I lavoratori domestici migranti chiedono la fine del sistema kafala in Libano

I lavoratori domestici migranti chiedono la fine del sistema kafala in Libano

0
Altra schiavitù

“I datori di lavoro controllano letteralmente la nostra libertà. Molti di loro sono violenti e nessuno li ritenga responsabili ". - Tsigereda Brihanu è un'ex collaboratrice domestica e attivista

Imperterriti dall'aggravarsi della crisi economica in Libano, i lavoratori domestici migranti continuano a unirsi e fare campagne per porre fine al sistema di sfruttamento della kafala nel paese che intrappola questi lavoratori nello sfruttamento, negli abusi e nella servitù domestica. Gli effetti del COVID-19 e del crollo della valuta locale stanno solo aumentando l'urgente necessità di garantire ai lavoratori domestici migranti i loro diritti in linea con gli standard internazionali.

Lucy Turay è fondatrice del Domestic Worker Advocacy Network e attivista che lavora per aumentare la consapevolezza dei pericoli del sistema kafala che devono affrontare i lavoratori domestici in Libano. Nel suo paese d'origine, la Sierra Leone, si batte per una maggiore protezione dei lavoratori domestici migranti, ricordando le proprie esperienze di collaboratrice domestica in Libano.

Qui, spiega esattamente cosa c'è che non va nel sistema:

“La situazione di schiavitù è dovuta al sistema di sponsorizzazione perché la persona sa di avere diritto a ... e per questo la maggior parte delle persone ci tratta come schiavi. Abbiamo [sperimentato] molti abusi. Non solo dalla Sierra Leone ma da molti altri paesi, come l'Etiopia, il Ghana. Non vogliamo un visto di sponsorizzazione, stiamo sostenendo un visto di lavoro. Vogliamo che le persone ci aiutino ad abolire il sistema kafala ".

Il Libano ospita una stima 250,000 lavoratori domestici migranti ufficialmente registrati che costituiscono il 4% della popolazione del paese di 6 milioni. Questi lavoratori sono in modo schiacciante donne che sono emigrate da paesi come Etiopia, Bangladesh, Sierra Leone, Filippine e Sri Lanka, e sono impiegati in famiglie private con visti sponsorizzati, assunti per aiutare nelle pulizie, prendersi cura di bambini e anziani, cucinare e altre faccende domestiche.

Come risultato della crisi economica, la situazione dei lavoratori domestici è diventata disastrosa e alcuni sono stati scaricati dai loro datori di lavoro al di fuori delle loro ambasciate senza i loro salari dovuti, i loro passaporti o qualsiasi mezzo finanziario per tornare nel loro paese di origine. Per alcuni, tornare senza la paga non è un'opzione. Senza il sostegno finanziario promesso dal loro lavoro in Libano, alcune donne riferiscono di temere ritorsioni da parte delle loro comunità, compreso il rischio di violenza e morte.

Siamo preoccupati che la legge non stia fornendo una protezione adeguata ai lavoratori domestici dallo sfruttamento. Freedom United ha firmato una lettera aperta coordinata dai partner di This Is Lebanon in cui esorta il Ministero del lavoro libanese a fornire una guida chiara sui diritti dei lavoratori domestici migranti al pagamento del salario e alla conservazione dei documenti legali.

I lavoratori domestici migranti in Libano sono esclusi dalla legge sul lavoro del paese e sono invece governati dal sistema kafala, un sistema di sponsorizzazione in base al quale il diritto dei lavoratori di lavorare e vivere nel paese è legato al loro datore di lavoro. Lo sfruttamento dei lavoratori domestici è inevitabilmente facilitato in queste condizioni. I datori di lavoro sono sicuri che i loro dipendenti non possono lasciare il loro impiego senza rischiare la detenzione e l'espulsione, e quindi un estremo squilibrio di potere determina condizioni di sfruttamento del lavoro, lasciando ai lavoratori domestici migranti poco ricorso a meccanismi di reclamo e giustizia.

Tsigereda Brihanu è un'ex lavoratrice domestica e co-fondatrice di Egna Legna, un'organizzazione che si batte per i diritti dei lavoratori domestici migranti in Libano ed Etiopia. Tsigereda spiega come il sistema kafala influisce sui lavoratori domestici migranti nella loro vita quotidiana:

“Molti di loro pagano pochissimo, nemmeno il salario minimo, pagano ad esempio 150 $ per i lavoratori etiopi. Non pagano i nostri stipendi in tempo ea volte non ci pagano affatto. Non abbiamo la libertà o la scelta di lasciare o cambiare lavoro. Quindi puoi dire che la situazione con il sistema di sponsorizzazione è già molto brutta nella misura in cui 2 lavoratori domestici si suicidano ogni settimana in Libano ".

 

Si è esercitata pressione sul Ministero del lavoro libanese per affrontare questo sistema ingiusto che disciplina i diritti del lavoro che colloca il lavoro domestico come una forma di lavoro sottovalutata, nonostante la dipendenza dai lavoratori domestici che svolgono alcuni dei lavori più vitali nelle nostre comunità. La perdita di potere attiva di questi lavoratori sotto il sistema kafala è ulteriormente aggravata da discriminazione intersezionale contro i lavoratori domestici migranti come donne di colore prevalentemente migranti che sono soggette al razzismo strutturale e alla disumanizzazione coerente che consente il prosperare dell'estremo sfruttamento dei lavoratori domestici migranti.

Nel 2019, l'Organizzazione internazionale del lavoro ha coordinato a Gruppo di lavoro sulla riforma di Kafala, istituito dall'ex ministro del Lavoro libanese, Camille Abousleiman. Le organizzazioni per i diritti umani, inclusa Amnesty International, sono state invitate a contribuire al lavoro del gruppo di lavoro per stabilire un percorso verso smantellare il sistema kafalae nel marzo 2020 il piano di azione e la bozza di contratto rivista è stata discussa alla consultazione nazionale sulla riforma di Kafala.

Nello stesso anno, il ministro del lavoro libanese Lammia Yammine ha emesso il contratto standard unificato rivisto per governare le relazioni tra i lavoratori domestici migranti ei loro datori di lavoro, una mossa che ha indicato un inizio importante per l'eventuale smantellamento di un sistema intrinsecamente sfruttatore. L'ILO riportato:

“Il contratto stabilisce chiaramente che i lavoratori domestici possono lasciare la famiglia durante il loro giorno di riposo settimanale e le ferie annuali, e che non sono tenuti a pagare le tasse di assunzione o i relativi costi. Vieta inoltre ai datori di lavoro di trattenere i salari e di confiscare passaporti e altri documenti personali ".

Tuttavia, gli sforzi per migliorare l'accesso ai diritti fondamentali del lavoro per i lavoratori domestici migranti si sono arrestati poiché l'attuazione del contratto si è interrotta nell'ottobre 2020 in seguito respingimento da parte delle agenzie di reclutamento in Libano come "il Sindacato dei proprietari delle agenzie di reclutamento ha presentato una denuncia al Consiglio della Shura il 21 settembre chiedendo al consiglio di bloccare e annullare le due decisioni del ministro del lavoro di adottare il nuovo contratto unificato standard per i lavoratori domestici migranti". Quasi 90% dei lavoratori domestici migranti in Libano vengono reclutati tramite agenzie e, come tali, queste agenzie di reclutamento esercitano una notevole influenza.

Con l'attuale sistema kafala, i lavoratori domestici migranti perderebbero il loro status di residenza e non potrebbero cambiare datore di lavoro senza il permesso del loro datore di lavoro, anche in casi di abuso che sono comuni.

Amnesty International riportato in 2019 che oltre la metà dei lavoratori domestici migranti intervistati in Libano sono stati costretti a "lavorare più di 10 ore al giorno e hanno avuto meno di otto ore continue di riposo [...] Tra i lavoratori domestici conviventi, solo cinque su 32 hanno detto che avevano il permesso di tenere i loro passaporti con sé ".

Unisciti a oltre 87,000 sostenitori globali che esortano gli stati, incluso il Libano, a dimostrare progressi nella protezione dei diritti dei lavoratori domestici migranti garantendo che lo status di immigrazione dei lavoratori non sia legato ai loro datori di lavoro, aumentando la loro vulnerabilità allo sfruttamento e alla servitù domestica.

Stand con i lavoratori domestici migranti in Libano da firmando la petizione chiedendo al Libano di ratificare la Convenzione sui lavoratori domestici e garantire che i lavoratori domestici siano protetti meglio dal lavoro forzato, dalla tratta e dagli abusi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.