Lavoratori domestici migranti nel Regno Unito

“Finché non vinciamo”: Lotta incessante dei lavoratori domestici contro lo sfruttamento

1
Attivisti contro la schiavitùSchiavitù domestica

"[Con il Libertà unita] petizione Mi sento come se avessi delle persone dietro di me. Mi sento così forte. […] Sento che le persone stanno iniziando a sentire la nostra voce. […] E spero che non ci fermiamo Là, dobbiamo fare sempre di più fino a quando non vinciamo". – Lucy Turay, attivista dei lavoratori domestici e fondatore di Domestic Worker Advocacy Network

Il lavoro domestico fa parte di tutte le nostre vite. Il lavoro domestico è l'assistenza all'infanzia, la pulizia, la cura degli anziani, l'assistenza ai malati, la cucina, il mantenimento della casa. Il lavoro domestico è difficile, richiede lunghe ore di lavoro, è spesso sottovalutato e sottopagato ed è assolutamente essenziale per mantenere in funzione le nostre società. Se tutti i lavoratori domestici lavorassero in un paese, questo paese sarebbe il decimo datore di lavoro più grande al mondo. Eppure, del stimato 75 milioni lavoratori domestici in tutto il mondo, la stragrande maggioranza – oltre l'80% – sono occupati in modo informale, quindi esclusi dalle tutele sociali e lavorative. 

In combinazione con la natura isolata del lavoro domestico che spesso si svolge in abitazioni private a porte chiuse, i lavoratori sono maggiormente a rischio di sfruttamento, tratta e abusi. Molte lavoratrici domestiche sono donne che appartengono a comunità emarginate, razzializzate e migranti. Coloro che sono lavoratori migranti sono anche soggetti a requisiti di immigrazione restrittivi in ​​tutto il mondo che legano il loro status di immigrato ai loro datori di lavoro, determinando uno squilibrio di potere che perpetua le condizioni di sfruttamento. 

La Giornata internazionale dei lavoratori domestici è un'occasione per fare il punto sull'impressionante organizzazione dei lavoratori domestici in tutto il mondo che si stanno impegnando a rivendicare i propri diritti attraverso diversi meccanismi, uno dei quali è la Convenzione sui lavoratori domestici dell'ILO. Conosciuta anche come C189, questa convenzione è stata negoziata nel 2011 per garantire ai lavoratori domestici gli stessi diritti degli altri lavoratori. 

C189 ha segnato una pietra miliare nel movimento per i diritti dei lavoratori domestici ed è il primo standard internazionale che riconosce il valore del lavoro domestico come lavoro stabilendo obblighi per gli stati per garantire che i lavoratori domestici siano protetti dagli abusi e dallo sfruttamento e che essi "godere di condizioni di lavoro eque e condizioni di lavoro dignitose" tra le altre misure. Ad oggi, solo 35 paesi hanno ratificato la Convenzione e, in quei paesi, l'effettiva attuazione rimane una priorità per i lavoratori domestici.  

Oltre 89,000 nella comunità Freedom United stanno rafforzando la richiesta dei lavoratori domestici ai governi di tutto il mondo di ratificare la C189 e proteggere meglio i lavoratori domestici dallo sfruttamento.

Scopri di seguito quali sfide stanno affrontando i lavoratori domestici nel Regno Unito, in Libano e negli stati del Golfo, come si stanno organizzando per i loro diritti e cosa sta facendo la comunità di Freedom United per amplificare i loro sforzi.

 

Libano

I lavoratori domestici migranti in Libano sono esclusi dal diritto del lavoro del Paese e sono invece regolati dal sistema della kafala, un sistema di sponsorizzazione in base al quale il diritto dei lavoratori a lavorare e vivere nel Paese è legato al loro datore di lavoro.

Lo sfruttamento dei lavoratori domestici è inevitabilmente facilitato in queste condizioni. I datori di lavoro sono sicuri nella consapevolezza che il loro dipendente non può lasciare il proprio lavoro senza rischiare la detenzione e l'espulsione, e quindi uno squilibrio di potere estremo guida condizioni di sfruttamento del lavoro lasciando i lavoratori domestici migranti con scarso ricorso ai meccanismi di reclamo e giustizia.

Il depotenziamento attivo di questi lavoratori nell'ambito del sistema kafala è ulteriormente aggravato dalla discriminazione intersezionale contro i lavoratori domestici migranti in quanto prevalentemente donne migranti di colore che sono soggette a razzismo strutturale e a una consistente disumanizzazione che consente lo sfruttamento estremo dei lavoratori domestici migranti per prosperare. 

Sono aumentate le pressioni sul Ministero del Lavoro libanese affinché affronti questo sistema ingiusto che regola i diritti del lavoro che considera il lavoro domestico una forma di lavoro sottovalutata, nonostante la dipendenza dai lavoratori domestici che svolgono alcuni dei lavori più vitali nelle nostre comunità. 

Lucy Turay, ex collaboratrice domestica e fondatrice di Domestic Worker Advocacy Network, sta conducendo una lettera aperta al Ministero del Lavoro libanese chiedendo al Libano di porre fine al sistema di sfruttamento della kafala e ratificare la Convenzione sui lavoratori domestici per garantire che i lavoratori domestici siano meglio protetti dal lavoro forzato, dalla tratta e dagli abusi. Oltre 14,000 nella comunità Freedom United hanno firmato la lettera aperta, ma dobbiamo mantenere la pressione. Aggiungi il tuo nome alla lettera oggi. 

Uregno unito 

Nel 2012, il governo del Regno Unito ha introdotto il visto vincolato, che impedisce ai lavoratori domestici all'estero di cambiare datore di lavoro. Il visto vincolato aumenta il rischio di schiavitù domestica perché cercare di sfuggire a situazioni di sfruttamento potrebbe significare l'arresto, l'allontanamento dal Regno Unito o anche un ulteriore sfruttamento. 

Un sondaggio condotto dall'organizzazione partner di Freedom United, la Voice of Domestic Workers, ha rilevato che nel Regno Unito: 

  • Il 77% dei lavoratori domestici migranti ha subito abusi fisici, verbali o sessuali; 
  • Il 51% ha riferito di non aver ricevuto cibo a sufficienza; 
  • Il 61% non ha avuto un proprio spazio nelle case dei datori di lavoro. 

 

Prima del cambiamento del 2012, i lavoratori domestici provenienti dall'estero sarebbero stati autorizzati a cambiare datore di lavoro e, dopo cinque anni, avrebbero richiesto lo status di immigrazione sicuro nel Regno Unito noto come congedo di soggiorno a tempo indeterminato. Alla fine, questo gruppo di lavoratori potrebbe anche richiedere la piena cittadinanza britannica. 

Le condizioni previste da questo visto originale per lavoratore domestico d'oltremare significavano che i lavoratori domestici migranti avevano il potere di lasciare i datori di lavoro abusivi e trovare un'occupazione alternativa senza rischiare di rimanere privi di documenti. 

Ma nel 2012 il sistema è cambiato in peggio. I lavoratori domestici migranti potevano entrare e lavorare nel Regno Unito solo con un visto non rinnovabile di sei mesi, con il loro status di immigrazione legato al loro datore di lavoro - in Medio Oriente, questo è comunemente noto come sistema kafala (sponsorizzazione).  

Inoltre, non ci sarebbe più una via di insediamento per i lavoratori domestici migranti nel Regno Unito 

La comunità di Freedom United ha condotto per anni una campagna insieme ai lavoratori domestici nel Regno Unito, sollecitando il ripristino dei diritti dei lavoratori domestici migranti. Non ci arrendiamo. Unisciti alla campagna oggi e continuiamo a spingere il governo a fare la cosa giusta. 

Il Golfo 

Si stima 6 milioni le persone sono impiegate come lavoratrici domestiche negli stati del Golfo e almeno l'83% dei lavoratori nella regione sono migranti. In Kuwait per esempio, 90% dei lavoratori domestici provengono da Bangladesh, India, Filippine e Sri Lanka.

Il lavoro domestico è un'importante fonte di occupazione nel Golfo, ma le persone dietro questi numeri sono troppo spesso invisibili dietro le porte delle famiglie private e non tutelate dalla legislazione nazionale. 

Nessuno degli stati del Golfo ha ratificato C189, ma Bahrain e Kuwait hanno esteso alcune leggi sul lavoro includere i lavoratori domestici. Tuttavia, la maggior parte dei lavoratori domestici è esclusa dalla maggior parte delle tutele del lavoro, come i giorni di riposo garantiti, e i lavoratori domestici migranti continuano a essere regolati da sistemi di sponsorizzazione restrittivi che legano il loro status di immigrato al loro datore di lavoro.

Inoltre, poiché il Confederazione internazionale dei sindacati note: 

"TIl divieto di esercitare il diritto alla libertà di associazione e di contrattazione collettiva costituisce un grave ostacolo alla prevenzione delle situazioni di lavoro forzato e alla miglioramento dei salari e delle condizioni di lavoro. I lavoratori domestici migranti continueranno ad avere difficoltà a far valere i propri diritti ea promuovere i propri interessi senza sindacati a difenderli."

Norme più severe per proteggere i lavoratori domestici sono attese da tempo. Inviando oggi un messaggio al governo del tuo Paese puoi contribuire ad avviare un effetto domino verso tutti i Paesi che attuano le misure di protezione offerte dalla Convenzione. Al momento in cui scrivo, il governo spagnolo ha votato per ratificare C189 diventando il nono Stato membro dell'UE a farlo.  

C'è ancora molta strada da fare, ma se un numero sufficiente di noi continua a sostenere i lavoratori domestici ea chiedere di meglio dai nostri governi, possiamo creare la volontà politica affinché i governi agiscano. Unisciti alla campagna oggi!

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Pietro Giacobbe
Pietro Giacobbe
3 mesi fa

“Il lavoro domestico… è assolutamente essenziale per mantenere in funzione le nostre società”. La parola d'ordine qui è “essenziale”. Una lezione è stata appresa in tutto il mondo durante la pandemia: i lavoratori "essenziali" ci hanno tirato fuori. Non solo i medici e le infermiere, ma anche gli operatori sanitari e sì, allo stesso modo, i lavoratori domestici erano così essenziali. Lo slancio per il riconoscimento, condizioni di lavoro sicure e un'adeguata compensazione e soprattutto fermare lo sfruttamento è qui. Cogliamo insieme l'attimo!