Rapporto sul campo: Malesia: porre fine alla schiavitù per debiti per i lavoratori migranti

Foto: il nostro partner locale, Tenaganita, consegna la petizione della campagna al Ministero delle Risorse Umane della Malesia.

Obiettivo:

Impedire al Ministero delle Risorse Umane della Malaysia di dare seguito alla proposta del Ministro M. Kulasegaran di consentire ai datori di lavoro di detrarre il 20% dagli stipendi dei lavoratori stranieri per evitare che fuggano dai loro posti di lavoro.

Il ministro ha definito questa situazione come una "situazione vantaggiosa per tutti" per datori di lavoro e lavoratori, in cui i lavoratori migranti sarebbero in grado di riscuotere l'importo detratto quando lasciano il paese dopo la scadenza del loro permesso di lavoro. Tuttavia, poiché lo scopo di questa politica era impedire ai lavoratori migranti di fuggire dai loro luoghi di lavoro, l'attenzione avrebbe dovuto essere la causa principale del motivo per cui i lavoratori lasciano il lavoro. Un numero significativo di coloro che fuggono lo fa a causa di condizioni di lavoro di sfruttamento, che includono la trattenuta del salario, l'abuso e il sovraccarico di lavoro.

Con una stima di due milioni di lavoratori migranti in Malesia - in gran parte da Bangladesh, Nepal e Indonesia - la proposta di detrarre il 20% dagli stipendi dei lavoratori stranieri era particolarmente pericolosa dato che molti lavoratori erano già schiavi del debito, incapaci di pagare le tasse di reclutamento per sfruttamento , e mirava apertamente a limitare la loro libertà di movimento.

Sommario:

Il ministro M. Kulasegaran ha proposto la detrazione dello stipendio del 20% sui lavoratori migranti nel 2018, presentando la proposta al Consiglio consultivo nazionale del lavoro nel dicembre 2018 per raccogliere il contributo delle parti interessate. Freedom United e la nostra ONG partner locale in Malesia, Tenaganita, si sono rapidamente mobilitati in risposta, lanciando la nostra campagna che chiede l'annullamento della proposta per il rischio di schiavitù per debiti posto ai lavoratori migranti. Il ministro Kulasegaran aveva precedentemente dichiarato “guerra contro lavoro forzato e traffico di esseri umani”In Malaysia, rendendo la sua proposta chiaramente contraddittoria con le sue promesse di proteggere i lavoratori dallo sfruttamento.

Il 12 marzo 2019 Tenaganita ha scritto al Ministero delle Risorse Umane per chiarimenti sullo stato della proposta ma non ha ricevuto risposta. Alla fine di maggio 2019, abbiamo sentito dal Ministero che erano "nel bel mezzo della raccolta di input dalle parti interessate pertinenti attraverso una serie di impegni relativi a questa proposta". Tuttavia, queste consultazioni non hanno incluso le organizzazioni della società civile che lavorano con le comunità colpite.

In seguito, il 13 giugno 2019 Tenaganita ha incontrato i rappresentanti del Ministero delle Risorse umane per consegnare la nostra petizione congiunta con 18,194 firme della comunità di Freedom United, esortando il Ministero ad annullare la proposta di detrazione del 20%.

Il controllo internazionale sul trattamento dei lavoratori migranti da parte della Malesia è aumentato nell'agosto 2019, con il Relatore speciale delle Nazioni Unite su povertà estrema e diritti umani che ha rilasciato una dichiarazione che sollevava serie preoccupazioni riguardo ai diritti dei lavoratori migranti in Malesia, sostenendo che "il numero e la coerenza dei rapporti che documentano gli abusi contro i lavoratori migranti dovrebbe essere considerato uno scandalo ".

Risultato:

A seguito della consegna della nostra petizione al Ministero delle Risorse Umane, non ci sono stati aggiornamenti pubblici sull'avanzata proposta di detrazione del 20%. Inoltre, a causa dei cambiamenti nel governo della Malesia, il 10 marzo 2020 il Ministro Kulasegaran è stato sostituito dal Ministro Datuk Seri M. Saravanan. Da quando è entrato in carica, non ci sono state notizie sulla proposta accolta dal nuovo ministro, e Tenaganita richieste di chiarimenti sullo stato della proposta non hanno ricevuto risposta.

Sulla base di questi sviluppi, riteniamo che la nostra campagna e la consegna della petizione al Ministero delle risorse umane siano riuscite a tenere a bada questa proposta, dimostrando che le pressioni delle ONG internazionali e locali sul Ministero per annullare la proposta sono state efficaci.


Il nostro partner in questa campagna:

Tenaganita

Tenaganita è un'organizzazione malese per i diritti umani dedicata ad assistere, costruire, sostenere e proteggere migranti, rifugiati, donne e bambini dallo sfruttamento, dagli abusi, dalla discriminazione, dalla schiavitù e dal traffico di esseri umani.


Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Dariusz
Dariusz
1 anno fa

È naturale per gli umani che sono pieni di avidità. I lavoratori migranti sono stati esaminati per decenni ovunque. Privarli dell'opportunità di guadagnare una vita dignitosa riflette la triste situazione del mondo attuale.