Chiedendo ai college e università storicamente neri (HBCU) di disinvestire dalla schiavitù carceraria

0
Altra schiavitù

Sei uno studente, ex alunni o un membro del personale della HBCU che desidera agire? Aggiungi il tuo nome qui sotto per chiamare la tua università a disinvestire dalla schiavitù carceraria!

""
1
Firma la lettera agli HBCU

Chiedere alle HBCU di disinvestire da Aramark e dal lavoro carcerario forzato.

Nomeil tuo nome completo
Articoli
Successiva

Chiediamo a Historically Black Colleges and Universities (HBCU) di disinvestire da Aramark Company, una società di servizi di ristorazione che detiene contratti con i servizi di correzione negli Stati Uniti e ha collegamenti ben documentati a segnalazioni di lavoro forzato all'interno delle carceri.

Il 21 luglio 2020, abbiamo scritto ai college HBCU che hanno contratti con la società chiedendo loro di disinvestire da Aramark. Questo include 14 scuole:

  1. Alabama Agricultural & Mechanical University
  2. Alabama State University
  3. Delaware State University
  4. Fayetteville State University
  5. Meharry Medical College
  6. Morehouse College di
  7. Morehouse School of Medicine
  8. Southern University e A&M College
  9. Southern University di Shreveport
  10. Università del Sud a New Orleans
  11. Spelman College
  12. Tennessee State University
  13. Università dell'Arkansas a Pine Bluff
  14. Winston-Salem State University

Oggi, stiamo ribadendo la nostra chiamata all'azione insieme a Be Better Belmont chiedendo a questi college di disinvestire e assumere la leadership all'interno del movimento per porre fine alla schiavitù moderna negli Stati Uniti.

Per troppo tempo l'industria pubblica e privata degli Stati Uniti è riuscita a farla franca sfruttando la manodopera di detenuti e immigrati, spesso guadagnando enormi profitti nel processo, nel peggiore dei casi sotto la minaccia di punizione o punizione.

Il nostro appello a disinvestire da Aramark non cerca di minare il potenziale valore positivo di lavoro carcerario in riabilitazione quando è fornita su un contratto liberamente concordato dal detenuto. Tuttavia, stiamo assistendo a un sistema di sfruttamento che ha un impatto sproporzionato sulle comunità nere e marroni, per la manodopera a basso costo, che in alcuni casi equivale alla schiavitù moderna.

In effetti, ci sono Aramark, la contea di Alameda e lo sceriffo Gregory Ahern citato in giudizio presso un tribunale federale per lavoro forzato, così come le violazioni del Trafficking Victims Protection Act e della legge della California che impone alle aziende di pagare ai detenuti un salario equo. I querelanti, oltre a non essere pagati per il loro lavoro, affermano di essere stati minacciati di isolamento o di pene più lunghe se si rifiutavano di lavorare. Sgt. Ray Kelly, il portavoce dell'ufficio dello sceriffo, ha ammesso che "L'intera operazione è gestita dalla società Aramark", aggiungendo che l'accordo della contea con Aramark è meno costoso che pagare salari e benefici ai dipendenti non incarcerati.

È chiaro che negli Stati Uniti c'è un crescente movimento di ispirazione per il disinvestimento dal complesso industriale della prigione. Il New York Times ha delineato il lavoro di Robasciotti & Philipson, un consulente per gli investimenti incentrato sulla giustizia sociale e la fine del razzismo sistemico, che raccomanda specificamente disinvestimento da Aramark grazie ai suoi contratti con oltre 500 strutture correzionali in tutto il paese. Inoltre, il L'American Friends Service Committee raccomanda il disinvestimento da Aramark a causa dei suoi legami con l'industria della detenzione delle prigioni e degli immigrati. Il presidente Biden ha anche recentemente firmato un ordine esecutivo che chiede al Dipartimento di giustizia di non rinnovare più il loro contratti con strutture di detenzione criminale gestite privatamente.

Dalla nostra prima lettera, un numero crescente di college e università che stipulano contratti con Aramark sono ora sotto pressione da parte di studenti ed ex alunni per recidere i legami con la società di servizi alimentari. Abbiamo visto studenti a Università di PrincetonGeorgetown University, e persino Università Carleton in Canada chiedono che le loro istituzioni disinvestano dal complesso industriale della prigione, a cominciare da Aramark. Gli istituti di istruzione superiore non dovrebbero contrattare con società direttamente collegate a casi documentati di violazioni dei diritti umani nel settore carcerario.

Esortiamo le HBCU a terminare i loro contratti con Aramark, disinvestendo così dalla schiavitù moderna e resistendo agli abusi facilitati dal complesso industriale della prigione.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.