Rapporto sul campo: Gaspar è finalmente libero

Obiettivo:

Per garantire la libertà di Gaspar Matalaev a seguito della sua prigionia con accuse false dopo la pubblicazione del suo lavoro da esporre lavoro forzato nei campi di cotone del Turkmenistan.

Sommario:

Gaspar Matalaev è un eminente attivista per i diritti umani in Turkmenistan che riferiva sul sistema di lavoro forzato nel paese durante la raccolta del cotone 2016. Il 4 ottobre 2016, Gaspare è stato arrestato due giorni dopo la pubblicazione della sua opera di segnalazione sulle condizioni di lavoro forzato e lavoro minorile nella raccolta del cotone del Turkmenistan, e un giorno dopo che il ministro della Sicurezza nazionale è stato severamente rimproverato dal presidente turkmeno in una riunione del Consiglio di sicurezza di Stato per non aver represso adeguatamente l'attivismo nel paese.

Secondo quanto riferito, Gaspare è stato torturato dalla corrente elettrica mentre era in custodia per costringerlo a confessare false accuse di frode e corruzione, a seguito delle quali è stato condannato a tre anni di reclusione.

Nonostante le promesse del governo turkmeno di rilasciare Gaspar, ha scontato il suo intero mandato in detenzione. Ci siamo uniti al nostro partner, il Campagna di cotone, nel richiamare l'attenzione internazionale sul caso e sulla campagna di Gaspar per il rilascio di Gaspar.

Insieme abbiamo sollevato il suo caso con il presidente del Turkmenistan; ha scritto agli ambasciatori turkmeni in Germania, Francia, Belgio, Regno Unito e Stati Uniti prima dei Giochi asiatici di Ashgabat del 2017; ha consegnato la petizione e ha manifestato davanti all'Ambasciata del Turkmenistan a Washington DC nel maggio di quest'anno, evidenziando la sua situazione nei forum internazionali.

Tuttavia, le autorità hanno ignorato tutte le richieste di liberazione di Gaspar.

Risultato:

A marzo 2017 abbiamo lanciato una campagna in collaborazione con il Campagna di cotone per sfruttare la voce della comunità internazionale che chiama a liberare Gaspar.

 

Anche se siamo sollevati per il rilascio di Gaspar, non stiamo festeggiando. Gaspar non avrebbe mai dovuto passare tre anni dietro le sbarre con false accuse per aver lavorato per denunciare lavoro forzato nei campi di cotone del Turkmenistan. Siamo grati a tutti coloro che si sono uniti alla campagna per liberare Gaspar - al suo rilascio, uno dei primi messaggi di Gaspar è stato quello di ringraziare tutti coloro che lo hanno sostenuto negli ultimi anni.

Continueremo a fare campagna per la libertà degli attivisti di continuare il loro lavoro cruciale per smascherare lo sfruttamento e lavoro forzato, libero dalla minaccia di molestie e detenzione.


Il nostro partner in questa campagna:

Logo della campagna di cotone

Campagna di cotone

La Campagna del cotone è una coalizione di organizzazioni per i diritti umani, sindacati, investitori socialmente responsabili e associazioni imprenditoriali unite per porre fine al lavoro forzato di bambini e adulti nell'industria del cotone in Uzbekistan. Dal 2007, la Cotton Campaign ha chiesto ai governi, alle aziende e agli investitori di utilizzare la loro influenza per porre fine a questa continua e sistematica violazione dei diritti umani. La sua difesa ha contribuito a passi fondamentali verso la garanzia dei diritti fondamentali del lavoro per i cittadini uzbeki e turkmeni.


Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
giovanni bestevaar
2 anni fa

È un oltraggio ai diritti umani che i governi sovrani siano legalmente in grado di ridurre in schiavitù i propri cittadini e nessuno farà nulla per fermarlo.