiedono la fine della schiavitù in Mauritania e la libertà per gli attivisti anti-schiavitù di continuare il loro lavoro in pace. Nel gennaio 2018, il nostro partner Freedom Now ha presentato una petizione a un gruppo di lavoro delle Nazioni Unite che ha concluso che la detenzione di Moussa e Abdellahi era arbitraria, in violazione del diritto internazionale e che dovevano essere rilasciati immediatamente.

Siamo felicissimi che Moussa e Abdellahi siano finalmente liberi e speriamo di vedere un cambiamento duraturo in Mauritania che consentirà agli attivisti anti-schiavitù di lavorare per porre fine alla schiavitù senza timore di rappresaglie.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Jeanet
Jeanet
anni fa, 4

Questa è un'ottima notizia! Sono davvero degli eroi!