Rapporto sul campo: ritirate subito le accuse contro Andy Hall

Obiettivo:

Per far cadere tutte le accuse contro l'attivista per i diritti dei lavoratori migranti Andy Hall, che è stato citato in giudizio dalla società thailandese di ananas Natural Fruit nel febbraio 2013 per diffamazione civile e penale, nonché per violazioni del Computer Crimes Act. Le cause derivavano dal rapporto "Cheap has a High Price" pubblicato dall'ONG Finnwatch, a cui Andy Hall ha contribuito, documentando lavoro forzato e altri reati contro i diritti dei lavoratori commessi da Natural Fruit. Ciò includeva la confisca dei passaporti e dei documenti d'identità dei lavoratori, il pagamento di salari inferiori al salario minimo legale, la richiesta ai dipendenti di lavorare ore eccessive senza una retribuzione adeguata e l'abuso fisico da parte dei superiori.

Andy Hall ha affrontato un'ardua e lunga battaglia legale con Natural Fruit mentre affrontava un assalto di accuse e molestie. Natural Fruit non solo ha inizialmente intentato una causa nel febbraio 2013, ma ha intentato un'altra serie di azioni legali per diffamazione penale e civile contro di lui nel luglio 2013 sulla base di un'intervista rilasciata ad Al-Jazeera nel giugno 2013. In difesa di Andy Hall come attivista giustamente documentare casi di lavoro forzato in Thailandia, Freedom United ha fatto una campagna per far cadere tutte le accuse mosse da Natural Fruit contro di lui presentando una petizione al Procuratore Generale thailandese, al Ministero del Lavoro, al Ministero degli Affari Esteri e al Ministero della Giustizia.

Sommario:

La battaglia legale di Andy Hall con Natural Fruit è durata otto anni, giungendo finalmente al termine l'11 maggio 2021, quando la Corte Suprema thailandese lo ha assolto da tutte le accuse nell'ultimo caso rimanente portato contro di lui dalla società thailandese di ananas Natural Fruit. Tuttavia, cercare giustizia non è stato facile, poiché Andy Hall ha subito continue molestie e intimidazioni che alla fine lo hanno portato a lasciare la Thailandia. Come ha notato Hall in un'intervista del 2017 con Freedom United, “Si tratta di persecuzione. È un caso politico cercare di zittirmi ... Sono qualcuno che sta rivelando cose che il governo e l'industria non vogliono che riveli ".

Cronologia degli eventi:

Rapporto Finnwatch e denunce per diffamazione penale e crimini informatici:

Nell'agosto 2015, la Corte penale di Bangkok South ha accettato il caso contro Andy Hall, iniziando il processo per la causa intentata da Natural Fruit nel febbraio 2013 per diffamazione penale e crimini informatici legati al rapporto Finnwatch. Nel gennaio 2016, Andy Hall è stato incriminato e dichiarato non colpevole. Nello stesso anno, nel settembre 2016, il tribunale penale di Bangkok lo ha dichiarato colpevole, condannandolo a quattro anni di prigione e una multa di 200,000 baht thailandesi. La sua condanna è stata successivamente ridotta a una pena detentiva di tre anni con sospensione della pena e una multa di 150,000 baht thailandesi, che è stata pagata dagli alleati di Hall presso il Thai Union Group, la Thai Tuna Industry Association e Finnwatch.

Nel dicembre 2016, Natural Fruit ha presentato appello, chiedendo che Andy Hall fosse immediatamente arrestato nonostante il fatto che non risiedesse più in Thailandia. Il 28 aprile 2018, il tribunale penale meridionale di Bangkok ha emesso un mandato di arresto per Andy Hall, invitandolo a sentire il verdetto della Corte d'appello il 31 maggio 2018. La Corte d'appello ha annullato il verdetto del tribunale di primo grado, stabilendo che egli non aveva agito illegalmente e che era possibile che violazioni dei diritti del lavoro si fossero verificate presso la fabbrica di Natural Fruit, aggiungendo che la sua ricerca era stata condotta nell'interesse pubblico. Natural Fruit ha presentato ricorso contro la sentenza della Corte d'Appello, rinviando il caso alla Corte Suprema.

Infine, il 30 giugno 2020 la Corte Suprema ha assolto Andy Hall da tutte le denunce penali e reati informatici accusati contro di lui, confermando il verdetto della Corte d'appello del 2018.

Intervista di Al-Jazeera e reclamo per diffamazione penale e civile: 

Nel giugno 2013, Andy Hall ha rilasciato un'intervista ad Al-Jazeera mentre era in Myanmar. Al suo rilascio, Natural Fruit ha intentato una causa contro di lui per diffamazione penale e civile. Nell'ottobre 2014, il tribunale provinciale di Phra Khanong ha respinto l'accusa di diffamazione relativa all'intervista di Al-Jazeera. Natural Fruit e l'Ufficio del Procuratore generale hanno impugnato la decisione, ma nel settembre 2016 la Corte d'appello ha confermato il licenziamento.

Ciò non ha fermato Natural Fruit e l'Ufficio del Procuratore generale, tuttavia, poiché successivamente hanno presentato ricorso per inviare il caso alla Corte suprema. Nel novembre 2016, la Corte Suprema ha affermato il licenziamento, confermando la sentenza del tribunale di grado inferiore secondo cui le indagini non erano state svolte correttamente e che i tribunali thailandesi non avevano giurisdizione in questo caso perché il presunto reato è avvenuto durante un colloquio in Myanmar.

Nel novembre 2016, il tribunale provinciale di Phra Khanong ha respinto la causa civile per diffamazione sostenendo che non era competente, cosa che Natural Fruit ha presentato ricorso. Nell'agosto 2017, la Corte d'appello ha annullato la decisione, ordinando alla Corte provinciale di procedere con il processo. Il 26 marzo 2018, il tribunale si è pronunciato contro Andy Hall, ordinandogli di pagare 10 milioni di baht thailandesi a titolo di risarcimento danni alla Natural Fruit Company. Hall ha presentato appello il 6 settembre 2018, ma il 22 maggio 2019 il tribunale di Phra Khanong ha respinto il suo appello e ha confermato la sentenza sui 10 milioni di baht thailandesi. Andy Hall fece appello e il caso fu inviato alla Corte Suprema.

Infine, l'11 maggio 2021 la Corte Suprema thailandese ha emesso il verdetto finale in un caso di diffamazione civile e risarcimento danni presentato dall'esportatore di ananas Natural Fruit Company Ltd. contro Andy Hall.

La Corte Suprema ha respinto le sentenze del tribunale di grado inferiore secondo cui Hall era colpevole di diffamazione di Natural Fruit e responsabile del risarcimento danni alla società di 10 milioni di baht thailandesi (circa 265 euro). È importante sottolineare che la corte ha anche stabilito che la ricerca e la pubblicazione di accuse da parte di Hall nelle interviste e per iscritto riguardanti gravi violazioni dei diritti contro i lavoratori migranti presso Natural Fruit sono state eseguite in buona fede ed erano accurate.

Contro-cause legali di Andy Hall:

Nel maggio 2017, Andy Hall ha intentato una contro-querela contro nove pubblici ministeri e un funzionario di polizia per condotta illecita e dolosa. Ha affermato che la loro indagine sul caso di diffamazione collegato all'intervista ad Al-Jazeera violava la legge thailandese. Tuttavia, il caso è stato archiviato il 19 ottobre 2017 dalla Corte penale per casi di corruzione e cattiva condotta e nuovamente nel luglio 2018 dalla Corte d'appello.

Andy Hall ha anche intentato una contro-querela contro tre dirigenti di Natural Fruit e un avvocato impiegato da Natural Fruit per presunta presentazione di una falsa denuncia per diffamazione criminale sull'intervista di Al-Jazeera. Il 25 ottobre 2017, il tribunale provinciale di Phra Khanong ha incriminato due dei dirigenti di Natural Fruit e ha respinto le accuse per gli altri imputati.

Azioni intraprese da Freedom United:

La prima campagna è stata lanciata nel 2014, raccogliendo 209,589 azioni che chiedevano a Natural Fruit di ritirare tutte le accuse contro Andy Hall e di indagare schiavitù moderna nella loro attività. Natural Fruit ha rifiutato di far cadere le accuse o di condurre un'indagine.

Così, il 19 agosto 2015 Freedom United ha lanciato la nostra campagna chiedendo alle autorità thailandesi di ritirare le accuse contro Andy Hall e di chiedere che tutti i casi pendenti venissero ritirati in tandem con i nostri partner, Trades Union Congress, Burma Campaign UK, il Forum internazionale dei diritti dei lavoratorie Finnwatch.

Da allora, abbiamo raccolto quasi 137,500 firme di petizioni dalla nostra comunità in tutto il mondo, aumentando significativamente il profilo del suo caso a livello internazionale.

Azioni intraprese da Freedom United durante questa campagna:

    • Nel giugno 2016, abbiamo inviato 9 lettere agli ambasciatori thailandesi presso le ambasciate thailandesi in Australia, Canada, Germania, India, Indonesia, Italia, Turchia, Stati Uniti e Regno Unito, che hanno espresso la nostra preoccupazione per l'accusa di Andy Hall in quanto costituisce un pericoloso precedente per gli attivisti contro la schiavitù in Thailandia. Abbiamo ricevuto risposte dagli ambasciatori thailandesi in Australia e Italia, che hanno affermato che il governo thailandese non poteva intervenire nel caso di Andy Hall in quanto avrebbe comportato ingerenze giudiziarie. Hanno anche affermato che i difensori dei diritti umani erano protetti dalla legge thailandese e che il governo stava lavorando per migliorare la situazione dei lavoratori migranti nel paese.
    • Nel luglio 2016, abbiamo organizzato un Thunderclap a #FreeAndyHall, mobilitando la comunità di Freedom United per far conoscere il suo caso sui social media.
    • Nel luglio 2016, abbiamo raccolto testimonianze video di 9 sostenitori di Freedom United in tutto il mondo, spiegando perché ritenevano che le accuse contro Andy Hall dovessero essere ritirate.
    • Nel marzo 2017 abbiamo scritto all'ambasciatore thailandese nel Regno Unito, ribadendo l'effetto agghiacciante che l'accusa di Andy Hall stava avendo sulla denuncia di lavoro forzato e schiavitù moderna in Thailandia e chiedendo l'opportunità di incontrare l'ambasciatore per consegnare le firme della nostra petizione.
    • Il 10 dicembre 2016, Freedom United si è unita a una coalizione per inviare una lettera al primo ministro thailandese Prayut Chan-o-cha, sostenendo che la condanna di Andy Hall renderebbe più difficile per i lavoratori migranti garantire il rispetto dei propri diritti.
    • Nel marzo 2018, a seguito della sentenza che ordinava ad Andy Hall di pagare danni per un totale di 10 milioni di baht thailandesi, la comunità di Freedom United si è riunita per aiutare a raccogliere fondi per coprire le sue spese legali in appello contro il verdetto.

Risultato:

La decisione della Corte Suprema dell'11 maggio 2021 di scagionare Andy Hall dell'ultima diffamazione civile e danni rimasti, nonché la sentenza della corte del 30 giugno 2020 di assolverlo per diffamazione penale e reati informatici, sono state notizie benvenute. Tuttavia, la lunga battaglia legale mostra fino a che punto alcune aziende sono disposte ad arrivare per mettere a tacere gli attivisti che denunciano schiavitù moderna.

Il caso di Hall ha persino attirato l'attenzione degli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite, che hanno criticato le cause intentate contro di lui, affermando che erano un esempio di cause strategiche contro la partecipazione pubblica (SLAPP). Gli SLAPP relativi alla diffamazione sono stati sempre più utilizzati negli ultimi anni in Thailandia da società collegate a lavoro forzato e violazioni dei diritti del lavoro come mezzo per mettere a tacere i critici.

In risposta alla sentenza finale della Corte Suprema dell'11 maggio 2021 Andy Hall ha detto in un comunicato stampa:

“Accolgo con favore la sentenza odierna. Ma dopo anni di continue vessazioni giudiziarie che hanno pesato molto su di me, sulla mia famiglia e sui miei colleghi, questa non è una vittoria. Il mio attivismo per oltre un decennio in Thailandia era inteso solo a promuovere e sostenere i diritti fondamentali di milioni di lavoratori migranti nel paese. Questi lavoratori continuano a trovarsi senza voce in situazioni ad alto rischio di lavoro forzato e soggetti a violazioni sistemiche dei diritti umani e del lavoro in tutto il mondo. catene di fornitura. ''

'' Non ho mai inteso danneggiare alcun legittimo interesse commerciale attraverso il mio lavoro e sono sempre rimasto sinceramente aperto alla riconciliazione con tutti coloro che potrebbero sentirsi offesi dal mio stile di campagna, per porre fine una volta per tutte a questo continuo ciclo irrazionale di contenzioso contro di me e i miei colleghi. "

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
giovanni bestevaar
giovanni bestevaar
1 anno fa

Gli esseri umani sono benedetti con molti talenti e poteri. Quindi sono sempre stupito che alcuni scelgano un percorso che sfrutti totalmente i deboli e gli impotenti. e li rende schiavi o uccisi per il mercato nero degli organi. Le aziende devono essere regolamentate e controllate per il bene comune e non solo per il profitto privato e illegale.

Sally Lee
Sally Lee
1 anno fa

Andy Hall non ha bisogno di essere "nominato cavaliere" ma qualcosa di simile. Per tutti quegli anni in cui ha lottato per diffondere quel messaggio per promuovere i diritti degli immigrati è degno di una medaglia (non necessariamente in quella forma) ma di un qualche tipo di riconoscimento. Lui stesso e la sua famiglia hanno sofferto così tanto. sono lieto di sentire che le petizioni funzionano!

Filippo Mansfield
11 mesi fa

Davvero contento che sia stato scagionato. È stato un terribile calvario per lui e la sua famiglia.